Associazione Alzheimer ONLUS

Denuncia & Advocacy

La stimolazione cerebrale è molto promettente, ma mancano le regole

AI brain Getty Images

Quest'anno, un paziente cinese conosciuto solo come Sig. Yan è diventato un pioniere della medicina. Ha accettato di avere degli elettrodi inseriti chirurgicamente nel cervello, permettendo al suo chirurgo di cambiare le emozioni che Yan sente, solo con il tocco dello schermo di un semplice computer tablet.


Il trattamento mira ad aiutare Yan a vincere la sua dipendenza dalla metanfetamina, ma ad un costo notevole: Yan deve fidarsi di qualcun altro per gestire le sue emozioni.


Stimolare elettricamente il cervello per trattare la dipendenza è una tecnica nuova e la sua efficacia è ancora sconosciuta, ma è attualmente in fase di sperimentazione negli animali e nell'uomo.


La tecnologia suscita alcune domande difficili sulla responsabilità. Se Yan ha una ricaduta, chi è responsabile? Se egli commette un crimine, mentre ha il dispositivo impiantato, come dovrebbe essere trattato dai tribunali? E i neuroscienziati dove dovrebbero tracciare la linea quando la loro ricerca coinvolge persone disperate e vulnerabili?


Queste domande stanno diventando sempre più pressanti. Le innovazioni neuroscientifiche simili agli elettrodi di Yan non sono più limitate al laboratorio, e fanno già parte integrante della vita di molte persone. È già prassi comune trattare i tremori associati al Parkinson con un elettrodo impiantato nel cervello del paziente. E le applicazioni mediche sono ancora in espansione: queste innovazioni sono viste come un trattamento potenziale per una serie di condizioni, dall'anoressia al disturbo ossessivo-compulsivo.


I disturbi neurologici sono una delle cause principali, e crescenti, di malattia globale, contribuendo a oltre il 10% del carico di malattie. I governi di tutto il mondo, compreso la BRAIN Initiative degli Stati Uniti, lo Human Brain Project dell'Unione europea, e l'Australian Brain Alliance, hanno investito oltre $ 7 miliardi di dollari USA a livello mondiale in quello che è stato descritto da neuroscienziati come il 'lancio sulla luna' medico del 21° secolo. C'è stata anche una rapida crescita nel mercato per i 'neurointerventi' medici, come la stimolazione cerebrale e i dispositivi di registrazione, stimato in più di $ 13.3 miliardi di dollari USA entro il 2020.

 

 

Vita migliore con l'elettricità

C'è altro potenziale anche oltre il semplice trattamento di condizioni mediche. Le neuroscienze potrebbero un giorno anche potenziare le nostre capacità mentali esistenti, come la memoria e la concentrazione. Sono attualmente disponibili dispositivi indossabili, tipo fasce per la testa, che usano la stimolazione con corrente diretta transcranica - in cui una corrente elettrica viene fatta passare attraverso la superficie del cervello - e affermano di migliorare la concentrazione e la memoria. Sono entrati nel mercato dispositivi che ti consentono di monitorare i modelli elettrici del cervello e asseriscono di massimizzare il tuo potenziale cognitivo.


Queste tecnologie sono molto promettenti. Dispositivi e innovazioni tecnologiche che ci insegnano su noi stessi, a superare i deficit e a migliorare le capacità mentali sono chiaramente articoli di consumo interessanti. Ma l'Australia (ndt: e l'Italia?) è attualmente pericolosamente impreparata per la rapida innovazione e la commercializzazione di questi progressi neuroscientifici.


C'è una sorveglianza nazionale insufficiente per regolamentare la sicurezza o l'efficacia di molte tecnologie neuroscientifiche disponibili in commercio. Questo lascia i consumatori vulnerabili alle richieste fraudolente e a rischi ingiustificati.


Per esempio, ci sono poche prove che i miglioramenti di memoria e concentrazione promessi saranno realizzati nelle versioni al dettaglio dei dispositivi di stimolazione transcranica a corrente diretta. Questi dispositivi non sono senza rischio e possono causare prurito, bruciature e mal di testa e un'alterazione dell'umore, della memoria e della cognizione. Sono necessarie linee guida e regolamenti adeguati per assicurare che il pubblico abbia benefici, riducendo al minimo i danni.


L'Australia, inoltre, non ha regole chiare per obbligare le aziende a informare gli utenti come sono raccolti e usati i loro dati. Quando questi dati riguardano il nostro cervello, i possibili usi e abusi sono difficili da prevedere, ma i primi segnali sono preoccupanti. Smartphone e dispositivi indossabili generano dati che possono essere usati per identificare i segni premonitori del Parkinson, della depressione, della demenza, e del rischio futuro di suicidio.


I consumatori meritano di sapere se queste informazioni vengono condivise con la loro assicurazione sanitaria, il datore di lavoro o altre terze parti.

 

 

È tempo che diventino efficaci

I ricercatori e gli ingegneri che sviluppano neurotecnologie non consultano abitualmente le persone che potrebbero finire per usarle. Il pericolo è che questo divario sia riempito da interessi acquisiti, come lobby industriali, istituti di ricerca o regolatori.


L'Australian Academy of Science ha chiesto di recente una nuova legge per l'innovazione responsabile che contribuisca a coinvolgere il pubblico nell'innovazione scientifica. Ci sono segni promettenti che questo sta davvero cominciando ad accadere nel campo delle neuroscienze.


L'Australian Brain Alliance, una coalizione di oltre 30 università nazionali, istituti di ricerca medica e società commerciali, ha proposto le linee guida nazionali per la neuroinnovazione responsabile, in consultazione con i rappresentanti dei pazienti. Questa settimana l'Australian Neuroethics Network, con il sostegno del Turner Institute for Brain and Mental Health e del Law, Health and Well-being Group al Monash University e dell'ARC Centre for Integrative Brain Function, terrà la sua conferenza annuale sul tema delle neuroscienze e sulla responsabilità di informare i responsabili delle decisioni sull'influenza delle neuroscienze sulla società australiana.


Tuttavia, c'è molto di più da fare. Rendersi conto di tutti i vantaggi del progresso delle neuroscienze, riducendo al minimo i danni, richiede un esame attento e un pubblico ben informato, che possono partecipare attivamente alla discussione.


La stimolazione cerebrale e altri progressi neuroscientifici potrebbero un giorno essere una parte integrante della nostra vita. Ora è il momento migliore per garantire che tutti servano i nostri interessi.

 

 

 


Fonte: Adrian Carter (ricercatore), Jamie Walvisch (docente) e Patrick Haylock (dottorando) della Monash University

Pubblicato su The Conversation (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

10 Consigli dei neurologi per ridurre il tuo rischio di demenza

28.02.2023

La demenza colpisce milioni di persone in tutto il mondo, quasi un over-65 su 10. Nonost...

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.