Vivere, nonostante

 

Affrontare la malattia di Alzheimer può essere difficile

Quando si contrae una malattia come la bronchite o l'influenza, sappiamo che ci si sentirà meglio e nella norma entro qualche settimana. La malattia di Alzheimer è diversa. Non potrà mai andare via e cambierà la vostra vita e il suo stile - e quella della vostra famiglia - in molti modi.

Quali sono gli effetti della malattia di Alzheimer?
Le persone con malattia di Alzheimer spesso devono convivere con la fatica e perdono la capacità di fare molte delle cose che sono abituate a fare loro stessi. Cambiamenti fisici e mentali della malattia possono influenzare l’umore e l'aspetto e possono sminuire l’immagine positiva di sé e ridurre l'autostima. Quando le persone non si sentono bene con se stessi, spesso preferiscono l'isolamento e si separano da amici e attività sociali.

Il morbo di Alzheimer può anche influenzare la vostra normale mobilità e la possibilità di andare in giro per la casa. La confusione, così come il sentirsi disorientati e incapaci di prendere decisioni valide, può richiedere la modifica delle vostre attività di lavoro e dell'ambiente. Poiché le persone con Alzheimer non sono in grado di lavorare, ci si può anche trovare in difficoltà finanziarie, anche a causa dei costi crescenti delle cure.

Probabilmente vi accorgerete che compiti specifici richiedono più tempo per essere realizzati e potreste essere aiutati da una diversa pianificazione delle attività quotidiane. Potrebbe anche essere necessario l'aiuto del vostro coniuge, di un parente, o di un assistente sanitario domiciliare. Siccome la tua vita cambia, rischi di sentire di perderne il controllo e l’ansia per il futuro.

Oltre a tutto questo, succederà che l'umore andrà su e giù e ti sentirai arrabbiato, depresso, confuso, solitario e frustrato, soprattutto al momento della conoscenza della diagnosi. Questi sentimenti sono normali, ma se interferiscono con la capacità di godersi la vita e fare le cose normali, allora si dovrebbe informare il medico, e tra i due potrebbero uscire alcune soluzioni.

 

Come influisce lo stress della malattia?
Se sei sempre più stressato a causa della malattia, lo stress può influenzare il tuo modo di vivere. Lo stress prolungato può portare a frustrazione, rabbia, mancanza di speranza e, a volte depressione - tutte ragioni che peggiorano i sintomi del morbo di Alzheimer. La persona con la malattia non è l'unico che è colpito. Anche i familiari sono coinvolti dalla lunga malattia di una persona cara.

 

 

Suggerimenti per mantenere una vita normale

Convivere con la malattia di Alzheimer è una sfida per chiunque. È difficile ricordare le cose, prendere decisioni e trovare le soluzioni come prima. Può essere frustrante a lungo, ma ci sono giorni buoni e altri cattivi. Ecco alcuni consigli utili e cose da fare per renderti la vita meno difficile, un po’ più normale.

Come faccio a convivere con i miei problemi di memoria?

  • Tieni sempre un libro con te per registrare informazioni importanti, numeri di telefono, nomi, le idee che hai, gli appuntamenti, il tuo indirizzo, e le indicazioni per la tua casa.
  • Attacca note adesive in giro per la casa quando è necessario ricordare le cose.
  • Etichetta armadi e cassetti con parole o immagini che descrivono il loro contenuto.
  • Metti i numeri di telefono importanti scritti a grandi caratteri accanto al telefono.
  • Chiedi a un amico o a un familiare di chiamarti per ricordarti le cose importanti che devi fare durante la giornata, come i pasti, i tempi di farmaci, e gli appuntamenti.
  • Utilizza un calendario per tenere traccia del tempo e per ricordare le date importanti.
  • Utilizza le foto di persone che vedi spesso, e metti le etichette con i loro nomi.
  • Tieni traccia dei messaggi di telefono utilizzando una segreteria telefonica.

Qual è il modo migliore per pianificare la giornata?

  • Trova cose da fare che ti piace e sei in grado di fare tranquillamente da solo.
  • Sarà più semplice eseguire le operazioni durante le ore del giorno quando ci si sente meglio.
  • Concediti il tempo per fare le cose che devi, e non sentirti di / lasciare che gli altri ti facciano sentire di fretta.
  • Se qualcosa diventa troppo difficile, fai una pausa.
  • Chiedi aiuto se ne hai bisogno.

