Associazione Alzheimer ONLUS logo

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Ricerche

Trovata nuova causa di suscettibilità alle neurodegenerazioni

SinapsiIl continuo accumulo di una proteina nel cervello sano che invecchia può spiegare la vulnerabilità degli anziani alle patologie neurodegenerative, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della School of Medicine alla Stanford University.


I risultati inattesi dello studio potrebbero cambiare radicalmente il modo in cui gli scienziati pensano alle malattie neurodegenerative.


L'industria farmaceutica ha speso miliardi di dollari in studi clinici inutili, diretti a trattare l'Alzheimer liberando il cervello da una sostanza chiamata placca amiloide. Ma le nuove scoperte hanno identificato un altro meccanismo, che coinvolge una sostanza completamente diversa, che potrebbe essere all'origine non solo dell'Alzheimer, ma di molte altre patologie neurodegenerative e, forse, anche del declino più subdolo che accompagna l'invecchiamento normale.


Lo studio, pubblicato il 14 Agosto sul Journal of Neuroscience, rivela che, con l'avanzare dell'età, una proteina chiamata C1q, nota come iniziatore chiave della risposta immunitaria, si deposita sempre di più nei punti di contatto (sinapsi) che collegano tra di loro le cellule nervose del cervello. Concentrazioni elevate di C1q in questi punti di contatto possono provocarne la distruzione catastrofica da parte delle cellule immunitarie del cervello, attivate quando un evento catalizzatore (come una lesione cerebrale, una infezione sistemica o una serie di piccoli ictus) rilascia una seconda serie di sostanze sulle sinapsi.


"Nessun'altra proteina ha mai dimostrato di crescere così tanto nell'invecchiamento cerebrale normale", ha detto Ben Barres, MD, PhD, professore e docente di neurobiologia e autore senior dello studio. Gli esami di tessuti cerebrale umani e di topo hanno dimostrato un accumulo di C1q legato all'età fino a 300 volte maggiore.


La scoperta è stata possibile grazie alla diligenza e all'ingegno dell'autore principale dello studio, Alexander Stephan, PhD, studioso post-dottorato del laboratorio di Barres. Stephan ha scrutinato circa 1.000 anticorpi prima di trovare quello che si lega al C1q e a nessun'altro. (Gli anticorpi sono proteine generate dal sistema immunitario, che aderiscono a specifiche "forme biochimiche", come le caratteristiche della superficie di patogeni invasori).


Confrontando il tessuto cerebrale di topi di diversa età, così come di campioni post-mortem di un bambino di 2 mesi e di una persona anziana, i ricercatori hanno dimostrato che questi depositi di C1q non sono distribuiti in modo casuale lungo le cellule nervose, ma, piuttosto, sono fortemente concentrati sulle sinapsi. Le analisi delle sezioni di cervello di topi di una vasta gamma di età hanno mostrato che quando gli animali invecchiano, i depositi si diffondono in tutto il cervello.


"Le prime regioni del cervello a mostrare un aumento drammatico di C1q sono l'ippocampo e la substantia nigra, proprio le regioni cerebrali più vulnerabili alle malattie neurodegenerative come l'Alzheimer e il Parkinson, rispettivamente", ha dichiarato Barres. Un'altra regione colpita all'inizio, la corteccia piriforme, è associata all'olfatto, la cui perdita spesso preannuncia l'insorgenza di malattie neurodegenerative.


Altri scienziati hanno osservato aumenti moderati associati all'età (dell'ordine di tre o quattro volte) nel livello cerebrale della molecola RNA-messaggero responsabile della trasmissione delle istruzioni genetiche per produrre C1q al macchinario di produzione di proteine nelle cellule. Il test dei livelli di RNA-messaggero (di solito considerati indicatori ragionevoli della quantità prodotta di una particolare proteina) è veloce, facile ed economico rispetto all'analisi delle proteine. Ma in questo studio, Barres e colleghi hanno utilizzato le misure biochimiche della proteina stessa. "L'aumento di 300 volte nei livelli di C1q che abbiamo visto nei topi di 2 anni (l'equivalente di 70/80 anni umani) mi ha completamente sorpreso", ha detto Barres. "Non me l'aspettavo per niente".


La C1q è il primo battitore di un team di proteine formato da 20 membri che scatenano la risposta immunitaria, chiamato sistema di complemento. La C1q è in grado di aggrapparsi alla superficie di corpi estranei come i batteri o i pezzetti delle nostre cellule morte o morenti. Questo avvia una reazione a catena molecolare nota come cascata di complemento. Una dopo l'altra, le altre proteine ​​del sistema si aggiungono, rivestendo la cellula attaccante o il pezzo dei detriti. Questo a sua volta richiama l'attenzione delle cellule immunitarie onnivori che divorano il bersaglio.


Il cervello ha una propria serie di cellule immunitarie, chiamate microglia, che possono secernere C1q. Anche altre cellule cerebrali, chiamate astrociti, secernono tutti i "compagni di squadra" della C1q nel sistema di complemento. I due tipi di cellule lavorano in modo simile ai due tubetti di un kit di resina epossidica, in cui un tubetto contiene la resina, l'altro un catalizzatore.


