Iscriviti alla newsletter

Potere al paziente: cure incentrate sulla persona e come controllare la propria salute

Doctor discusses with patient

L'assistenza centrata sul paziente è la filosofia per restituire il potere ai pazienti e metterli 'al centro' delle cure. Può portare a una spesa sanitaria più bassa e a migliori esiti di salute dei pazienti. Ecco perché l'assistenza centrata sulla persona è diventata una priorità assoluta in Canada.


Come ricercatrice dei servizi sanitari che lavora con un gruppo internazionale di ricercatori, il mio obiettivo è approfondire il funzionamento delle cure incentrate sulla persona e come possiamo usare la voce delle persone e le informazioni sanitarie per realizzarle.


Sono anche una persona che usa il sistema sanitario, motivo per cui so che è importante per tutti sapere quale è l'assistenza incentrata sulla persona, da dove proviene e la parte che ha ognuno di noi per costruire un migliore sistema sanitario.

 

Cos'è la cura centrata sulla persona?

'Mettere i pazienti al centro' è un obiettivo davvero vago. Ecco perché il tuo medico di famiglia, il farmacista, il fisioterapista e tutti quelli coinvolti hanno probabilmente idee diverse su come essere centrati sulla persona. Ecco tre segnali che la cura che stai ricevendo è centrata sulla persona:

  1. Ti vede come una persona intera: sei unico e complesso. Hai desideri, bisogni, amici e famiglia. Ecco perché il tuo fornitore di sanità vuole sentire quello che hai da dire e rispetta il tuo diritto di fare delle scelte sul tuo stesso corpo.
  2. Ti tratta come un socio: piuttosto che dirti cosa fare, il tuo fornitore di sanità ascolta, insegna e collabora con te per costruire un piano di assistenza che si allinea ai tuoi obiettivi. Come ogni società, la fiducia è fondamentale. Ti fidi di lui e lui si fida di te.
  3. Ti aiuta a navigare nel tuo viaggio verso una salute migliore: ascolta le tue preoccupazioni e convalida i tuoi sentimenti. Ti dà anche consigli utili usando parole che capisci e ti indica altre risorse quando ne hai bisogno.

 

Da dove è venuta questa idea?

Cento anni fa nel sistema medico occidentale, ci si aspettava che i pazienti fossero passivi. Il fornitore di assistenza sanitaria era il custode della conoscenza del tuo corpo, quindi facevi quello che diceva senza fare domande.


Ecco perché è stato rivoluzionario quando, negli anni '50, gli psicologi hanno iniziato a dire che le persone possono curare i propri problemi quando ottengono il giusto supporto. Nei decenni seguenti, altri esperti (tra cui diversi canadesi influenti) hanno portato ancora più idee, del tipo che i pazienti dovrebbero essere visti come esseri umani unici. (I popoli indigeni l'hanno capito tanto tempo prima dei colonizzatori).

 

Tre modi per spingere per l'assistenza centrata sulla persona

L'assistenza incentrata sulla persona è diventata essenziale. Soprattutto quando si tratta di malattie croniche, è necessario auto-monitorarsi, prendersi cura e diventare difensori di se stessi. Allora cosa puoi fare per prendere la tua salute nelle tue mani?

  1. Fai la tua ricerca: l'informazione è potere. Impara il più possibile sulle tue condizioni di salute per acquisire fiducia, rendere più efficienti gli appuntamenti e persino migliorare la tua relazione con il tuo medico. Non sai da dove cominciare? Chiedi al tuo bibliotecario locale se ha suggerimenti di ricerca o suggerimenti di libri. Entra in una comunità virtuale e cerca opportunità di apprendimento (come seminari o webinar presso le associazioni specializzate nelle malattie o altre grandi organizzazioni). Se hai un fornitore di assistenza sanitaria, cerca su Google cosa fa, se parla la tua lingua madre e quale è il suo contesto di formazione. In caso contrario, gli elenchi dei servizi potrebbero aiutarti a trovare un operatore sanitario che soddisfa le tue esigenze. Ad esempio, Rainbow Health Ontario ha un elenco di fornitori di cure a misura di LGBT2SQ.

  2. Preparati: non aver paura di portare un elenco di domande e preoccupazioni e prendi appunti per aiutarti a ricordare cosa ha detto il medico (ad esempio, la terminologia che vorrai cercare in seguito). Puoi anche portare una persona di supporto, come un amico o un familiare, per il supporto emotivo, per difenderti, per aiutare nel processo decisionale o prendere appunti. Mostra al tuo operatore di sanità che vuoi sapere di più sulla tua salute e non aver paura di parlare se ti senti congedato.

  3. Dai informazioni di ritorno: la sfida con l'assistenza incentrata sulla persona è che i problemi nel sistema sanitario, come la carenza di personale, possono renderla più difficile da realizzare. Ma puoi aiutare a cambiare il sistema. Sii gentile con i tuoi operatori sanitari. Condividi le tue opinioni (nel bene e nel male) compilando sondaggi sui pazienti quando te li sottopongono. Puoi anche entrare in un comitato consultivo, o una rete, per pazienti e familiari. Questi sono gruppi di persone con esperienza vissuta che aiutano a migliorare il sistema sanitario. Come membro di un comitato consultivo per pazienti e familiari, ho dato la mia opinione sulle decisioni di assunzione, sulla pianificazione della sicurezza, sull'istruzione e altro ancora. Guarda online per trovare un gruppo locale, regionale o nazionale.


Anche se potresti non essere in grado di cambiare il sistema da solo, ricorda sempre che la tua voce conta.

 

 

 


Fonte: Amanda Aguilar da Nova (Università di Waterloo) in The Conversation (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.