Associazione Alzheimer ONLUS logo

Denuncia & Advocacy

Perché vivere in un mondo ‘incredibilmente tossico’ aumenta il rischio di Alzheimer

mould in the corner of a windowLa muffa in casa può rappresentare un rischio nascosto per malattie croniche, compresa la demenza.

Sei preoccupato per la minaccia del morbo di Alzheimer (MA), e ti stai chiedendo che cosa potrebbe aumentare il tuo rischio. Insalata di tonno; rossetto; scarico di doccia che perde: c'è uno di questi sulla tua lista di pericolo?


No? Beh, c'era un tempo in cui non erano nemmeno sul radar della dott.ssa Mary Kay Ross, ma la sua formazione medica e ricerca - per non parlare la sua esperienza personale - le hanno insegnato il contrario. La Ross, fondatrice e CEO del Brain Health & Research Institute di Seattle, è emersa come una delle principali autorità sul pericolo cognitivo posto da muffe, tossine e metalli pesanti e ti vorrebbe dare un avvertimento: sono ovunque.


“Dal punto di vista tossico, tutti abbiamo la responsabilità di conoscere i pericoli in cui mettiamo il nostro corpo per tutta la vita”, dice la Ross. “Abbiamo creato un mondo che è incredibilmente tossico. Non ci rendiamo conto di tutte le cose che aumentano il nostro carico tossico. Ma alla fine si raggiunge un punto di non ritorno e ci ammaliamo“.


L'esposizione può provenire dai posti meno probabili, e la maggior parte di noi vi è sottoposta per tutta la vita. Prendi i metalli pesanti, per esempio. La Ross dice che sono ovunque, dalla cosmesi alle otturazioni nei denti. “Chi ha avuto la grande idea di mettere un metallo tossico, il mercurio, nella nostra bocca quando eravamo bambini?”, lei chiede.


La Ross dice che i rischi ambientali, come la muffa in casa, possono avere un ruolo significativo nel declino cognitivo e nella demenza. “Credo che la tossicità della muffa sia uno dei più grandi elementi motori. Rilascia micotossine, nanoparticelle che possiamo aspirare e rimangono incastrate nei polmoni e possono perfino entrare nel cervello. Sono abbastanza piccole da passare attraverso la barriera emato-encefalica e alloggiare nel cervello. Le persone possono sviluppare tumori, possono sviluppare una malattia polmonare, possono sviluppare il MA”.


La Ross racconta la storia di una famiglia in cui la madre ha la demenza, e ora la figlia sta vivendo il declino della salute, inclusa la perdita della memoria. E il denominatore comune sembra essere la tossicità della muffa. “La mia paziente è la figlia, che ha lieve decadimento cognitivo e molti altri problemi di salute, collegati alla muffa in casa della madre”, dice la Ross. “In definitiva, quello è probabilmente il motivo per cui la madre sta morendo di MA. È davvero spaventoso”.


Tale fattore di paura non è una novità per la Ross. Più di un decennio fa, ha avuto il suo proprio allarme sanitario a causa della muffa, e ha cambiato il corso della sua carriera. Era medico di pronto soccorso in un centro traumatologico di Savannah, in Georgia, quando è stata assalita da una serie sconcertante di malattie che includevano l'artrite, un problema cardiaco e problemi respiratori. “La situazione era diventata così brutta, che stavo quasi per diventare disabile”, dice.


La Ross ha cercato specialisti, tra cui uno per le infezioni di New York, ma nessuno riusciva a spiegare la sua discesa brusca nella malattia cronica. Ha quindi iniziato a cercare le proprie risposte. “Non sono riuscita a dormire per due anni, quindi mi sono seduta a fare ricerca”, dice. “Alla fine ho capito che molti dei sintomi che avevo potevano essere ricondotti alla muffa”.


La Ross descrive la muffa come il “grande disintegratore della natura”. “Vive su tutto ciò che muore all'esterno”, dice. “Ma non è questo il problema. La muffa diventa davvero un grosso problema quando è all'interno della tua casa. Purtroppo, noi costruiamo le nostre case con cibo per muffa. La muffa ama il muro a secco”.


All'insaputa della Ross e di suo marito Stephen, prima di ammalarsi aveva avuto un problema idraulico in casa. “Abbiamo avuto una perdita intorno allo stesso tempo e non ho fatto 2+2”, dice. “Il piatto della doccia perdeva, ma non si poteva vedere. Si è manifestato in una parete esterna in un'altra stanza. Oh mio Dio, il muro era nero”.


La Ross ha lasciato la casa lo stesso giorno in cui ha scoperto il problema della muffa. Ma dato il clima caldo e umido di Savannah, il problema di cui era inconsapevole prima si è rivelato presente in tutta la città. “A Savannah non riuscivo a trovare una casa dove potevo vivere”, dice, “quindi ho vissuto in un camper per un anno e mezzo”.