Il lavoro precedente nel laboratorio Barres aveva dimostrato che la cascata di complemento ha un ruolo critico nel cervello che si sviluppa. Un cervello giovane genera un eccesso di sinapsi, creando una vasta gamma di opzioni per la potenziale formazione di nuovi circuiti neurali. Queste sinapsi si rafforzano o si indeboliscono nel tempo, in risposta a un uso intenso oppure ridotto. La presenza di collegamenti deboli aggiunge rumore al sistema, per cui l'efficienza dell'architettura del cervello che matura viene migliorata se queste sinapsi sottoutilizzate sono espulse.


In un articolo del 2007 in Cell, il gruppo di Barres ha riferito che il sistema di complemento è indispensabile per la potatura sinaptica nel cervello normale che si sviluppa. Poi, nel 2012, in Neuron, in collaborazione con il laboratorio di Beth Stevens, PhD, neuroscienziato di Harvard, hanno dimostrato che è proprio la microglia (le cellule del sistema immunitario proprie del cervello) che attacca e ingerisce le sinapsi rivestite dal complemento.


Barres ora crede che qualcosa di simile stia accadendo nel normale invecchiamento cerebrale. Le C1q, non le altre componenti proteiche del sistema di complemento, diventano gradualmente molto prevalenti a livello delle sinapsi. I ricercatori hanno trovato che, di per sé, questo accumulo di C1q non induce una perdita importante di sinapsi, anche se sembra deteriorarne la prestazione. I topi ai quali viene tolta la capacità di produrre C1q, ottengono risultati leggermente migliori sui test di memoria e apprendimento rispetto ai topi normali anziani.


Però questo lascia le sinapsi del cervello che invecchia in posizione precaria sull'orlo della catastrofe. Un evento successivo (come un trauma cerebrale, un brutto caso di polmonite o forse una serie di piccoli isctus che alcuni anziani sperimentano) potrebbe indurre gli astrociti, il secondo tubetto nel kit epossidico, ad iniziare a secernere le altre proteine ​​del sistema di complemento richieste per la distruzione delle sinapsi.


La maggior parte delle cellule del corpo hanno i loro agenti inibitori del complemento. Questo impedisce la perdita completa di tessuti sani durante un attacco immunitario di agenti patogeni o detriti di tessuto morto durante la guarigione delle ferite. Ma le cellule nervose non hanno la propria dotazione di inibitori del complemento. Così, quando gli astrociti si attivano, la conseguente liberazione di colleghi di C1q può scatenare una furia distruttiva di sinapsi che si diffonde "come un fuoco che brucia in tutto il cervello", ha detto Barres.


"I nostri risultati potrebbero spiegare la vulnerabilità specifica alle malattie neurodegenerative del cervello che invecchia, rimasta così
a lungo misteriosa", ha detto. "I bambini non hanno l'Alzheimer o il Parkinson. L'attivazione profonda della cascata di complemento, associata alla perdita massiccia di sinapsi, è la caratteristica cardinale dell'Alzheimer e di molte altre patologie neurodegenerative. Si pensava che questo dipendesse dal fatto che la perdita di sinapsi provoca infiammazione. Ma i nostri risultati qui suggeriscono che è l'attivazione della cascata di complemento a guidare la perdita di sinapsi, non il contrario".


Nel 2011, Barres ha contribuito a fondare una società, la Annexon, per sviluppare farmaci che inibiscono la cascata di complemento per trattare l'Alzheimer, il glaucoma, il Parkinson, l'ictus, la sclerosi multipla e altre patologie neurodegenerative caratterizzate dalla massiccia perdita di sinapsi. La Annexon ha in licenza varie domande di brevetto della Stanford, che le ha depositate.


Altri autori dello studio della Stanford sono Daniel Madison, PhD, professore associato di fisiologia molecolare e cellulare; Mehrdad Shamloo, PhD, professore associato di medicina comparativa; Laurence Coutellier, PhD, studioso postdottorato; Emilie Lovelett, ricercatore associato, e lo studente laureato Dominic Berns. Lo studio è stato finanziato dalla Ellison Medical Foundation e dall'Istituto Nazionale di Tossicodipendenze.

 

 

 

 

 


Fonte:  Stanford University Medical Center. Articolo originale scritto da Bruce Goldman.

Pubblicato in Science Daily (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Fruttosio prodotto nel cervello può essere un meccanismo che guida l'Alzheime…

29.09.2020

Una nuova ricerca rilasciata dalla University of Colorado propone che il morbo di Alzhei...

Proteine grumose induriscono i capillari del cervello: nuovo fattore di rischi…

11.09.2020

I depositi di una proteina chiamata 'Medin', che è presente in quasi tutti gli anziani...

Come dormiamo oggi può prevedere quando inizia l'Alzheimer

8.09.2020

Cosa faresti se sapessi quanto tempo hai prima che insorga il morbo di Alzheimer (MA)? N...

IFITM3: la proteina all'origine della formazione di placche nell'Alzheimer

4.09.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) è una malattia neurodegenerativa caratterizzata dall'accumul...