Come faccio a non perdermi?

  • Chiedi a qualcuno di venire con te quando esci da casa.
  • Chiedi aiuto se ne hai bisogno e spiega che hai un problema di memoria.
  • Prendi sempre con te le indicazioni per dove stai andando.

Che cosa faciliterà le comunicazioni?

  • Prenditi sempre il tempo che ti serve, e non si sentirti di fretta.
  • Se senti il bisogno, chiedi alla persona con cui stai parlando con ripetere ciò che lui / lei sta dicendo e di parlare lentamente se non si capisce.
  • Evitare posti rumorosi che distraggono, e trova un posto tranquillo per parlare.

E per la guida? La guida può essere problematica per i pazienti di Alzheimer.

  • Chiedi a qualcun altro di guidare fino a dove dovete andare.
  • Se tendi a perderti o confonderti facilmente, considera modi di trasporto alternativi.
  • Guida solo nelle zone che ti sono familiari.
  • Contatta qualcuno (esempio Associazione Alzheimer) per avere informazioni sulla disponibilità di servizi di trasporto locale.
  • L’autorità preposta alle licenze di guida dovrà valutare le tue capacità di guida, se non sei sicuro di poter guidare.
  • A un certo punto potrebbe non essere più sicuro per te guidare.

 

 

Consulenza e sostegno

Nella malattia di Alzheimer il supporto è molto importante per chi soffre di questa condizione. Come molte malattie croniche, anche questa t’influenza sia nel fisico che nella mente. È importante renderti conto che non sei solo e che se senti bisogno di aiuto, dovresti cercare un supporto. La decisione di cercare la consulenza è un passo importante. Troppo spesso, le persone non chiedono aiuto perché sentono vergogna, colpa, o imbarazzo. Nel chiedere aiuto, decidi di sentirsi meglio e migliorare la tua vita. I servizi di consulenza devono essere scelti con cura per trovare qualcosa che soddisfa le tue esigenze al meglio. Lavorare con un professionista della salute mentale, è possibile sviluppare il percorso di trattamento adeguato.

Come posso iniziare a ricevere assistenza per la malattia di Alzheimer?
Chiedi al tuo medico curante di riferirti a una persona con esperienza in materia di salute mentale. La persona valuterà la situazione e deciderà il modo migliore per aiutarti. Specialisti formati nella cura della salute mentale possono essere terapeuti familiari, assistenti sociali, psicologi, psichiatri e altri professionisti. Durante il colloquio iniziale, vi sarà chiesto di descrivere perché si vuole di consulenza, i sintomi che hai (emotivi, mentali e fisici), e la vostra storia clinica. Ti potrà essere sottoposto un questionario di domande e risposte.

Cosa succede dopo la valutazione?
Una volta completata la valutazione, sarà messo a punto un piano di trattamento. In quel momento, tu e il tuo consulente potrete discutere:

  • Il miglior tipo d’intervento.
  • Il posto migliore per il trattamento (l'ufficio del professionista, ambulatorio, ospedale, centro di trattamento).
  • Chi sarà inclusa nel suo trattamento (tu solo, i membri della famiglia, altri con problemi simili).
  • La frequenza del trattamento.
  • Quanto tempo può durare.
  • Eventuali farmaci che possono essere necessari.

Quali sono i diversi tipi di trattamento per la malattia di Alzheimer?
Se soffrite della malattia di Alzheimer, la seguente lista descrive brevemente i tipi più comuni di consulenza che possono aiutarti. Questi possono essere usati insieme o da soli, secondo il piano di trattamento.

