Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Che cosa ci rende umani? Unica area del cervello collegata a poteri cognitivi superiori

Che cosa ci rende umani? Unica area del cervello collegata a poteri cognitivi superioriI ricercatori dell'Università di Oxford hanno individuato una zona del cervello umano che appare diversa da qualsiasi altra del cervello di alcuni dei nostri parenti più stretti.


L'area del cervello individuata è nota per essere intimamente coinvolta in alcuni dei processi decisionali e di pianificazione più avanzati che noi riteniamo specificamente umani.


"Noi tendiamo a pensare che essere in grado di pianificare il futuro, essere flessibili nel nostro approccio e imparare dagli altri sono cose particolarmente di effetto negli esseri umani. Abbiamo individuato una zona del cervello che sembra essere unicamente umana e può avere a che fare con questi poteri cognitivi", dice il professor Matthew Rushworth, ricercatore senior del Dipartimento di Psicologia Sperimentale dell'Università di Oxford.


E' stata effettuata la scansione MRI a 25 volontari adulti per identificare i componenti principali nella zona della corteccia frontale ventrolaterale del cervello umano, e capire come questi componenti sono collegati ad altre aree del cervello. I risultati sono stati poi confrontati con i dati MRI equivalenti provenienti da 25 macachi.


Questa area della corteccia ventrolaterale frontale del cervello è coinvolta in molti degli aspetti più alti della cognizione e del linguaggio, ed è presente solo negli esseri umani ed in altri primati. Alcune parti sono implicate in patologie psichiatriche come l'ADHD, la tossicodipendenza o i disturbi del comportamento compulsivo. Il linguaggio è interessato quando altre parti sono danneggiate dopo un ictus o malattie neurodegenerative. Una migliore comprensione delle connessioni e delle reti neurali coinvolte dovrebbe aiutare la comprensione dei cambiamenti nel cervello che accompagnano queste condizioni.


I ricercatori dell'Università di Oxford riferiscono questi risultati sulla rivista scientifica Neuron e sono stati finanziati dal Medical Research Council del Regno Unito. Il Professor Rushworth spiega: "Il cervello è un mosaico di aree interconnesse. Volevamo analizzare questa importante regione della parte frontale del cervello e vedere quante tessere ci sono e dove sono collocate. Abbiamo anche esaminato le connessioni di ogni piastrella - come sono collegate al resto del cervello - poichè sono queste le connessioni che determinano le informazioni che possono raggiungere tale componente e l'influenza che questa parte può avere su altre regioni del cervello".


Con i dati MRI i ricercatori sono riusciti a dividere la corteccia ventrolaterale frontale umana in 12 aree che sono coerenti in tutti gli individui. "Ognuna di queste 12 aree ha il proprio schema di collegamenti con il resto del cervello, una sorta di «impronta digitale neurale», che ci dice che sta facendo qualcosa di unico", dice il professor Rushworth.


I ricercatori hanno quindi confrontato le 12 aree di quella regione del cervello umano con l'organizzazione della corteccia prefrontale della scimmia. In generale, sono molto simili, e 11 delle 12 aree sono presenti in entrambe le specie e sono collegate ad altre aree del cervello in modo molto simile. Tuttavia, una zona della corteccia ventro-laterale frontale umana non aveva alcun equivalente nel macaco: una zona chiamata «polo frontale laterale della corteccia prefrontale».


"Abbiamo stabilito che una zona nella corteccia frontale umana non sembra avere del tutto un equivalente nella scimmia", dice il primo autore Franz-Xaver Neubert dell'Università di Oxford. "Questa zona è stata individuata come deputata alla pianificazione strategica e al processo decisionale, così come al «multi-tasking»".


Il gruppo di ricerca di Oxford ha inoltre rilevato che le parti uditive del cervello sono molto ben collegate con la corteccia prefrontale umana, ma molto meno nel macaco. I ricercatori suggeriscono che questo potrebbe essere fondamentale per la nostra capacità di comprendere e generare il linguaggio.

 

 

 

 

 


Fonte: University of Oxford.

Riferimenti:  Franz-Xaver Neubert, Rogier B. Mars, Adam G. Thomas, Jerome Sallet, Matthew F.S. Rushworth. Comparison of Human Ventral Frontal Cortex Areas for Cognitive Control and Language with Areas in Monkey Frontal Cortex. Neuron, 2014; 81 (3): 700 DOI: 10.1016/j.neuron.2013.11.012

Pubblicato in ox.ac.uk (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.