Associazione Alzheimer ONLUS logo Christmas

Riserva cognitiva e stile di vita

Il concetto di riserva cognitiva (RC) suggerisce che l'intelligenza innata o aspetti di esperienze di vita, come le conquiste dell'istruzione o professionali, possono fornire una riserva, sotto forma di insieme di competenze o di repertori che permettono ad alcune persone di far fronte meglio di altre alla progressione della patologia di Alzheimer (AD).


Ci sono prove epidemiologiche che lo stile di vita, caratterizzato dall'impegno in attività di svago di natura intellettuale e sociale, è associato a un declino cognitivo più lento negli anziani sani e può ridurre il rischio di demenza incidente. Vi sono anche prove da studi di imaging funzionale che i soggetti impegnati in tali attività del tempo libero sono in grado di tollerare clinicamente più patologia AD. È possibile che gli aspetti delle esperienze di vita, come l'impegno in attività ricreative, possono risultare in reti cognitive funzionalmente più efficienti e quindi fornire una RC che ritarda l'insorgenza delle manifestazioni cliniche della demenza.


L'ipotesi RC suggerisce che ci sono differenze individuali nella capacità di far fronte alla patologia di AD (Stern, 2002). Ad esempio, Katzman et al. (1989) hanno descritto i casi di donne anziane cognitivamente normali, che al momento della morte hanno rivelato una patologia AD avanzata nel cervello. I ricercatori hanno ipotizzato che queste donne non avevano esibito le caratteristiche cliniche di AD, perché il loro cervello era più grande della media.


Circa il 25% dei soggetti che soddisfano nell'autopsia i criteri patologici dell'AD e sono stati valutati e seguiti in coorti ben caratterizzate clinicamente, erano intatti durante la vita (Ince, 2001). Analogamente, la maggior parte dei medici sono consapevoli del fatto che un ictus di una determinata grandezza può produrre un danno profondo in un paziente e un effetto minimo su un altro. Qualcosa deve spiegare la disgiunzione tra il grado di danno cerebrale e il suo esito, e il concetto di riserva è stato proposto proprio a questo scopo.


I dati epidemiologici che supportano l'ipotesi RC includono osservazioni che minori conseguimenti scolastici e professionali sono associati ad un maggiore rischio di demenza incidente (Stern et al., 1994). Allo stesso modo, una capacità di linguaggio inferiore nella prima infanzia (intesa come densità di idee e complessità grammaticale), e i punteggi delle caratteristiche mentali nell'infanzia, sono forti predittori di scarsa funzione cognitiva e di demenza in età avanzata (Snowdon et al., 1997; Whalley et al., 2000). Questo è coerente con la previsione che le persone con più riserva possono far fronte all'avanzare della patologia di AD più a lungo prima che si esprima clinicamente. Inoltre è stato dimostrato che i pazienti di AD con un maggiore conseguimento educativo e professionale hanno un declino cognitivo più rapido rispetto a quelli con basso raggiungimento, coerente con l'idea che, a qualsiasi livello di gravità clinica, la patologia di AD di base è più avanzata nei pazienti con più RC (Stern, Tang, Denaro, & Mayeux, 1995).

 

 

 


Referenze
  1. Alexander GE, Furey ML, Grady CL, Pietrini P, Brady DR, Mentis MJ, Schapiro MB. Association of premorbid intellectual function with cerebral metabolism in Alzheimer’s disease: Implications for the cognitive reserve hypothesis. American Journal of Psychiatry. 1997;154:165–172. [PubMed]
  2. Arbuckle TY, Gold D, Andres D. Cognitive functioning of older people in relation to social and personality variables. Psychology and Aging. 1986;1:55–62. [PubMed]
  3. Arbuckle TY, Gold DP, Andres D, Schwartzman A, Chaikelson J. The role of psychosocial context, age, and intelligence in memory performance of older men. Psychology and Aging. 1992;7:25–36. [PubMed]
  4. Balfour JL, Masaki K, White L, Launer LJ. The effect of social engagement and productive activity on incident dementia: The Honolulu Asia Aging Study. Neurology. 2001;56(Suppl):A239.
  5. Bickel H, Cooper B. Incidence and relative risk of dementia in an urban elderly population: Findings of a prospective field study. Psychological Medicine. 1994;24:179–192. [PubMed]
  6. Broe GA, Creasey H, Jorm AF, Bennett HP, Casey B, Waite LM, Grayson DA, Cullen J. Health habits and risk of cognitive impairment and dementia in old age: A prospective study on the effects of exercise, smoking and alcohol consumption. Australian and New Zealand Journal of Public Health. 1998;22:621–623. [PubMed]
  7. Christensen H, Korten A, Jorm AF, Henderson AS, Scott R, Mackinnon AJ. Activity levels and cognitive functioning in an elderly community sample. Age and Ageing. 1996;25:72–80. [PubMed]
  8. Craik FI, Byrd M, Swanson JM. Patterns of memory loss in three elderly samples. Psychology and Aging. 1987;2:79–86. [PubMed]
  9. Dustman RE, Ruhling RO, Russell EM, Shearer DE, Bonekat HW, Shigeoka JW, Wood JS, Bradford DC. Aerobic exercise training and improved neuropsychological function of older individuals. Neurobiology of Aging. 1984;5:35–42. [PubMed]
  10. Erber JT, Szuchman LT. Memory performance in relation to age, verbal ability, and activity. Experimental Aging Research. 1996;22:59–72. [PubMed]
  11. Eriksson PS, Perfilieva E, Bjork-Eriksson T, Alborn AM, Nordborg C, Peterson DA, Gage FH. Neurogenesis in the adult human hippocampus. Natural Medicines. 1998;4:1313–1317. [PubMed]
  12. Fabrigoule C, Letenneur L, Dartigues JF, Zarrouk M, Commenges D, Barberger-Gateau P. Social and leisure activities and risk of dementia: A prospective longitudinal study. Journal of the American Geriatrics Society. 1995;43:485–490. [PubMed]
  13. Friedland RP. Epidemiology, education, and the ecology of Alzheimer’s disease. Neurology. 1993;43:246–249. [PubMed]
  14. Friedland RP, Fritsch T, Smyth KA, Koss E, Lerner AJ, Chen CH, Petot GJ, Debanne SM. Patients with Alzheimer’s disease have reduced activities in midlife compared with healthy control-group members. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America. 2001;98:3440–3445. [PMC free article] [PubMed]
  15. Gold DP, Andres D, Etezadi J, Arbuckle T, Schwartzman A, Chaikelson J. Structural equation model of intellectual change and continuity and predictors of intelligence in older men. Psychology and Aging. 1995;10:294–303. [published erratum appears in Psychology and Aging 1998; 13(3): 434] [PubMed]
  16. Hill RD, Wahlin A, Winblad B, Backman L. The role of demographic and life style variables in utilizing cognitive support for episodic remembering among very old adults. Journal of Gerontology B Psychological Science and Social Science. 1995;50:219–227. [PubMed]
  17. Hultsch DF, Hammer M, Small BJ. Age differences in cognitive performance in later life: Relationships to self-reported health and activity life style. Journal of Gerontology. 1993;48:1–11. [PubMed]
  18. Hultsch DF, Hertzog C, Small BJ, Dixon RA. Use it or lose it: Engaged lifestyle as a buffer of cognitive decline in aging? Psychology and Aging. 14:245–263. [PubMed]
  19. Ince P. Pathological correlates of late-onset dementia in a multicenter community-based population in England and Wales. Lancet. 2001;357:169–175. [PubMed]
  20. Johansson CB, Svensson M, Wallstedt L, Janson AM, Frisen J. Neural stem cells in the adult human brain. Experimental Cell Research. 1999;253:733–736. [PubMed]
  21. Katzman R. Education and the prevalence of dementia and Alzheimer’s disease. Neurology. 1993;43:13–20. [PubMed]
  22. Katzman R, Aronson M, Fuld P, Kawas C, Brown T, Morgenstern H, Frishman W, Gidez L, Eder H, Ooi WL. Development of dementing illnesses in an 80-year-old volunteer cohort. Annals of Neurology. 1989;25:317–324. [PubMed]
  23. Katzman R, Terry R, DeTeresa R, Brown T, Davies P, Fuld P, Renbing X, Peck A. Clinical, pathological, and neurochemical changes in dementia: A subgroup with preserved mental status and numerous neocortical plaques. Annals of Neurology. 1988;23:138–144. [PubMed]
  24. Kempermann G, Kuhn HG, Gage FH. Genetic influence on neurogenesis in the dentate gyrus of adult mice. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America. 1997a;94:10409–10414. [PMC free article] [PubMed]
  25. Kempermann G, Kuhn HG, Gage FH. More hippocampal neurons in adult mice living in an enriched environment. Nature. 1997b;386:493–495. [PubMed]
  26. Kondo K, Niino M, Shido K. A case-control study of Alzheimer’s disease in Japan –significance of life-styles. Dementia. 1994;5:314–326. [PubMed]
  27. Kukekov VG, Laywell ED, Suslov O, Davies K, Scheffler B, Thomas LB, O’Brien TF, Kusakabe M, Steindler DA. Multi-potent stem/progenitor cells with similar properties arise from two neurogenic regions of adult human brain. Experimental Neurology. 1999;156:333–344. [PubMed]
  28. Laurin D, Verreault R, Lindsay J, MacPherson K, Rockwood K. Physical activity and risk of cognitive impairment and dementia in elderly persons. Archives of Neurology. 2001;58:498–504. [PubMed]
  29. Li G, Shen YC, Chen CH, Zhau YW, Li SR, Lu M. A three-year follow-up study of age-related dementia in an urban area of Beijing. Acta Psychiatrica Scandinavica. 1991;83:99–104. [PubMed]
  30. Luszcz MA, Bryan J, Kent P. Predicting episodic memory performance of very old men and women: Contributions from age, depression, activity, cognitive ability, and speed. Psychology and Aging. 1997;12:340–351. [PubMed]
  31. Rogers RL, Meyer JS, Mortel KF. After reaching retirement age physical activity sustains cerebral perfusion and cognition. Journal of the American Geriatrics Society. 1990;38:123–128. [PubMed]
  32. Salthouse T. Theoretical perspectives on cognitive aging. Hillsdale, NJ: L. Erlbaum Associates; 1991.
  33. Scarmeas N, Levy G, Tang M, Manly J, Stern Y. Influence of leisure activity on the incidence of Alzheimer’s disease. Neurology. 2001;57:2236–2242. [PMC free article] [PubMed]
  34. Scarmeas N, Zarahn E, Anderson KE, Habeck C, Hilton J, Flynn J, Marder K, Bell K, Sackeim H, Van Heertum R, Moeller JR, Stern Y. Association of life activities with cerebral blood flow in Alzheimer’s disease: Implications for the cognitive reserve hypothesis. Archives of Neurology. 2002;60:359–365. [PMC free article] [PubMed]
  35. Schaie K. Midlife influences upon intellectual functioning in old age. International Journal of Behavioral Development. 1984;7:463–478.
  36. Schaie KW. Intellectual development in adulthood: The Seattle longitudinal study. New York: Cambridge University Press; 1996.
  37. Schooler C, Mulatu MS. The reciprocal effects of leisure time activities and intellectual functioning in older people: A longitudinal analysis. Psychology and Aging. 2001;16:466–482. [PubMed]
  38. Snowdon DA, Greiner LH, Mortimer JA, Riley KP, Greiner PA, Markesbery WR. Brain infarction and the clinical expression of Alzheimer disease. The Nun Study. Journal of the American Medical Association. 1997;277:813–817. [PubMed]
  39. Spirduso WW. Physical fitness, aging, and psychomotor speed: A review. Journal of Gerontology. 1980;35:850–865. [PubMed]
  40. Stern Y. What is cognitive reserve? Theory and research application of the reserve concept. Journal of the International Neuropsychological Society. 2002;8:448–460. [PubMed]
  41. Stern Y, Alexander GE, Prohovnik I, Mayeux R. Inverse relationship between education and parietotemporal perfusion deficit in Alzheimer’s disease. Annals of Neurology. 1992;32:371–375. [PubMed]
  42. Stern Y, Alexander GE, Prohovnik I, Stricks L, Link B, Lennon MC, Mayeux R. Relationship between lifetime occupation and parietal flow: Implications for a reserve against Alzheimer’s disease pathology. Neurology. 1995;45:55–60. [PubMed]
  43. Stern Y, Gurland B, Tatemichi TK, Tang MX, Wilder D, Mayeux R. Influence of education and occupation on the incidence of Alzheimer’s disease. Journal of the American Medial Association. 1994;271:1004–1010. [PubMed]
  44. Stern Y, Tang MX, Denaro J, Mayeux R. Increased risk of mortality in Alzheimer’s disease patients with more advanced educational and occupational attainment. Annals of Neurology. 1995;37:590–595. [PubMed]
  45. van Boxtel MP, Langerak K, Houx PJ, Jolles J. Self-reported physical activity, subjective health, and cognitive performance in older adults. Experimental Aging Research. 1996;22:363–379. [PubMed]
  46. van Praag H, Kempermann G, Gage FH. Running increases cell proliferation and neurogenesis in the adult mouse dentate gyrus. Nature Neuroscience. 1999;2:266–270. [PubMed]
  47. Whalley LJ, Starr JM, Athawes R, Hunter D, Pattie A, Deary IJ. Childhood mental ability and dementia. Neurology. 2000;55:1455–1459. [PubMed]
  48. Wilson RS, Bennett DA, Gilley DW, Beckett LA, Barnes LL, Evans DA. Premorbid reading activity and patterns of cognitive decline in alzheimer disease. Archives of Neurology. 2000;57:1718–1723. [PubMed]
  49. Wilson RS, Mendes de Leon CF, Barnes L, Schneider JA, Bienias JL, Evans DA, David A, Bennett DA. Participation in cognitively stimulating activities and risk of incident alzheimer disease. Journal of the American Medical Association. 2002;287:742–748. [PubMed]
  50. Yoshitake T, Kiyohara Y, Kato I, Ohmura T, Iwamoto H, Nakayama K, Ohmori S, Nomiyama K, Kawano H, Ueda K. Incidence and risk factors of vascular dementia and Alzheimer’s disease in a defined elderly Japanese population: The Hisayama Study. Neurology. 1995;45:1161–1168. [PubMed]
  51. Zabar Y, Corrada M, Fozard J, Costa P, Kawas C. Does frequent participation in cognitively demanding leisure activities reduce the risk of developing dementia? Neurology. 1996;46(Suppl):A435.

 

 


Fonte: Nikolaos Scarmeas e Yaakov Stern in US National Library of Medicine (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.
 
Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: