Iscriviti alla newsletter

Le sinapsi sono sempre pronte ai blocchi di partenza

Come funziona: le sinapsi sono sempre pronte ai blocchi di partenzaRicostruzione tridimensionale di una sinapsi. Le vescicole sinaptiche fusibili prontamente rilasciabili (blu, circa 45 milionesimi di millimetro di diametro) sono ancorate alla membrana cellulare. (Fonte: © MPI f. Experimental Medicine/ Benjamin H. Cooper)Quando i neuroni propagano rapidamente le informazioni al loro interno tramite segnali elettrici, essi comunicano tra loro in speciali punti di contatto chiamati sinapsi. Delle sostanze chimiche messaggere, i neurotrasmettitori, sono conservati in vescicole nelle sinapsi.


Quando una sinapsi si attiva, alcune di queste vescicole si fondono con la membrana cellulare e rilasciano il loro contenuto. Per garantire di non perdere del tempo prezioso, le sinapsi hanno sempre alcune vescicole facilmente sganciabili in attesa.


Con l'aiuto del microscopio elettronico a tre dimensioni e ad alta risoluzione, gli scienziati del Max Planck Institute di Medicina Sperimentale di Göttingen sono riusciti a dimostrare che queste vescicole fondibili hanno una caratteristica molto particolare: hanno già preso contatto con la membrana cellulare molto prima che avvenga la fusione effettiva.


Inoltre, il gruppo di ricerca ha anche decodificato il meccanismo molecolare che facilita il funzionamento di questo sistema di aggancio.


La fusione delle vescicole neurotrasmettitrici con la membrana cellulare comporta una stretta collaborazione tra numerosi componenti proteici, che si controllano a vicenda e garantiscono che ogni singolo «partecipante» sia sempre nel posto giusto. Questo è chiamato «macchina di fusione» e un confronto adeguato è questo: se una ruota dentata nel meccanismo dell'orologio si rompe, le lancette non si muovono. In modo simile, le molecole difettose o mancanti compromettono le operazioni sinaptiche.


Negli studi di ricerca condotti qualche anno fa, Nils Brose e il suo collega JeongSeop Rhee dell'Istituto Max Planck di Göttingen avevano già dimostrato che è gravemente difettosa la trasmissione di informazioni nelle sinapsi nei topi geneticamente modificati, in cui tutti i geni conosciuti delle proteine Munc13 o CAPS ​​erano stati spenti. Sebbene i neuroni dei topi geneticamente modificati non differiscano da quelli dei topi sani quando sono esaminati al microscopio ottico, se manca la Munc13 si arresta completamente il rilascio dei neurotrasmettitori. Le scoperte di Brose e Rhee hanno dimostrato che, per essere in grado di reagire immediatamente ai segnali in ogni momento, ogni sinapsi deve mantenere un piccolo numero di vescicole da fusione 'facilmente rilasciabili' in stand-by.


Ma come fanno le Munc13 e CAPS a convertire le vescicole in questo tipo di stato fondibile? Per rispondere a questa domanda, gli scienziati di Göttingen hanno studiato i contatti sinaptici nel dettaglio più minuto possibile. Per fare questo, i neurobiologi Cordelia Imig e Ben Cooper, che hanno lavorato con Brose e Rhee per molti anni, hanno usato un processo di congelamento ad alta pressione. Ciò comporta il congelamento rapido dei neuroni nel tessuto cerebrale ad alta pressione in modo che non si formi alcun cristallo di ghiaccio distruttivo e che resti particolarmente ben conservata la fine struttura delle cellule.


I campioni così ottenuti sono stati poi analizzati con la tomografia elettronica, una tecnica per cui le immagini di una struttura sono registrate da diverse angolazioni, come nella tomografia computerizzata in medicina. Le singole immagini possono poi essere combinate dal computer per dare un immagine ad alta risoluzione tridimensionale, di una sinapsi in questo caso (vedi immagine).


"Le nostre scoperte dimostrano che le vescicole facilmente rilasciabili nelle sinapsi sane toccano la membrana cellulare", spiega Cooper. "Tuttavia, se mancano le proteine Munc13 e CAPS​​, le vescicole non raggiungono la zona attiva e si accumulano a pochi nanometri di distanza". Con loro stupore, i ricercatori hanno osservato che anche le proteine ​​SNARE, che collaborano con le Munc13 e CAPS nelle terminazioni nervose, sono coinvolte in questo processo di espansione.


Le proteine ​​SNARE sono presenti nelle membrane cellulari e delle vescicole delle sinapsi sane e controllano la fusione delle due membrane durante il rilascio dei neurotrasmettitori. Quando una vescicola si avvicina alla membrana cellulare, le singole molecole SNARE si allineano una di fronte all'altra come i lati di una cerniera e tirano le membrane vicine tra loro in questo modo. Le vescicole attendono il segnale della pistola di partenza per fondersi in questo stato: ai blocchi di partenza, per così dire.


I risultati dei neurobiologi di Göttingen dimostrano che le proteine Munc13, CAPS e ​​SNARE allineano strettamente la vescicola e la membrana cellulare nella sinapsi, molto prima che sia dato il segnale per la fusione. Questo è l'unico modo che garantisce la trasmissione veloce e controllata delle informazioni alla sinapsi, grazie alla quale possiamo reagire specificatamente alle informazioni del nostro ambiente.


"Era evidente da tempo che le sinapsi devono essere estremamente veloci per effettuare tutte le numerose funzioni cerebrali complesse. Il nostro studio dimostra per la prima volta come questo viene gestito a livello molecolare e al livello delle vescicole sinaptiche", dice Brose.


Poiché quasi tutti i componenti proteici ​​coinvolti in questo processo hanno anche un ruolo nelle malattie neurologiche e psichiatriche, gli scienziati di Göttingen credono che la loro scoperta darà presto benefici alla ricerca medica.

 

 

 

 

 


FonteMax-Planck-Gesellschaft  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Cordelia Imig, Sang-Won Min, Stefanie Krinner, Marife Arancillo, Christian Rosenmund, Thomas C. Südhof, JeongSeop Rhee, Nils Brose, Benjamin H. Cooper. The Morphological and Molecular Nature of Synaptic Vesicle Priming at Presynaptic Active Zones. Neuron, 2014; 84 (2): 416 DOI: 10.1016/j.neuron.2014.10.009

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.