  • Intervento di crisi. Nei casi di emergenza (come la disperazione iniziale per la diagnosi), il consulente vi aiuterà a superare la crisi e indirizzarti per ulteriore consulenza o assistenza medica, se necessario. Questi servizi sono forniti dalle agenzie di salute della comunità, Associazioni Alzheimer come la nostra, e psicologi privati.
  • Consulenza individuale. La persona s’incontra testa-a-testa con il consulente, di solito nel suo ufficio. Questo tipo di consulenza funziona bene quando i problemi hanno origine da te e dai tuoi schemi di pensiero e comportamentali. Inoltre, alcuni problemi sono molto personali e difficili da condividere con gli altri presenti. Potrebbe essere l’approccio migliore se la malattia sta provocando depressione, ansia o dolore.
  • La terapia familiare. Una diagnosi di malattia di Alzheimer può colpire tutta la famiglia. Se sei la principale fonte di reddito, ci potrebbero essere anche problemi finanziari. Se sei una casalinga, potrebbero essere necessari aggiustamenti nella distribuzione del lavoro domestico. Questi inghippi di tutti i giorni combinati con gli effetti emotivi di fronte a una malattia di lunga durata hanno un effetto enorme sulla dinamica familiare. La terapia familiare può aiutare a risolvere i problemi dei familiari tra di loro. Può anche servire ad aiutare un altro membro della famiglia. I familiari possono imparare come azioni e modi di comunicazione possono peggiorare i problemi. Con l'aiuto, possono essere esplorate e praticate nuove e migliori forme di comunicazione.
  • La terapia di gruppo. Nella terapia di gruppo, le persone si uniscono in un gruppo e discutono i loro problemi. La sessione è guidata da un consulente. I membri del gruppo spesso condividono lo stesso problema, ma non sempre. La sessione di gruppo fornisce un luogo, dove le persone possono affidarsi ad altri che capiscono e condividono le loro lotte. Possono anche imparare come si vedono e come sono visti dagli altri. I membri si rafforzano nel sapere che non sono soli con i loro problemi. La terapia di gruppo è utile per una varietà di problemi.
  • Trattamento di lungo termine in casa di cura. In questo caso, la persona riceve una terapia in un centro di trattamento. La durata del soggiorno può variare, secondo il programma di trattamento e il progresso della terapia. Un programma può durare più di un anno o anche solo una o due settimane. Gli ambienti possono essere ospedali, appartamenti e cliniche. La persona si concentra principalmente sul suo problema e su come stare bene. Altre attività, come il lavoro, la scuola, la famiglia e gli hobby, sono temporaneamente sospese in funzione del trattamento. Nella maggior parte dei programmi, la persona riceve consulenza quotidianamente e partecipa con regolarità a una terapia di gruppo. Consulenze supplementari possono essere necessarie dopo che il trattamento residenziale è concluso.
  • Auto-aiuto e gruppi di sostegno. Sono una rete di persone con problemi simili. Questi gruppi di solito si riuniscono regolarmente senza un terapeuta o consulente. Ci sono gruppi di sostegno per le persone con malattia di Alzheimer e anche per le loro famiglie e badanti.

 

 

Consigli nutrizionali

Mentre non vi è nessuna dieta speciale richiesta per le persone con malattia di Alzheimer - salvo che abbiano un'altro problema, come il diabete, che richiede una dieta particolare - avere una dieta nutriente ben bilanciata è estremamente vantaggioso. Con la dieta corretta, i nostri corpi lavorano con più efficienza e abbiamo più energia.

Nozioni di base

  • Mangia una varietà di cibi di ogni categoria di alimenti.
  • Mantieni il peso attraverso un giusto equilibrio tra esercizio fisico e alimentazione.
  • Scegli alimenti a basso contenuto di grassi saturi e colesterolo.
  • Prova a limitare gli zuccheri.
  • Modera l'uso del sale.
  • Bevi otto bicchieri da 1/4l di acqua al giorno (se non ti è stata prescritta una limitazione nei liquidi a causa di un'altra malattia, come l'insufficienza cardiaca congenita).
  • Puoi consumare bevande alcoliche con moderazione (ma consulta sempre il medico).

Farmaci

  • Chiedi al tuo medico se gli alimenti possono interferire con i farmaci che stai prendendo.

Prevenzione della stitichezza

  • Mangiare cibi ricchi di fibre. Buone fonti di fibre sono frutta, verdura e cereali integrali. Fibre e acqua aiutano il colon a far passare le feci. La maggior parte delle fibre nella frutta si trova nella buccia.
  • Mangia crusca di cereali o aggiungila ad altri alimenti, come la minestra e lo yogurt.
  • Bere otto bicchieri da ¼ litro di acqua e altri liquidi al giorno (se non ti è stata prescritta una limitazione nei liquidi).
  • Fai esercizio fisico
  • Vai di corpo quando ne senti il bisogno.

Suggerimenti per alleviare la costipazione.

  • Bere 2-4 bicchieri di acqua extra al giorno.
  • Aggiungi frutta e verdura alla vostra dieta.
  • Mangiare le prugne secche e / o crusca di cereali.
  • Se necessario, utilizzare un addolcitore di feci molto lieve o un lassativo. Non utilizzare olio minerale o qualsiasi altro lassativo per più di due settimane senza chiamare il medico.

Ambiente da pranzo

  • Riduci al minimo le distrazioni nella zona in cui mangi.
  • Rimani concentrato sul mangiare e bere.

Consigli generali

  • Mangia lentamente.
  • Taglia il cibo in piccoli pezzi, e mastica bene.
  • Non mangiare più di 1 / 2 cucchiaio di cibo alla volta.

Cosa fare se si ha la bocca asciutta
Quando invecchiamo, il nostro corpo, spesso ci segnala di meno quando abbiamo sete. Inoltre, alcuni farmaci tendono a seccare, quindi è importante continuare a bere molti liquidi.

  • Bevi 8 o più tazze di liquidi al giorno, 10 o più tazze se si è in stato febbrile (se non è stata prescritta una dieta senza liquidi).
  • Inzuppa o inumidisci pane, toast, biscotti, crackers nel latte, nel cioccolato caldo, nel caffè per ammorbidirli.
  • Bevete qualcosa dopo ogni boccone di cibo per inumidire la bocca e per aiutarvi a inghiottire.
  • Aggiungi salse ai cibi per renderli più morbidi e più umido. Provate sugo, brodo, salsa, o burro fuso.
  • Mangiare una caramella non dolce o un ghiacciolo per aumentare la saliva e inumidire la bocca.
  • Non usare un collutorio commerciale spesso contiene alcool che può asciugare la bocca. Chiedi al tuo medico o al dentista un’alternativa al collutorio.
  • Chiedi al tuo medico informazioni sui prodotti che provocano saliva artificiale. Sono disponibili banco o con ricetta medica.

Mantieni il peso

  • Mangiare piccoli pasti più spesso. Mangiare 5-6 volte al giorno può essere più facile di mangiare la stessa quantità di cibo in tre pasti.
  • Prendete una vitamina / integratore minerale al giorno.
  • Integratori alimentari liquidi possono essere di aiuto.
  • Consulta il tuo medico prima di modificare la dieta.

 

 

Esercizio fisico

L'esercizio fisico è importante per le persone con malattia di Alzheimer. L'attività fisica deve essere continuata il più a lungo possibile. Questo aiuterà a prevenire la debolezza muscolare e le complicazioni per la salute connessi con l'inattività. L’attività fisica migliora anche la normale routine giorno-e-notte e può contribuire a migliorare l'umore. Esercitazioni ripetitive - come camminare, andare in bicicletta al coperto, e attività come piegare il bucato - può diminuire l'ansia in persone con la malattia di Alzheimer perché non devono prendere delle decisioni circa l'attività o ricordare cosa fare dopo. L'esercizio non ferma il progredire della malattia di Alzheimer, ma i pazienti ricevono la soddisfazione emotiva di sentire che essi hanno fatto qualcosa.

Si consiglia di consultare il medico prima di iniziare qualsiasi programma di esercizio. Il medico può formulare raccomandazioni su:

  • I tipi di esercizi più adatti e quelli da evitare.
  • L’intensità dell’esercizio.
  • Per quanto tempo si dovrebbe fare.>
  • Rinvio ad altre figure professionali, come ad esempio un fisioterapista, che può aiutarti a creare il tuo programma personale di allenamento.

Il tipo di esercizio che funziona meglio per voi dipende dai vostri sintomi, dal livello di forma e dalla salute generale. La precauzione finale, quando si ottiene l'OK per iniziare l'esercizio, è quella di iniziare lentamente.