Perché le cadute sono così comuni nell'Alzheimer e nelle altre demenze?

4.09.2020

Le cadute hanno cause mediche o ambientali

Una volta che si considerano tutte le divers...

Laser a infrarossi distrugge le placche di amiloide nell'Alzheimer

7.08.2020

L'aggregazione di proteine ​​in strutture chiamate 'placche amiloidi' è una caratte...

Perché è importante la diagnosi precoce di demenza?

31.07.2020

Vedere problemi di memoria nel tuo caro anziano può essere davvero spaventoso. Magari n...

Tre modi per smettere di preoccuparti

29.07.2020

Sai di essere una persona apprensiva se ti identifichi con Flounder in La Sirenetta<...

I dieci fattori legati a un aumento del rischio di Alzheimer

27.07.2020

Anche se non c'è ancora alcuna cura, i ricercatori stanno continuando a migliorare la c...

Smetti di chiederti se sei un bravo caregiver

3.07.2020

Amare e prendersi cura di qualcuno con demenza può essere difficile. Forse, è una dell...

Un singolo trattamento genera nuovi neuroni, elimina neurodegenerazione nei to…

1.07.2020

Xiang-Dong Fu PhD, non è mai stato così entusiasta di qualcosa in tutta la sua carrier...

Relazioni personali ricche migliorano il funzionamento del cervello

22.06.2020

Come interagiscono gli individui, come si percepiscono uno con l'altro, e i pensieri e i...

Identificata nuova forma di Alzheimer ad esordio molto precoce

16.06.2020

Ricercatori della Mayo Clinic hanno definito una forma di morbo di Alzheimer (MA) che co...

Scoperta importante sull'Alzheimer: neuroni che inducono rumore 'coprono' i ri…

11.06.2020

I neuroni che sono responsabili di nuove esperienze interferiscono con i segnali dei neu...

Falsi miti: perché le persone sono così pessimiste sulla vecchiaia?

4.06.2020

Non smettiamo di giocare perché invecchiamo, ma invecchiamo perché smettiamo di gi...

Microglia: ‘cellule immunitarie’ che proteggono il cervello dalle malattie…

28.05.2020

Sappiamo che il sistema immunitario del corpo è importante per tenere tutto sotto controllo e pe...

'Tau, disfunzione sinaptica e lesioni neuroassonali si associano di più con l…

26.05.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) comporta il deperimento caratteristico di alcune regioni del ...

Il nuovo collegamento tra Alzheimer e inquinamento dell'aria

13.05.2020

Il mio primo giorno a Città del Messico è stato duro. Lo smog era così fitto che, men...

Perché vivere in un mondo ‘incredibilmente tossico’ aumenta il rischio di…

6.05.2020

Sei preoccupato per la minaccia del morbo di Alzheimer (MA), e ti stai chiedendo che cos...

Sempre più giovani con Alzheimer e demenza: colpa delle tossine ambientali, m…

6.05.2020

È abbastanza straziante quando le persone anziane sviluppano condizioni di perdita di m...

5 tipi di ricerca, sottostudiati al momento, potrebbero darci trattamenti per …

27.04.2020

Nessun ostacolo fondamentale ci impedisce di sviluppare un trattamento efficace per il m...

'Scioccante': dopo un danno, i neuroni si auto-riparano ripartendo da zero

17.04.2020

Quando le cellule cerebrali adulte sono ferite, ritornano ad uno stato embrionale, secon...

Cosa rimane del sé dopo che la memoria se n'è andata?

7.04.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) è caratterizzato da una progressiva perdita di memoria. Nell...

Convalidare il sentimento aiuta meglio di criticare o sminuire

30.03.2020

Sostenere i tuoi amici e la famiglia può aiutarli a superare questi tempi di incertezza...

Acetil-L-carnitina può aiutare la memoria, anche insieme a Vinpocetina e Hupe…

27.03.2020

Demenza grave, neuropatie (nervi dolorosi), disturbi dell'umore, deficit di attenzione e...

Cosa accade nel cervello che invecchia

11.03.2020

Il deterioramento del cervello si insinua sulla maggior parte di noi. Il primo indizio p...

L'Alzheimer è in realtà un disturbo del sonno? Cosa sappiamo del legame tra …

28.02.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) è una forma di demenza che insorge quando c'è un accumulo d...

Il girovita può predire il rischio di demenza?

6.11.2019

Il primo studio di coorte su larga scala di questo tipo ha esaminato il legame tra il girovita in...

Pressione bassa potrebbe essere uno dei colpevoli della demenza

2.10.2019

Invecchiando, le persone spesso hanno un declino della funzione cerebrale e spesso si pr...

Ricetta per una vita felice: ingredienti ordinari possono creare lo straordina…

9.09.2019

Se potessi porre ad ogni essere umano sulla Terra una domanda - qual è la ricetta per u...

I dieci psicobiotici di cui hai bisogno per un cervello felice

9.09.2019

Psicobiotici? Cosa sono gli psicobiotici?? Bene, cosa penseresti se io dicessi che la tu...

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Tutti gli articoli da non perdere