Ricerche

Interneuroni: permettono al cervello di funzionare 'calmando' altri neuroni

Interneuroni: permettono al cervello di funzionare 'calmando' altri neuroniTre diversi tipi di cellule nell'ippocampo (BC, HCP, e HIPP) erano note per le loro diverse morfologie (sopra). Una nuova ricerca dimostra che esse rispondono alla stimolazione elettrica (tracce nere) inibendo altre cellule nervose in modi molto diversi (in basso), consentendo un'elaborazione più potente delle informazioni. (Fonte: Uni Freiburg)L'ippocampo è una piccola struttura nel cervello dei mammiferi con un ruolo cruciale nel processo di acquisizione degli stimoli dai nostri sensi e nel permettere alle percezioni di essere memorizzate come ricordi.


Un tipo di cellule nervose (neuroni) che inibiscono l'attività di altre cellule hanno ora dimostrato di avere un ruolo molto più grande e più complesso in questi processi di quanto si era ipotizzato in precedenza.


I team guidati dal Prof. Dr. Marlene Bartos del Cluster di Eccellenza BrainLinks-Braintools dell'Università di Friburgo e dal Prof. Dr. Imre Vida del Cluster di Eccellenza NeuroCure dell'ospedale Charité di Berlino riferiscono questi risultati nell'edizione attuale del Journal of Neuroscience.


Nel loro studio, gli scienziati hanno esaminato come dei tipi speciali di cosiddetti interneuroni stabiliscano connessioni tra di loro all'interno dell'ippocampo, e come la loro funzione influenzi la rete di cellule nervose nel suo complesso. Gli interneuroni non inducono altre cellule nervose ad attivarsi, ma al contrario, glielo vietano. Questo tipo di soppressione è importante nell'attività cerebrale complessiva, altrimenti non sarebbe possibile l'elaborazione delle informazioni, perché un cervello in cui tutte le cellule nervose sono attive allo stesso tempo sarebbe in realtà fuori uso.


L'ippocampo è sede di varie cellule inibitorie, che erano note finora per differire notevolmente in termini di forma e funzione. Ma fino ad ora si era generalmente assunto che la loro effettiva influenza sull'attività della struttura cerebrale a cui appartengono fosse piuttosto piccola.


Grazie alla combinazione di vari e diversi metodi sperimentali, Bartos, Vida, e i rispettivi team sono riusciti a dimostrare che queste cellule sono effettivamente in grado di interferire fortemente con la funzione e la tempistica dei modelli di attività all'interno dell'ippocampo.


Inoltre, le varie possibili combinazioni di connessione tra questi diversi tipi cellulari mostrano caratteristiche marcatamente diverse nella loro funzione. Questo rende l'inibizione nell'ippocampo molto più flessibile e versatile di quanto precedentemente ipotizzato. Il team di scienziati sospetta che questo aumenti di molto anche la capacità di elaborare le informazioni all'interno dell'ippocampo.


I risultati pubblicati in questo studio provengono da esperimenti condotti su fettine sottili di ippocampo. Il compito successivo per i ricercatori sarà di verificare questi risultati all'interno del cervello vero e proprio.

 

 

 

 

 


FonteAlbert-Ludwigs-Universität Freiburg  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  S. Savanthrapadian, T. Meyer, C. Elgueta, S. A. Booker, I. Vida, M. Bartos. Synaptic Properties of SOM- and CCK-Expressing Cells in Dentate Gyrus Interneuron Networks. Journal of Neuroscience, 2014; 34 (24): 8197 DOI: 10.1523/JNEUROSCI.5433-13.2014

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: