Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Ricerche

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

dale bredesen david perlmutter and wifesDa sinistra dott. Dale Bredesen, moglie Aida, dott. David Perlmutter, moglie Leize

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'efficacia significativa sul trattamento del morbo di Alzheimer (MA). Sfortunatamente, devo continuare a dirlo.


Come è stato scritto di recente nella rivista Neurology:

Nonostante i grandi sforzi scientifici per trovare trattamenti per il MA, sono disponibili solo 5 farmaci, con effetti benefici limitati sui sintomi, solo su una proporzione limitata di pazienti, e senza riuscire a modificare il decorso della malattia. La prevalenza di MA raddoppia ogni 5 anni, raggiungendo un tasso allarmante del 50% negli over-85. Nel contesto delle tendenze demografiche della società moderna, in cui gli anziani rappresentano il segmento di popolazione con la crescita più rapida, è necessario identificare nuovi bersagli terapeutici che possono prevenire, ritardare o curare il MA.


Gli autori sottolineano nuovamente ciò che sappiamo: che non esiste un 'proiettile d'argento' disponibile ora, o nel prossimo futuro, che possa aiutare in questa condizione devastante e fatale.


Stavo discutendo di questa sfida con il mio amico e collega, il dott. Dale Bredesen, l'anno scorso. Ha convenuto che non esiste un unico approccio efficace nel trattamento di questa malattia, ma è andato oltre, affermando:

"E' chiaro che non esiste un proiettile d'argento per l'Alzheimer. Quello che dobbiamo fare è usare i pallettoni d'argento".


Ciò che intendeva il Dr. Bredesen era che nella degenerazione del cervello sono coinvolti più problemi, che si manifestano come MA. Egli afferma che un approccio che non si concentra solo sulla ricerca di una singola terapia, ma piuttosto migliora una serie di problemi problematici, è la chiave per risolvere la sfida del morbo.


Egli ha sviluppato un programma che riconosce i molteplici problemi (come squilibrio ormonale, bassi livelli di vitamina D, tossine, glicemia alta, compromissione del metabolismo del glucosio cerebrale, aumento della permeabilità intestinale e molti altri) che cospirano per far degenerare il cervello. Ritiene che l'attenzione a questi fattori, e la loro riparazione, possano portare a un'inversione del MA.


Abbiamo capito che molti dei neuroni del cervello sono funzionali ma non funzionanti in chi ha il MA. E la causa di questo compromesso in termini di funzionalità è identificata e descritta da anni nelle riviste scientifiche. Fondamentalmente, una popolazione di cellule cerebrali perde progressivamente la capacità di utilizzare lo zucchero glucosio come combustibile e restano inattive. Questo è il motivo per cui vengono usate le scansioni PET che misurano il metabolismo cerebrale del glucosio quando si studiano i pazienti con la malattia.


Una nuova ricerca dimostra che questi neuroni inattivi possono essere riattivati ​​quando i chetoni, un tipo di grasso prodotto nel corpo quando le persone seguono una dieta chetogenica, consentono a queste cellule cerebrali di riguadagnare la loro funzione. Questo è il motivo dietro l'inclusione da parte del Dr. Bredesen di una dieta chetogenica come uno dei molti punti di forza nel suo programma completo.


Quello che sono così entusiasta di segnalare è il fatto che il protocollo del Dr. Bredesen FUNZIONA. Ora ha dimostrato che il MA è davvero reversibile!


Nella sua più recente pubblicazione, il Dr. Bredesen, lavorando con un team di medici in cliniche in tutto il paese, ha dimostrato che un approccio sfaccettato si è dimostrato efficace nell'invertire realmente il declino cognitivo che vediamo nei pazienti con lieve decadimento cognitivo (MCI), considerato in genere un preludio al MA, così come nei pazienti nei quali la diagnosi di MA era già stata confermata.


E al di là del miglioramento delle funzioni cerebrali, praticamente su tutta la linea, le relazioni sui casi reali rivelano come alcune persone che erano essenzialmente incapaci di prendersi cura di se stesse siano riuscite effettivamente a tornare al lavoro retribuito.


Inoltre, in un precedente rapporto, il Dr. Bredesen descrive come alcuni pazienti mostrano un miglioramento oggettivo e reale in termini di scansioni cerebrali che sono state lette da radiologi indipendenti.


Come neurologo, posso dirti che siamo stati addestrati a credere che questi miglioramenti nei pazienti con MA non possono accadere. Ma sta accadendo, proprio ora, in cliniche di tutto il paese.


Sviluppare il singolo farmaco, unico e brevettabile, il proiettile d'argento, per curare il MA, non è successo, e probabilmente non accadrà. Questo senza dubbio spiega perché la Pfizer, il gigante farmaceutico, ha ora cessato la ricerca sul MA.


Il Dr. Bredesen conclude il suo articolo pietra miliare affermando:

"In sintesi, per il trattamento del MA e dei suoi precursori, MCI e SCI (deterioramento cognitivo soggettivo) si dimostra promettente un approccio mirato, personalizzato, di medicina di precisione che affronta i molteplici potenziali contributori al declino cognitivo di ciascun paziente. I miglioramenti documentati nei 100 pazienti riferiti qui forniscono un supporto per eseguire uno studio clinico prospettico, randomizzato e controllato, specialmente in considerazione dell'attuale mancanza di trattamento efficace per questa malattia comune e altrimenti terminale.


Nel corso della mia carriera medica sono stato benedetto dall'opportunità di entrare in contatto con alcuni clinici e ricercatori incredibilmente lungimiranti in tutto il mondo. Tuttavia, questa è la prima volta che dichiaro che un particolare individuo, a mio parere, merita il premio Nobel. Il Dr. Bredesen ha sfruttato un paradigma che sfida l'approccio standard della medicina occidentale moderna.


Questo approccio personalizzato riconosce la logica fondamentale di puntare molteplici problemi per migliorare il MA. Ci ha mostrato che questa malattia, che ora colpisce circa 40 milioni di persone in tutto il mondo e costa oltre 1 trilione di dollari l'anno, non è una condanna a morte.


L'Alzheimer può essere invertito.

 

 

 


Fonte: Dr. David Perlmutter (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Dale E Bredesen, Kenneth Sharlin, David Jenkins, Miki Okuno, Wes Youngberg, Sharon Hausman Cohen, Anne Stefani, Ronald L Brown, Seth Conger, Craig Tanio, Ann Hathaway, Mikhail Kogan, David Hagedorn, Edwin Amos, Amylee Amos, Nathaniel Bergman, Carol Diamond, Jean Lawrence, Ilene Naomi Rusk, Patricia Henry and Mary Braud. Reversal of Cognitive Decline: 100 Patients. J Alzheimers Dis Parkinsonism, 19 Oct 2018, doi: 10.4172/2161-0460.1000450

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.