Iscriviti alla newsletter

Il caregiving causa stress psicologico? Studio su gemelle dice: «dipende»

people caregiverQuando si parla di fattori di stress di vita, la maggior parte delle persone metterebbe il caregiving in cima alla lista.


Ma secondo Peter Vitaliano, professore di psichiatria e psicologia della University of Washington (UW), non sono mai esistiti dati che mostrassero in realtà che il prendersi cura di altri provoca un disagio psicologico.


Quindi, assieme ad altri ricercatori dell'UW, ha condotto uno studio su circa 1.228 gemelle, alcune delle quali erano caregiver, e alcune non lo erano. I risultati sono un po' sorprendenti.


Lo studio è stato pubblicato negli Annals of Behavioral Medicine di gennaio 2014 e dimostra che l'associazione tra accudimento e diversi tipi di disagio psicologico (depressione, ansia, stress percepito e salute mentale percepita) dipende in gran parte dai geni e dall'educazione di una persona, e meno dalla difficoltà del caregiving.


La persona ha una storia di depressione prima di essere una badante? Se è così, "il caregiving può essere come mettere sale sulla ferita", ha detto Vitaliano. Se non c'è stata depressione in passato, i caregiver non sembrano più colpiti dalla depressione rispetto ai non-caregiver. Depressione e salute mentale percepite sono influenzate in gran parte dai geni, ha detto Vitaliano. L'ansia è più correlata al caregiving, e le persone che non ricevono sollievo dall'ansia hanno più probabilità di diventare depresse, ha osservato.


Lo stress percepito è legato quasi esclusivamente al tipo di ambiente in cui la persona è cresciuta, non alla genetica o allo stato di caregiver, ha detto. Se una persona cresce in una casa dove i genitori mostrano di temere molto la perdita del posto di lavoro o una malattia, allora probabilmente modellerà tale comportamento.


Vitaliano ha detto che questi risultati contrastano quello che si crede da lungo tempo, che il caregiving causi direttamente un disagio. Egli ha osservato che dal 1953 ci sono stati più di mille studi sul disagio dei caregiver, ma nessuno di essi mostra un nesso di causalità.


Esaminando coppie di gemelle - sia monozigote (identiche dello stesso uovo fecondato) che dizigote (fraterni da uova fecondate separate) i ricercatori della UW hanno valutato quanto il disagio psicologico è legato al caregiving, o confuso da geni comuni e dall'esposizione ambientale. Lo studio si è concentrato esclusivamente sui gemelli femmine (408 monozigoti e 206 coppie di dizigoti), di cui 188 erano caregiver. Non sono stati trovati caregiver maschi a sufficienza da essere inclusi nelle analisi.


Lo studio esce nel momento in cui le malattie croniche sono in rapido aumento e l'Alzheimer è definito "la malattia del secolo", con la previsione di aumentare da 5 milioni di vittime nel 2008 a 12 milioni nel 2030. Di conseguenza, sempre più persone diventano caregiver. Poiché i fondi dell'assistenza sanitaria sono limitati, Vitaliano si augura che gli interventi e le politiche di trattamento siano destinati ai caregiver che hanno un rischio più alto.


Egli ha detto che da tempo diceva che il caregiving non causa pericolo direttamente. In base ad uno studio che ha eseguito con i colleghi più di 20 anni fa sulla «diatesi» (termine greco che significa «disposizione» o «vulnerabilità»), Vitaliano sostiene che gli stati psichiatrici e gli esiti psicologici sono una funzione dell'esposizione ai fattori di stress e vulnerabilità (ambiente precoce di famiglia, fattori genetici, disposizione). Il modo di rispondere ai fattori di stress dipende anche dalle risorse della persona (come farvi fronte, il supporto sociale, il reddito).


Vitaliano ha detto che la sua precedente ricerca ha dimostrato anche che i livelli di ormone dello stress dei caregiver con un alto contenuto di disposizioni, come nevrosi e dispiacere, sono particolarmente elevati rispetto agli altri cargiver. Egli ha anche scoperto che i caregivers con malattie croniche, come quelle cardiache o il cancro, hanno più problemi fisici con le loro malattie rispetto ai noncaregivers con malattie fisiche croniche.


Hanno collaborato Eric Strachan del Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali, Elizabeth Dansie del Dipartimento di Anestesia e Medicina del Dolore e Jack Goldberg e Dedra Buchwald del Dipartimento di Medicina dell'UW.

 

 

 

 

 


Fonte: University of Washington.

Riferimenti:  Vitaliano PP, Strachan E, Dansie E, Goldberg J, Buchwald D. Does Caregiving Cause Psychological Distress? The Case for Familial and Genetic Vulnerabilities in Female Twins. Annals of Behavioral Medicine, January 2014

Pubblicato in eurekalert.org (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

10 Consigli dei neurologi per ridurre il tuo rischio di demenza

28.02.2023

La demenza colpisce milioni di persone in tutto il mondo, quasi un over-65 su 10. Nonost...

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.