Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Attività dei dendriti è cruciale per la memoria

Attività dei dendriti è cruciale per la memoriaPerché ricordiamo alcune cose e non altre?


In uno studio di scansione unico, due ricercatori della Northwestern University hanno scoperto come i neuroni nel cervello consentono di ricordare alcune esperienze, mentre altre vengono dimenticate.


E salta fuori che, se si vuole ricordare qualcosa sul proprio ambiente, è meglio coinvolgere i dendriti.


Usando un microscopio ad alta risoluzione unico al mondo, Daniel A. Dombeck e Mark E.J. Sheffield hanno scrutato nel cervello di un animale vivente e hanno visto esattamente cosa accade in singoli neuroni (chiamati cellule di posizione) quando l'animale si muove in un labirinto di realtà virtuale.


Gli scienziati hanno scoperto che, contrariamente al pensiero corrente, l'attività del corpo cellulare del neurone ed i suoi dendriti può essere differente. Essi hanno osservato che, ​​durante un'esperienza dell'animale, se i corpi cellulari si attivano, ma i dendriti restano inattivi, il ricordo duraturo di quell'esperienza non si forma. Ciò suggerisce che il corpo cellulare sembra rappresentare l'esperienza in atto, mentre i dendriti (le ramificazioni tipo albero di un neurone) aiutano a memorizzare tale esperienza come ricordo.


"Ci sono molte teorie sulla memoria, ma pochissimi dati sul modo in cui i singoli neuroni in effetti memorizzano le informazioni in un animale vivente"
, ha detto Dombeck, assistente professore di neurobiologia al Weinberg College of Arts and Sciences e autore senior dello studio. "Ora abbiamo scoperto che i segnali nei dendriti, secondo noi, sono molto importanti per l'apprendimento e la memoria. I nostri risultati potrebbero spiegare perché alcune esperienze sono ricordate e altre sono dimenticate".


Nell'ippocampo del cervello, ci sono centinaia di migliaia di cellule di posizione, i neuroni essenziali per il sistema GPS del cervello. Dombeck e Sheffield sono i primi a visualizzare l'attività dei singoli dendriti nelle cellule di posizione. Questi risultati contribuiscono a capire come il cervello rappresenta il mondo che la circonda e puntano anche ai dendriti come un nuovo potenziale bersaglio per terapie contro il deficit di memoria e le malattie debilitanti, tipo l'Alzheimer (AD). La distruzione del sistema GPS del cervello è uno dei primi sintomi dell'Alzheimer, e molti pazienti non sono in grado di ritrovare la strada di casa. Capire come le cellule di posizione e i dendriti memorizzano questo tipo di ricordi potrebbe aiutarci a trovare nuovi modi per curare la malattia.


Nel loro studio, Dombeck e Sheffield hanno trovato segnali dei dendriti che potrebbero spiegare come un animale può sperimentare qualcosa senza immagazzinare l'esperienza come ricordo. Hanno visto che i dendriti non sono sempre attivati ​​quando il corpo del neurone viene attivato. I segnali prodotti nei dendriti (usati per memorizzare le informazioni) e i segnali all'interno del corpo cellulare dei neuroni (usati per elaborare e trasmettere informazioni) possono essere sia altamente sincronizzati che desincronizzati a seconda di quanto i neuroni ricordano sulle diverse caratteristiche del labirinto.


Gli scienziati hanno sempre creduto che i compiti neuronali di elaborazione e memorizzazione delle informazioni siano collegati: quando i neuroni elaborano le informazioni, li memorizzano allo stesso tempo, e viceversa. Lo studio della Northwestern fornisce la prova che confuta questa visione classica della funzione neuronale.


"Per tutto il tempo noi sperimentiamo eventi che devono essere rappresentati dall'attività dei neuroni nel cervello, ma non tutti questi eventi possono essere richiamati in seguito", ha dichiarato Mark E.J. Sheffield, postdottorato nel laboratorio di Dombeck e primo autore dello studio. "Il viaggio quotidiano del pendolare, per esempio, richiede l'attività di milioni di neuroni, ma sarebbe difficile ricordare ciò che stava accadendo a metà del tragitto Martedì della scorsa settimana", ha detto Sheffield. "Come mai allora i neuroni si sono attivati durante il tragitto senza memorizzare le informazioni nel cervello? Ora possiamo avere una spiegazione di come ciò accada".


Dombeck e Sheffield hanno costruito il proprio microscopio a scansione laser, che può visualizzare i neuroni su più piani. Hanno poi studiato il movimento di singoli animali (su una trackball) in un labirinto di realtà virtuale costruito attraverso il videogioco Quake II.


Ogni struttura illuminata vista nelle immagini indicava un neurone che «sparava» potenziali d'azione. I ricercatori hanno detto che l'attività di questi neuroni rappresenta il modo in cui l'animale sperimenta l'ambiente. Se i neuroni memorizzano questa esperienza, o no, sembra dipendere dall'attività dei dendriti dei neuroni stessi.

 

********
Lo studio della Northwestern è stato pubblicato il 26 ottobre dalla rivista Nature. Il neuroscienziato John O'Keefe ha scoperto le cellule di posizione nel 1971 (e ha ricevuto il Premio Nobel di quest'anno in fisiologia e medicina), ma è solo negli ultimi anni che gli scienziati, come Dombeck e Sheffield, sono riusciti a vedere questi neuroni che rappresentano una mappa di dove siamo nel nostro ambiente.

Il supporto per la ricerca è arrivato dalla Klingenstein Foundation, dalla Whitehall Foundation, dal Chicago Biomedical Consortium, dalla Northwestern University, dai National Institutes of Health e dalla Life Sciences Research Foundation.

 

 

 

 

 


Fonte: Megan Fellman in Northwestern University  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Mark E. J. Sheffield, Daniel A. Dombeck. Calcium transient prevalence across the dendritic arbour predicts place field properties. Nature, 2014; DOI: 10.1038/nature13871

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.