Una volta uscita di casa, la sua salute cominciò subito a migliorare, ma mentre si riprendeva, l'esperienza l'ha chiamata professionalmente in una nuova direzione. La Ross ha trascorso due anni a riqualificarsi nella medicina funzionale, e nel 2012, ha lanciato l'Institute for Personalized Medicine, dove è diventata leader nella ricerca su muffe, tossine, funghi e metalli pesanti, concentrandosi su come contribuiscono alle malattie neurodegenerative.


È poi andata con il dott. Dale Bredesen, l'autore del best-seller “La fine dell'Alzheimer”, alla MPI Cognition, come responsabile sanitario, fino a che l'organizzazione è stata acquisita nel 2018. Ha poi fondato The Brain Health & Research Institute, che si concentra sulla prevenzione e sul trattamento delle malattie neurologiche, compreso il MA, altre forme di demenza, e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA).


Le ho chiesto dove possono essere inserite nel rischio complessivo di MA le muffe o i metalli pesanti. “Ecco quello che dico ai pazienti”, spiega la Ross. “Le malattie croniche non nascono per caso. Nascono in un periodo di tempo e c'è sempre una ragione di fondo che riguarda la genetica, lo stile di vita e un'esposizione acuta che è il punto critico“.


Nel suo caso, l'esposizione alla muffa nascosta dietro le mura della sua casa era lo scatenante, ma anche la genetica ha un ruolo. La Ross dice che sia lei che il marito vivevano nella stessa casa, ma i suoi sintomi erano molto più acuti mentre i sintomi del marito erano più di tipo allergico e includevano stanchezza estrema e nebbia nel cervello.


“Perché avevamo sintomi tanto diversi? È una cosa genetica”, dice. La Ross dice che circa il 25% delle persone ha una predisposizione genetica alle biotossine, compresa la muffa, e ciò le lascia vulnerabili alle malattie croniche - come il deficit cognitivo o il MA - se sono esposte alla muffa a casa o sul posto di lavoro. Per queste persone, dice, i cambiamenti dello stile di vita come l'alimentazione, l'esercizio fisico e la riduzione dello stress possono essere utili, e sono raccomandati.


Ma le abitudini sane da sole non saranno sufficienti. “Se vivi in un ambiente ammuffito e inizi a sviluppare problemi cognitivi, niente di ciò sarà una cura perfetta se la tua casa è tossica”, dice. “Ti darò supporto con i pilastri della salute del cervello, e puoi avere uno chef e un nutrizionista e un istruttore sanitario, e starai un po' meglio. Ma il giorno in cui scopriamo il vero punto di svolta della tua malattia, quello è il fattore determinante. Questo è ciò che fa davvero la differenza“.


Se hai preoccupazioni per la tua cognizione e ti chiedi se la muffa può essere parte del problema, puoi verificare la casa per scoprirlo. La Ross dice ai suoi pazienti di ordinare un kit di test Environmental Relative Moldiness Index (ERMI), disponibile online. Di solito il test chiede di usare un panno di tipo Swiffer per raccogliere campioni di polvere, che vengono inviati per l'analisi. C'è anche una opzione di test meno costosa chiamata HERTSMI-2, che la Ross scherzosamente dice “suona come una brutta canzone di musica country”.


Se questa semplice forma di test suggerisce un livello pericoloso di muffa, allora si può ordinare il test più sofisticato. La Ross dice che una persona che ha perdita cognitiva o altri problemi significativi per la salute legati alle muffe, deve per forza evitare ulteriore esposizione alla muffa, sia in casa che altrove.


“È davvero importante rendersi conto che se sei esposta/o ad essa e hai questa predisposizione genetica, il tuo gene è già stato innescato e hai una risposta intensificata”, dice. “Per cambiare questa situazione, devi riparare la tua casa in modo appropriato. Alcuni non possono vivere con essa nella loro casa”.


La Ross dice che nel suo caso, la sua accresciuta sensibilità è continuata anche dopo che ha lasciato la sua casa. “Anche dopo un anno e mezzo, se andavo in una casa con muffa, tutti i miei sintomi tornavano”, dice. “Se vado in un ambiente ammuffito lo percepisco, sento l'odore e devo uscire”.


Ma il recupero è possibile nel corso del tempo. “A seconda di quanto male stai, per quanto tempo sei stato dentro e fino a che punto sei disposta/o a evitarlo, di solito puoi vedere un grande miglioramento entro pochi mesi; è un processo per stare meglio“, dice la Ross.

****


E la muffa non è affatto l'unico pericolo ambientale a cui prestare attenzione. Sostanze chimiche e metalli pesanti come piombo, mercurio o arsenico sono presenti in molti alimenti e prodotti per la casa. È nostra responsabilità come consumatori capire i rischi e come evitarli.


“Il piombo è un problema enorme”, dice Ross. “Pensiamo alla vernice al piombo, alla benzina con piombo. Il piombo è in tante altre cose: tintura dei capelli, trucco, rossetto, un grosso problema per le donne. Ed è una tossicità generazionale, perché è memorizzata nel grasso e nelle ossa lunghe e può essere trasmessa“.


