Iscriviti alla newsletter

C'è quasi sempre un modo migliore della restrizione per occuparsi degli ospiti delle case di cura

bed rails for dementia patientLe sponde del letto sono una forma di contenzione fisica usata per gestire i pazienti con demenza. (Foto: shutterstock.com)

Mentre la Commissione Reale Australiana sull'Assistenza agli Anziani ascolta le testimonianze sul trattamento delle persone con demenza nelle strutture residenziali per anziani, l'uso di restrizioni si rivela centrale e frontale.
Le restrizioni vengono talvolta usate nel tentativo di prevenire danni, ad esempio per impedire cadute o di vagare. In alcuni casi, sono anche usati per gestire comportamenti 'difficili'.


La demenza è una malattia degenerativa del cervello che colpisce non solo la memoria ma anche l'umore e il comportamento. Man mano che vengono persi i percorsi neurali, la persona può essere meno capace di interpretare il mondo e comunicare in modo chiaro. Ciò può provocare sintomi comportamentali di agitazione e confusione.


I sintomi comportamentali e psicologici della demenza possono essere difficili da gestire per il personale di assistenza agli anziani. Ma le restrizioni dovrebbero essere usate solo per brevi periodi di tempo per proteggere i residenti o il personale, e solo dopo aver esaurito tutte le alternative.

 

 

Cos'è il contenimento fisico nell'assistenza agli anziani?

Il contenimento fisico è tutto ciò che limita il movimento del corpo. Ciò comprende:

  • cinture e gilet legati ad un letto, o a una sedia fissa o a rotelle;
  • sedie fisse o a rotelle con tavoli bloccati;
  • sponde del letto;
  • allarmi alle porte.


Non ci sono dati affidabili sulla frequenza con cui i residenti sono fisicamente trattenuti, ma i dati degli anni '90 e 2000 suggeriscono che tra il 12% e il 49% sono stati bloccati per un certo periodo. Storicamente si sono usate restrizioni fisiche perché si pensava che tenessero i residenti al riparo da infortuni, come cadute dal letto o da sedie. Ma la ricerca degli anni '90 ha scoperto che le restrizioni in realtà aumentavano il rischio di lesioni.


Prendi l'uso delle sponde del letto, ad esempio. Quando un ospite tenta di alzarsi dal letto con le sponde, è più probabile che cada per superare l'ostacolo. Le strategie alternative potrebbero includere l'abbassamento del letto e l'inserimento di materiali morbidi sul pavimento.


L'uso della contenzione fisica aumenta anche l'isolamento dei residenti dai colleghi e dallo staff. Di conseguenza, i residenti hanno maggiori probabilità di sperimentare ansia, sintomi depressivi e qualche forma di declino cognitivo. Le relazioni sociali positive proteggono dal declino cognitivo. Quindi è importante per i residenti della struttura per anziani rimanere socialmente connessi con i coetanei.

 

 

E la restrizione chimica?

La restrizione chimica è l'uso di farmaci sedativi, antipsicotici e antidepressivi, noti collettivamente come psicotropi, che influenzano il comportamento emotivo e fisico dei residenti.


Alcune stime suggeriscono che quasi un ospite su due potrebbe avere una prescrizione impropria di questi farmaci. I farmaci psicotropi sono prescritti per le persone con depressione cronica o ansia paralizzante, ma dovrebbero essere usati in combinazione con psicoterapie.


Per quelli con condizioni di salute mentale più gravi come la schizofrenia, possono essere una necessità per la loro stabilità. Tuttavia, questi farmaci non dovrebbero essere usati per persone che vagano, che sono irrequieti o che sono semplicemente non cooperativi.


Si deve ottenere il consenso informato dal paziente e/o dalla sua famiglia prima di somministrare farmaci psicotropi o in situazioni di emergenza immediatamente dopo il fatto.

 

 

È difficile adattarsi alle cure per anziani

Le persone anziane spesso resistono all'entrata in strutture di assistenza agli anziani. La Commissione Reale (Australia) ha recentemente ascoltato testimonianze che le persone "preferiscono morire piuttosto che essere spostati in una struttura esterna". Quindi non sorprende che possano sorgere problemi di adattamento e comportamentali.


Entrare in una struttura per anziani può essere un processo molto difficile. Significa adeguarsi alle nuove persone, alle routine o al recupero da una grave condizione di salute. Molte persone che vivono nelle strutture di assistenza agli anziani riportano perdite multiple: controllo, indipendenza, identità, significato e fiducia.


Oltre a questo, la maggior parte delle persone che entrano nell'assistenza agli anziani sa che è lì che hanno probabilità di morire. La permanenza media nella cura degli anziani è di 2,8 anni e pochissimi ospiti tornano a casa.

 

 

I bisogni psicologici e sociali dei residenti non vengono soddisfatti

Le linee guida per la cura degli anziani affermano che, quando si considera l'uso della restrizione, l'obiettivo dovrebbe essere mantenere il precedente livello di indipendenza della persona. La scelta di un intervento deve promuovere il più alto livello di funzionamento, in particolare la mobilità e il mangiare indipendenti.


Ma anche se dei programmi educativi hanno dimostrato di ridurre l'uso di restrizioni in alcune situazioni, non sono sufficienti per risolvere il problema. Ciò richiede cambiamenti sistemici nella cultura dell'assistenza agli anziani e nei modelli di cura.


Quasi 2 strutture per anziani su 3 sono a corto di personale. Il personale di assistenza invecchiato è impegnato nell'assistenza clinica, nella fornitura di farmaci e nelle attività di supporto della vita quotidiana come il bagno e la medicazione. Ciò lascia poco tempo o addestramento per tenere conto dei bisogni sociali e psicologici dei residenti.


Il personale sta esprimendo queste preoccupazioni da decenni, con pochi cambiamenti, quando ci sono. Il personale talvolta giustifica l'uso della restrizione come mezzo per gestire il carico di lavoro complessivo e mantenere la sicurezza dei residenti.


Pur essendo importante aumentare il numero di infermieri e caregiver, è importante anche affrontare i fattori sottostanti che portano all'uso della restrizione. I residenti richiedono un supporto emotivo, sociale e psicologico per facilitare il loro adattamento all'assistenza per anziani e affrontare il loro isolamento sociale e la perdita di indipendenza.


Un modo per aumentare questo sostegno è sviluppare programmi basati sull'evidenza che mobilitino le persone nella comunità a sviluppare relazioni con i residenti anziani, che si tratti di leggere a loro, di parlare con loro o persino - come abbiamo visto nei Paesi Bassi - vivendo al loro fianco.

 

 

 


Fonte: Nicole Walker, ricercatrice postdottorato in salute neuro-mentale, The University of Queensland

Pubblicato su The Conversation (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

10 Consigli dei neurologi per ridurre il tuo rischio di demenza

28.02.2023

La demenza colpisce milioni di persone in tutto il mondo, quasi un over-65 su 10. Nonost...

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il rischio...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli o...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.