Iscriviti alla newsletter

Nanomedicina innovativa risolve infiammazione e favorisce la guarigione dei tessuti

Un team di ricercatori multi-centro, che comprende ricercatori del Medical Center della Columbia University (CUMC), del Brigham and Women's Hospital (BWH), della Mount Sinai School of Medicine, e del Massachusetts Institute of Technology, ha messo a punto delle nanoparticelle biodegradabili, che sono in grado di portare farmaci atti a ridurre infiammazione ai siti con danno tissutale.

Le nanoparticelle, testate con successo nei topi, hanno il potenziale di trattare una vasta gamma di malattie caratterizzate da infiammazione eccessiva, come l'aterosclerosi, l'Alzheimer e il diabete di tipo 2.


Lo studio è stato pubblicato il 18 Marzo nell'edizione online di Proceedings of National Academy of Sciences. L'infiammazione acuta è uno dei modi fondamentali con cui il corpo si protegge dalle infezioni o dalle lesioni. Teoricamente questa risposta all'inizio promuove l'eliminazione degli agenti patogeni o del tessuto danneggiato, e poi, attraverso un processo chiamato risoluzione dell'infiammazione, elimina i detriti cellulari e i mediatori infiammatori e ripristina il tessuto al suo stato normale. Tuttavia, in molte condizioni, tra cui le malattie cardiache, l'artrite e le malattie neurodegenerative, il processo infiammatorio non si risolve mai, con conseguente danno tissutale.

Ira TabasOmid Farokhzad, MD
"Si possono usare vari farmaci per controllare l'infiammazione. Tali trattamenti, tuttavia, di solito hanno effetti collaterali significativi e smorzano gli aspetti positivi della risposta infiammatoria"
, scrive il co-autore senior Ira Tabas (foto a sinistra), MD, PhD, Professore "Richard J. Stock" del Dipartimento di Medicina, e professore di Patologia e Biologia Cellulare (in Fisiologia e Biofisica Cellulare) al CUMC. L'altro co-autore senior è Omid Farokhzad (foto a destra), MD, Professore Associato di Anestesia e Direttore del Laboratorio di Nanomedicina e Biomateriali al Brigham and Women Hospital (BWH).


Per superare questi ostacoli, i ricercatori hanno implementato due scoperte. Per primo, sulla sulla base di un'idea della co-autrice Gabrielle Fredman, PhD, post-dottorato al CUMC, hanno approfittato di un peptide 24-amino-acido, l'Ac2-26, derivato da una proteina naturale mediatrice della risoluzione dell'infiammazione chiamata annessina A1. In secondo luogo, piuttosto che iniettare semplicemente il peptide "nudo" nei topi feriti, hanno confezionato il peptide in nanoparticelle, progettate dal gruppo del BWH, che possono portare i farmaci ai siti con danno tissutale. 


Alle nanoparticelle è stata data questa capacità con l'aggiunta di due componenti: una che conferisce loro proprietà di tipo traparenza, consentendo loro di evitare il rilevamento e l'eliminazione da parte dei globuli bianchi e del fegato; e una seconda che dà loro la possibilità di puntare il collagene IV, una proteina presente nei siti di danno tissutale. Ogni nanoparticella è inferiore a 100 nanometri di diametro, un 1/100.000 del diametro di un capello umano.


Le nanoparticelle sono state testate su topi con peritonite (infiammazione del peritoneo, il tessuto sottile che riveste la parete interna dell'addome) o ischemia-riperfusione degli arti posteriori (danni ai tessuti causati dal ritorno dell'afflusso di sangue al tessuto dopo un periodo di ischemia, o mancanza di ossigeno). Nei topi con peritonite, la somministrazione per via endovenosa di Ac2-26-contenente nanoparticelle è significativamente più efficace nel limitare il reclutamento di neutrofili (un tipo di globuli bianchi infiammatori) e l'aumento della risoluzione dell'infiammazione, di quanto non fosse la somministrazione endovenosa di Ac2-26 nudo. Nei topi con riperfusione, le nanoparticelle hanno ridotto il danno tissutale meglio di entrambi i tipi di nanoparticelle di controllo: quelli con un peptide dov'erano codificati i 24 aminoacidi per renderlo biologicamente inattivo e le nanoparticelle Ac2-26 senza il componente che punta il collagene IV.

"Queste nanoparticelle polimeriche mirate sono in grado, a dosi molto basse, di evitare che i neutrofili (la forma più abbondante di cellule bianche del sangue) si infiltrino nei siti di malattia o infortunio", dice il co-autore Nazila Kamaly, PhD, post-dottorato al BWH. "Questa azione impedisce ai neutrofili di secernere ulteriori molecole di segnalazione che possono portare ad uno stato iper-infiammatorio costante e a ulteriori complicazioni della malattia".


"Il bello di questo approccio è che, a differenza di molti altri approcci con farmaci anti-infiammatori, si avvale del disegno proprio della natura per prevenire i danni indotti da infiammazione, fatto che non compromette la difesa dell'ospite e favorisce la riparazione dei tessuti", dice il Dott. Tabas. 


Anche se le nanoparticelle si diffondono nei tessuti di tutto il corpo, tendono a concentrarsi nelle aree di infiammazione.  "In teoria, questo dovrebbe consentire ai medici di usare dosi di farmaci più piccole del solito e ridurre gli effetti collaterali indesiderati", scrive il Dott. Fredman.

Il team sta attualmente progettando nanoparticelle per il trattamento dell'aterosclerosi. Studi preliminari dimostrano che le nanoparticelle sono in grado di colpire le placche aterosclerotiche. Gli autori hanno depositato un brevetto per nanoparticelle polimeriche mirate per la risoluzione dell'infiammazione, per trattare una varietà di malattie infiammatorie croniche, che comprendono l'aterosclerosi, la malattia autoimmune, il diabete di tipo 2, e l'Alzheimer.


Gli altri partecipanti sono Manikandan Subramanian (CUMC), Suresh Gadde (BWH), Aleksandar Pesic (BWH), Louis Cheung (BWH), Zahi Adel Fayad (Mount Sinai School of Medicine), e Robert Langer (Massachusetts Institute of Technology). Questa ricerca è stata finanziata da un fondo del Programma di Eccellenza in Nanotecnologie del National Heart, Lung, and Blood Institute, dal National Institutes of Health, e dalla David Koch-Prostate Cancer Foundation.

 

 

 

 

 


Cosa pensi di questo articolo? Ti è stato utile? Hai rilievi, riserve, integrazioni? Conosci casi o ti è successo qualcosa che lo conferma? o lo smentisce? Puoi usare il modulo dei commenti qui sotto per dire la tua opinione. Che è importante e unica.
The original English version EnFlag
of this article is here.

 

 

 

 


Fonte: Columbia University Medical Center.

Riferimento: Gabrielle Fredman, Nazila Kamaly, Manikandan Subramanian, Suresh Gadde, Aleksandar Pesic, Louis Cheung, Zahi Adel Fayad, Robert Langer, Omid Farokhzad, Ira Tabas. Development and in vivo efficacy of targeted polymeric inflammation-resolving nanoparticles. Proceedings of National Academy of Sciences.

Pubblicato in Science Daily il 18 Marzo 2013 - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:




Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.