Nella mia conversazione con la Ross, le ho detto che nei miei sforzi per mangiare in modo più sano per il cervello, ho iniziato a mangiare meno carne rossa e più pesce, ma di recente mi sono preoccupato del rischio di mercurio nei grandi pesci predatori come il tonno o il pesce spada, e ho cominciato a evitare il tonno. Le ho chiesto se era una scelta prudente o una reazione eccessiva a un rischio minore.


“Vorrei dirti che è molto intelligente”, dice. “Io non mangio nessuno di questi pesci di grandi dimensioni per le stesse ragioni. Credo che la tossicità del mercurio sia un grosso problema. Noi li conserviamo nel grasso, sono immagazzinati nel nostro cervello”. Lei consiglia il pesce come una scelta per un cervello sano, ma incoraggia i suoi pazienti a limitarsi ai pesci più piccoli di acqua fredda come sardine, sgombri, alici, salmone pescato al naturale e aringhe.


La Ross vuole anche che il pubblico sia consapevole della prevalenza dell'arsenico nei nostri cibi. “L'arsenico si trova comunemente nel pollo, nel succo di mela, nel succo d'arancia o nel riso”, dice. “Dobbiamo sempre pensare a dove troviamo il nostro cibo e da dove viene”. Ad esempio, dice, il riso coltivato negli stati del sud degli USA ha dimostrato di avere livelli più elevati di arsenico, perché l'arsenico è usato tradizionalmente nella coltivazione del cotone, e rimangono tracce nel terreno.


“Al giorno d'oggi, è necessario leggere molto attentamente le etichette”, dice. “La maggior parte delle etichette di pollo dicono che sono tutti naturali, o potrebbero addirittura dire che sono alimentati con una dieta vegetariana organica. I polli non sono vegetariani. Sono onnivori, mangiano insetti e vermi. Quello che veramente vogliamo è il pollo ruspante. Cerca il pollo che può uscire e cacciare e beccare“.

 

 

 


Fonte: Tony Dearing in NJ.com (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Microglia: ‘cellule immunitarie’ che proteggono il cervello dalle malattie…

28.05.2020

Sappiamo che il sistema immunitario del corpo è importante per tenere tutto sotto controllo e pe...

'Tau, disfunzione sinaptica e lesioni neuroassonali si associano di più con l…

26.05.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) comporta il deperimento caratteristico di alcune regioni del ...

Il nuovo collegamento tra Alzheimer e inquinamento dell'aria

13.05.2020

Il mio primo giorno a Città del Messico è stato duro. Lo smog era così fitto che, men...

Perché vivere in un mondo ‘incredibilmente tossico’ aumenta il rischio di…

6.05.2020

Sei preoccupato per la minaccia del morbo di Alzheimer (MA), e ti stai chiedendo che cos...

Sempre più giovani con Alzheimer e demenza: colpa delle tossine ambientali, m…

6.05.2020

È abbastanza straziante quando le persone anziane sviluppano condizioni di perdita di m...

5 tipi di ricerca, sottostudiati al momento, potrebbero darci trattamenti per …

27.04.2020

Nessun ostacolo fondamentale ci impedisce di sviluppare un trattamento efficace per il m...

'Scioccante': dopo un danno, i neuroni si auto-riparano ripartendo da zero

17.04.2020

Quando le cellule cerebrali adulte sono ferite, ritornano ad uno stato embrionale, secon...

Cosa rimane del sé dopo che la memoria se n'è andata?

7.04.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) è caratterizzato da una progressiva perdita di memoria. Nell...

Convalidare il sentimento aiuta meglio di criticare o sminuire

30.03.2020

Sostenere i tuoi amici e la famiglia può aiutarli a superare questi tempi di incertezza...

Acetil-L-carnitina può aiutare la memoria, anche insieme a Vinpocetina e Hupe…

27.03.2020

Demenza grave, neuropatie (nervi dolorosi), disturbi dell'umore, deficit di attenzione e...

Cosa accade nel cervello che invecchia

11.03.2020

Il deterioramento del cervello si insinua sulla maggior parte di noi. Il primo indizio p...

L'Alzheimer è in realtà un disturbo del sonno? Cosa sappiamo del legame tra …

28.02.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) è una forma di demenza che insorge quando c'è un accumulo d...

Il girovita può predire il rischio di demenza?

6.11.2019

Il primo studio di coorte su larga scala di questo tipo ha esaminato il legame tra il girovita in...

Pressione bassa potrebbe essere uno dei colpevoli della demenza

2.10.2019

Invecchiando, le persone spesso hanno un declino della funzione cerebrale e spesso si pr...

Ricetta per una vita felice: ingredienti ordinari possono creare lo straordina…

9.09.2019

Se potessi porre ad ogni essere umano sulla Terra una domanda - qual è la ricetta per u...

I dieci psicobiotici di cui hai bisogno per un cervello felice

9.09.2019

Psicobiotici? Cosa sono gli psicobiotici?? Bene, cosa penseresti se io dicessi che la tu...

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Tutti gli articoli da non perdere