Associazione Alzheimer ONLUS logo

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Le persone con Alzheimer o demenza corrono un rischio più alto di abusi?

Le persone con Alzheimer o demenza corrono un rischio più alto di abusi?Secondo il National Center on Elder Abuse, si considera che gli anziani con demenza hanno un rischio più alto di abuso e abbandono rispetto a quelli della popolazione anziana in generale.


L'abuso degli anziani, nota il centro, è uno dei rischi per la salute pubblica più trascurati negli Stati Uniti.


Esistono vari tipi di abuso:

  • L'abuso fisico provoca lesioni o dolore (colpi, pizzicotti, spinte, tirare i capelli, ecc.).
  • L'abuso emotivo include isolamento, intimidazione, molestie o minacce e ridicolizzazione.
  • L'abuso sessuale è qualsiasi attività sessuale indesiderata con una persona la cui capacità di consenso o resistenza è limitata.
  • La negligenza è abusiva in quanto il caregiver può negare o non dare alla persona interessata la necessaria assistenza o altri servizi di supporto.
  • Altre forme di abuso includono lo sfruttamento (abuso di denaro, servizi o proprietà della persona) o estorsione, che significa prendere qualcosa di valore alla persona con la forza, la minaccia o l'intimidazione o l'abuso di autorità legale o ufficiale.

I tipi di abuso più segnalati negli Stati Uniti dai caregiver delle persone con demenza sono l'abuso verbale, l'abuso fisico e l'incuria. Il NCEA riferisce che il 60% dei caregiver era stato verbalmente offensivo nei confronti della persona di cui si occupava. Tra il 5% e il 10% dei caregiver ha riferito azioni fisicamente violente e il 14% di caregiver ha riferito di essere negligente nella sua assistenza.


E' allarmante che il 20% dei caregiver abbia espresso il timore di poter diventare violento quando si prende cura della persona con Alzheimer o demenza. L'ansia, la depressione, l'onere percepito, lo stato emotivo e i contatti sociali del caregiver sono ricondotti a caratteristiche associate all'abuso di persone affette da demenza da parte dei caregiver.


È importante riconoscere i segni di un abuso, come lividi o scolorimento della pelle, ustioni o tagli, ambiente non igienico, movimenti vincolati (chiusure a chiave), ritiro, perdita di peso o uso di denaro o risorse di una persona da parte di qualcun altro.


È opportuno segnalare all'assistente/servizi sociali del comune ogni caso di abuso su una persona con demenza.

 

 

 


Fonte: Dana Territo in The Advocate (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.