Suggerimenti per l'Esercizio

  • Fai sempre il riscaldamento prima di iniziare il vostro esercizio di routine, e il raffreddamento alla fine.
  • Se hai intenzione di fare esercizio per 30', inizia con sessioni di 10' e poi riprendi.
  • Prova nuoto e aerobica in acqua. Questi esercizi sono spesso più facili per le articolazioni e richiedono meno equilibrio.
  • Esercitati in un ambiente sicuro; evita pavimenti scivolosi, scarsa illuminazione, tappeti e altri potenziali pericoli.
  • Se hai difficoltà a mantenere l’equilibrio, lavora a portata di una sbarra o corrimano. Se hai problemi o stare in piedi, cerca di esercitarti sul letto piuttosto che sul pavimento o su un tappeto ginnico.
  • Se in qualsiasi momento ti senti poco bene o comincia ad avvertire dolore, ferma l'attività.
  • Più importante di tutto, scegli un hobby o un'attività che ti piace e insisti con questa.

Inoltre puoi impegnarti in: giardinaggio, passeggiate, nuoto, acqua gym, yoga e Tai Chi.

 

Fonte: www.webmd.com

 

Altre 12 idee, non sono mai troppe

1. Diversifica le tue fonti di conoscenza - Sviluppa aree cerebrali diverse per un cervello sano. Ad esempio, esercitati nella matematica il lunedì, fai Tennis al martedì, il ballo al mercoledì, giovedì musica di Tchaikovsky, gli amici il venerdì, la vela il Sabato e Sudoku la Domenica. Utilizza una parte del cervello che non usi abitualmente. Se sei un giocoliere, impegnati nei cruciverba. Se sei uno scrittore, potresti avere maggiori benefici dallo sci di fondo che dal Sudoku.

2. Passa alla dieta Mediterranea ... che, con alto contenuto di frutta e verdure, è una buona soluzione per il cuore, e quindi anche per il cervello. Tendi a 7/8 porzioni giornaliere di pesce, verdure verdi, gialle e arancio, frutti, e spezie come lo zenzero e la curcuma.

3. Controlla il tuo livello di colesterolo - Assicurati di tenere ridotti i livelli di lipoproteine a bassa intensità e dei trigliceridi

4. Controlla la pressione del sangue ... quella ottimale è sotto i 135/90 mm/Hg, ma molte persone non si curano della pressione alta e altre sono del tutto ignare di avere il problema. Tenere sotto controllo la pressione mantiene il cuore in salute e previene gli ictus.

5. Stai lontano dagli sport violenti - Dal rugby e dagli altri sport che hanno una alta probabilità di trauma cranico. Incidenti alla testa ripetuti aumentano il rischio dell’Alzheimer. Tieni sempre le cinture allacciate in auto e usa un casco quando è possibile.

6. Tieni ben controllato il diabete e la glicemia.. per ottenere benefici sia primari che secondari sulla cognizione.

7. Evita cadute e fratture - Due cause comuni di caduta quando invecchiamo sono le vertigini (sensazione di movimento da fermi), e la debolezza dei muscoli della cintura pelvica. La vertigine posizionale è trattata semplicemente con 5’ di posizionamenti Epleydal tuo medico. L’esercizio di piegamento del bacino fatto ogni giorno rinforza i muscoli pelvici: piega le braccia e rialzati lentamente da una sedia da pranzo contando fino a 3, quindi siediti lentamente contando fino a tre, stringendo i muscoli glutei per tutto il tempo. Ripeti l’esercizio 10 volte a colazione e 10 a cena.

8. Muoviti – L’attività fisica, specialmente quella aerobica, inonda il cervello di sostanze nutritive che lo fanno funzionare meglio e ne fanno crescere le cellule nervose Da fare almeno per 45’ al giorno per tre giorni la settimana.

9. Cura la depressione – Se è cronica interferisce con il funzionamento cerebrale, pur non essendo causa della demenza. Impara a perdonare e dimenticare perché l’astio aumenta i livelli di cortisolo, uccidendo le cellule del cervello.

10. Mantieni relazioni sociali … tutti i giorni, attraverso amicizie e altri contatti. L’impegno sociale continuo è positivo per la salute mentale.

11. Lavora … più a lungo che puoi, facendo quello che ti dà più soddisfazione. Il lavoro aiuta a preservare la routine e ti tiene occupato nelle molte piccole cose che contano.

12. Dormi bene … per sette/otto ore al giorno, ogni giorno. I sonnellini frammentati non sono lo stesso del sonno notturno regolare, che dovrebbe avere la priorità. Il sonno consolida e migliora la memoria favorendo un migliore funzionamento durante il giorno.

 

Fonte: www.huffingtonpost.com

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: