Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Storia e missione

 

L’Associazione, che opera nel territorio della ex ULSS n° 8 (parte occidentale della provincia di Treviso, ora inclusa nella ULSS 2), è stata voluta e creata da familiari di malati di demenza e da un gruppo di persone sensibili al problema. L'attività di fondazione è iniziata nel secondo semestre 1998 con incontri con i responsabili della ULSS e dell'amministrazione Comunale di Riese Pio X.

Si è costituita legalmente nel mese di Settembre 1999, allo scopo di aiutare i malati e le loro famiglie, in dettaglio:

  • operare nel campo dell‘assistenza e nella valorizzazione della persona, svolgendo attività di assistenza sociale e di sostegno a favore dei malati di Alzheimer e dei loro familiari, divenendo un punto di collegamento e di coordinamento;
  • informare e sensibilizzare l’opinione pubblica e tutte le figure professionalmente coinvolte nelle demenze;
  • essere uno stimolo per la ricerca di nuove soluzioni nel campo della prevenzione, dell’assistenza e della terapia della malattia di Alzheimer e di altre forme di demenza;
  • tutelare i diritti del malato e dei familiari per ottenere una migliore politica e una migliore legislazione;
  • promuovere la nascita di centri pilota per la diagnosi, l’assistenza e per la formazione socio-sanitaria specializzata.


Nel corso di questi 14 anni di vita, l’Associazione ha promosso le seguenti attività:

  • attivazione di un Centro di Ascolto tre giorni la settimana, presso la sede dell’Associazione Alzheimer di Riese Pio X;
  • organizzazione di serate di informazione sull’Alzheimer e sulle demenze in generale, per un totale di trenta incontri, uno in ciascun Comune del territorio della ULSS Asolo;
  • corsi di formazione per familiari, operatori e volontari realizzati in varie aree del territorio della ULSS Asolo;
  • corso di formazione per i docenti dell’I.P.S.S.S di Castelfranco, al fine di consentire loro un aggiornamento sulle demenze ed in particolare sull’Alzheimer;
  • collaborazione con la Scuola Media di Riese Pio X, assieme ad altre Associazioni, al progetto “ Donare per crescere”;
  • realizzazione del Progetto “Laboratori Cittadinanza Partecipata” con l’Istituto Cavanis di Possagno;
  • redazione di tre “Vademecum” per aiutare i familiari nella cura del proprio malato: questa è la quarta edizione, ampliata sia sugli aspetti medici che psicologici, così come sugli aspetti “pratici” e di assistenza quotidiana al malato;
  • “indagine territoriale” (in collaborazione con l’ULSS e l’Università di Padova) da cui sono emersi i bisogni della nostra popolazione, e con la quale si è voluto stimolare tutte le Istituzioni a farsi carico di tali necessità;
  • avvio del “Progetto Sollievo”, con lo scopo di fornire un aiuto nell’assistenza quotidiana del malato; questo progetto è stato attivato
    • nel 2002 a Riese Pio X (con l’Associazione “Sostegno Umanitario”)
    • nel 2004 ad Altivole (Associazione “Solidarietà”)
    • nel 2005 a Fonte (Associazione “Acquaviva”)
    • nel 2006 a Vedelago (Associazione “ASAV”)
    • nel 2007 ad Asolo (Associazione “Auser”)
    • nel 2007 a Cornuda (Associazione “Amici di Ottorino”) anche per Pederobba e Crocetta d/Montello
    • nel 2008 a Crespano del Grappa (Associazione “Anziani Attivi”)
    • nel 2009 a Segusino ("Centro del Sorriso") anche per Valdobbiadene e Vidor
    • nel 2009 a Loria (Associazione "Serenamente")
    • nel 2010 a San Zenone degli Ezzelini ("Associazione Arcobaleno per l'Alzheimer")
    • nel 2010 a Montebelluna (Associazione "Amici di Casa Roncato")
    • nel 2011 a Castello di Godego (Associazione "Amici di Villa Priuli")
    • nel 2011 a Cavaso del Tomba anche per Monfumo e Paderno del Grappa
    • nel 2011 a Trevignano
    • nel 2011 a Borso del Grappa
    • nel 2011 a Maser (Associazione "Punto Argento")
    • nel 2012 a Resana ("Centro Primavera")
    • nel 2012 a Giavera del Montello, Volpago del Montello e Nervesa della Battaglia.
  • avvio di due Gruppi di Auto-Mutuo-Aiuto, attualmente attivi presso la Casa di Riposo “Umberto I” di Montebelluna e la sede dell’Associazione Alzheimer di Riese Pio X, con la presenza di un facilitatore per la conduzione del gruppo;
  • servizio gratuito di sostegno psicologico (in convenzione con la ULSS) rivolto ai familiari delle persone affette da demenza, servizio che ha luogo presso le Lungodegenze degli Ospedali di Montebelluna e di Castelfranco Veneto e che da quest’anno è presente anche presso gli Ex Ospedali di Valdobbiadene e Crespano del Grappa;
  • valutazione neuropsicologica gratuita (in convenzione con l’ULSS) rivolta ai pazienti delle Unità di Valutazione Alzheimer delle Lungodegenze degli O.C. di Montebelluna e Castelfranco.

 

È importante ricordare che l’Associazione:

  • si prende cura non solo dei familiari e di persone affette dalla Malattia di Alzheimer ma anche di malati di altre gravi forme di demenza;
  • svolge la sua opera in collaborazione con le Istituzioni ai vari livelli: Unità Locale Socio Sanitaria, Comuni, Provincia, Regione;
  • si coordina con altre associazioni Alzheimer per essere presente negli organi Istituzionali; a questo proposito è nata nel 2009 la Federazione Veneta Solidarietà Alzheimer con sede legale a Padova presso il “Centro Madre Teresa di Calcutta”.

 

L’Associazione Alzheimer è regolarmente iscritta al Registro del Volontariato della Regione del Veneto.

 

L'area di intervento dell'Associazione Alzheimer Riese è il territorio della ex ULSS8 (parte occidentale della provincia di Treviso), ora integrata nella ULSS 2.

cartina ulss8

 

 

 


Informazione pubblicitaria

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.