Associazione Alzheimer ONLUS logo Christmas

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Vampate di calore compromettono codifica e richiamo della memoria

menopause hot flash woman

Se hai difficoltà a trovare la parola giusta per esprimerti con chiarezza o a ricordare correttamente una storia, potresti incolpare la menopausa.


Un nuovo studio, pubblicato su Menopause, suggerisce che le vampate di calore fisiologiche sono associate con una diminuzione della memoria verbale e con delle alterazioni delle funzioni cerebrali durante la codifica e il recupero della memoria, soprattutto nell'ippocampo e nella corteccia prefrontale.


Studi precedenti avevano già dimostrato che le donne quando entrano in menopausa hanno un calo nella memoria del materiale verbale, come le parole e le storie.


In questo nuovo studio, è stata usata la risonanza magnetica (MRI) per documentare il verificarsi di vampate di calore fisiologiche e il loro effetto specifico sulle funzioni della corteccia prefrontale e dell'ippocampo durante le condizioni di codifica e riconoscimento in un compito di memoria.


I punti di forza di questo studio sono nel monitoraggio delle vampate di calore fisiologiche per confermare il loro effetto sull'affidabilità del richiamo dei ricordi e l'uso della risonanza magnetica funzionale per valutare specificamente i cambiamenti in tempo reale che si verificano all'interno del cervello durante i test di memoria.


Anche se sono necessari studi più grandi per valutare pienamente l'affidabilità del rapporto tra vampate di calore e funzioni alterate del cervello, questo studio fornisce nuovi elementi in aree specifiche del cervello coinvolte nella memoria, che sembrano essere influenzate negativamente dalle vampate di calore.


La Dott.ssa Stephanie Faubion, direttrice sanitaria della North American Menopause Society, dice:

"I risultati di questo studio preliminare, anche se piccolo, supportano un'associazione tra vampate di calore monitorate oggettivamente e cambiamenti funzionali avversi nel cervello, che influenzano la memoria.

"Sono necessari ulteriori studi per determinare se le vampate di calore causano effettivamente questi cambiamenti cerebrali e se trattare le vampate di calore li impedirà o li normalizzerà".

 

 

 


Fonte: The North American Menopause Society (NAMS) (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Pauline Maki, Minjie Wu, Leah Rubin, Deanne Fornelli, Lauren Drogos, Stacie Geller, Lee Shulman, Suzanne Banuvar, Deborah Little, Rhoda Conant. Hot flashes are associated with altered brain function during a memory task. Menopause, 6 Jan 2020, DOI

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.