Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Ricerche

Cioccolato fondente può realmente potenziare il cervello

Cioccolato fondente può realmente potenziare il cervello

Ecco una ragione per non sentirsi così in colpa per indulgere nella tua droga pomeridiana di cioccolato.

Il cioccolato fondente potrebbe dare una vera spinta al cervello, al sistema immunitario e agli occhi. Questa settimana, i ricercatori hanno tirato fuori tre nuovi studi che cantano le lodi di questo delizioso trattamento.

Gli scienziati di uno studio hanno permesso ai fortunati volontari di mangiare una barretta di cioccolato fondente, circa 40g, e poi hanno studiato le loro onde cerebrali con l'elettroecefalogramma (EEG). I ricercatori hanno riscontrato un aumento delle onde gamma 30 minuti dopo aver mangiato il cioccolato.

"La frequenza gamma è associata alla neurosincronizzazione; in altre parole alla neuroplasticità .... è il livello più alto di elaborazione cognitiva", ha spiegato il Dr. Lee Burk, il principale investigatore di questo studio, che descrive la capacità del cervello di collegare in modo efficiente pensieri e idee.

Gli scienziati ritengono che le onde gamma siano un segnale che le cellule nervose stanno sparando su tutti i cilindri. Sono in grado di parlare l'una con l'altra in un modo che ottimizza l'apprendimento e la formazione della memoria.

 

Potenziatore dell'immunità

In un altro studio, Burk ha osservato che il cioccolato fondente influisce sul sistema immunitario. Ancora una volta, i partecipanti hanno mangiato una tavoletta di cioccolato fondente, e gli scienziati hanno studiato il suo lavoro del sangue per la settimana seguente. Hanno trovato un aumento dei marcatori anti-infiammatori e un aumento delle cellule T, quelle che combattono le infezioni. Questi risultati sono nel complesso "ottimi per l'immunità", secondo Burk.

È importante sapere che entrambi questi studi erano molto piccoli, con solo 10 partecipanti fortunati. Per non parlare che questi risultati sono stati presentati in una riunione scientifica, non pubblicati su una rivista, il che significa che non sono stati scrutinati o sottoposti a "revisione dei pari", prima di essere diffusi.

 

Vista più forte dal cioccolato fondente

Ma un altro studio è stato pubblicato su JAMA Ophthalmology, una rivista prodotta dall'American Medical Association. In due diversi test, hanno somministrato a 30 partecipanti due barrette di cioccolato, sia fondente che al latte, e hanno condotto test di visione circa due ore dopo. Dopo aver mangiato cioccolato fondente, i partecipanti hanno avuto piccoli miglioramenti nella loro visione.

Il miglioramento più significativo è stato nella sensibilità al contrasto, ovvero la capacità di distinguere gli oggetti in condizioni di scarsa illuminazione o abbagliamento elevato. Nella vita reale, la sensibilità al contrasto entra in gioco durante la guida notturna, ad esempio.

Non è chiaro il motivo per cui il cioccolato fondente influisce sulla visione; tuttavia, gli autori pensano che abbia a che fare con i vasi sanguigni negli occhi. Il cacao, l'ingrediente principale del cioccolato fondente, ha dimostrato di influire positivamente sulla pressione sanguigna e sulla funzione dei vasi sanguigni. Questa nuova ricerca suggerisce che il cioccolato fondente consente un maggiore flusso sanguigno nella parte posteriore dell'occhio, migliorando così la vista.

 

Ma assicurati che sia davvero fondente: 70% di cacao

Prima di rimpinzarti di dolci e coppe di gelato al cioccolato in nome della scienza, tieni presente che tutti questi studi sono molto specifici sul cioccolato fondente.

I ricercatori hanno usato il cioccolato fondente con il 70% di cacao, una ricetta riservata al più scuro del cioccolato fondente. Questo di solito significa che il cioccolato ha un sapore più amaro che dolce, perché solo il 30% della barretta di cioccolato è zucchero e latte.

"Non è proprio una caramella", ha detto Burk del cioccolato usato nel suo studio. "È lo zucchero che è una caramella, non il cacao". Se la tua barretta di cioccolato preferita ha solo l'11% di cacao, significa che l'89% è probabilmente zucchero e grassi. Quindi leggi l'etichetta prima di pretendere di mangiare cioccolato in nome della tua salute.

Burk crede che il cioccolato fondente abbia un potenziale serio dal punto di vista della salute. Nella sua ricerca futura, vuole vedere se gli effetti del cacao sul cervello potrebbero aiutare a curare malattie come la demenza e l'autismo: "Il cioccolato può essere un prodotto medicinale se opportunamente studiato".

 

 

 


Fonte: Dr. Laura Shopp MD in ABC News (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.