Iscriviti alla newsletter

Questi primi 3 sintomi di Alzheimer potrebbero indicare una diagnosi futura

-ForgetfulnessFoto: Getty Images

Tutti abbiamo cercato i nostri occhiali da sole solo per scoprire che li abbiamo proprio sulla testa o abbiamo spento i fornelli prima di uscire dalla casa delle vacanze, per poi tornare dentro a ricontrollare se era davvero spento.


Mentre i ricercatori dicono che è normale diventare smemorati di tanto in tanto, studi recenti hanno individuato alcuni sintomi precoci del morbo di Alzheimer (MA) che potrebbero indicare che potresti essere sulla strada della diagnosi.

 

 

1- Incapacità di riconoscere la tua dimenticanza

Uno studio ha rilevato che preoccuparsi costantemente della nostra memoria (come correre ogni giorno sul sito internet medico per capire se dimenticare occasionalmente la strada verso la casa di un amico significa che siamo destinati a sviluppare il MA) è un segnale che potremmo avere un rischio più basso di ricevere una diagnosi di MA.


Lo studio ha scoperto che dimenticare la propria dimenticanza è più preoccupante e che potrebbe essere un segnale precoce di demenza. Secondo lo studio, i malati di MA hanno spesso anosognosia, la mancanza di consapevolezza dei sintomi iniziali del MA.


Dopo aver esaminato circa 500 partecipanti e i loro cari, gli scienziati hanno scoperto che coloro che non si accorgevano di avere difficoltà con la loro memoria avevano una probabilità tre volte più alta di avere la demenza negli anni successivi. Questi partecipanti avevano anche più amiloide nel cervello, la proteina tossica che molti scienziati pensano porti ai sintomi del MA.


Allo stesso modo, Bill Burke MD, direttore dello Stead Family Memory Center del Banner Alzheimer's Institute, ha detto che quando lavorava in una clinica per disturbi della memoria, era più preoccupato per i pazienti che venivano nella sua clinica e gli dicevano che era stato il loro coniuge o i figli a forzarli a venire, rispetto a quelli che venivano a fare domande sui propri problemi di memoria:

"La mia regola generale era che se la persona ti dice che ha problemi di memoria, quasi certamente non li ha, e se dice che non ha problemi di memoria ed è in una clinica di memoria, allora ha problemi significativi di memoria".

Burke ha detto che il tuo miglior test di base per determinare se hai o meno problemi di memoria è la tua rete sociale, le persone che ti conoscono meglio:

"Potresti eseguire elaborati test psicologici e niente di tutto ciò è efficace quanto chiedere a qualcuno che conosce veramente la persona, e vede che è diversa da quella di un anno fa, o se ci sono cose che poteva fare un anno fa che non riesce più a fare ora".

 

 

2- Problemi a trovare le parole giuste

Sebbene tutti abbiamo cercato di pensare a una parola che ci è venuta in mente solo qualche ora più tardi, gli scienziati hanno scoperto che essere costantemente incapaci di trovare le parole giuste potrebbe essere un sintomo precoce del MA. Altri segni iniziali di MA includono fermarsi spesso nel mezzo di una frase o iniziare una frase e poi dimenticare ciò che si voleva dire, ripetere la stessa storia, o dimenticare il nome di un oggetto (ad esempio riferirsi al portafoglio come 'la cosa dove ho messo in denaro').


Ricercatori dell'Università di Birmingham, dell'Università del Kent e dell'Università della California di Davis hanno scoperto che i partecipanti con lieve decadimento cognitivo (MCI, mild cognitive impairment) che impiegavano più tempo a elaborare le parole avevano più probabilità di sviluppare il MA in seguito. I partecipanti hanno ascoltato descrizioni come 'un tipo di legno' e i ricercatori hanno misurato quanto tempo ci voleva per trovare una descrizione correlata come 'quercia'. I partecipanti che erano cognitivamente sani o con MCI, e hanno risposto più rapidamente, non hanno sviluppato il MA nei successivi tre anni, al contrario di quelli con tempi di risposta più lenti.


Pam Montana, una ex dirigente di Intel a cui è stato diagnosticato il MA, ha detto che suo marito ha cominciato a preoccuparsi sempre più dopo che sono andati in vacanza insieme e lei continuava a fargli la stessa domanda. Cominciò anche ad avere difficoltà a ricordare le informazioni che aveva appreso durante le riunioni del team:

"Mi sono trovata in difficoltà a cogliere le informazioni e a tenerle nella mia testa. Questo era nuovo per me. Ricordo molto chiaramente di aver scritto parola per parola ciò che veniva detto".


Più di recente, ricercatori come Rhoda Au hanno indagato su come la scelta delle parole o il modo in cui qualcuno parla potrebbe determinare se svilupperà o meno il MA.

 

 

3- Difficoltà a gestire le finanze

Risolvere problemi matematici semplici potrebbe essere un sintomo precoce del MA, secondo uno studio recente eseguito alla Duke University. Gli scienziati hanno detto che se hai sempre avuto difficoltà con la matematica o un'altra abilità per tutta la vita, non dovresti preoccuparti. Tuttavia, se hai sempre gestito bene le finanze domestiche, la sopravvenuta impossibilità di far quadrare il libretto degli assegni è motivo di preoccupazione, hanno affermato gli autori dello studio.


I ricercatori hanno esaminato circa 250 partecipanti tra i 55 e i 90 anni che erano cognitivamente sani, avevano MCI o MA. Dopo aver fatto loro test finanziari e scansioni cerebrali che hanno analizzato la quantità di amiloide-beta nel loro cervello, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti con più placche di amiloide-beta avevano più probabilità di avere problemi con le attività che coinvolgono le finanze o il bilanciamento di un libretto degli assegni.


Quando Gerda Saunders, una ex matematica, ha avuto la diagnosi di demenza vascolare, ha detto che le sue capacità matematiche sono state le prime ad andare. Ora, suo marito gestisce le finanze:

"All'improvviso non riuscivo più a fare un semplice problema di sottrazione o di addizione perché nel mezzo dell'operazione, passavo dalla sottrazione all'addizione senza rendermi conto che lo stavo facendo. Scoprivo che la risposta era sbagliata e che dipendeva proprio da quello che stavo facendo. Anche se so che è quello che sto facendo, non riesco a farlo bene".


Il National Institute on Aging (NIH) elenca i segni di gestione del denaro che le persone possono cercare se credono che il loro caro possa avere il MA: non pagare o aprire le bollette, apparizione di diversi nuovi addebiti sul conto di una carta di credito, acquistare nuove merci a caso o scomparsa di soldi dal conto bancario della persona cara.

 

 

 


Fonte: Christine Barba in Being Patient (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.