Iscriviti alla newsletter

Alzheimer e malattie cardiovascolari condividono la genetica in alcuni pazienti

gene sequencingLa genetica può predisporre alcune persone sia al morbo di Alzheimer (MA) sia ad alti livelli di lipidi nel sangue come il colesterolo, una caratteristica comune delle malattie cardiovascolari, secondo un nuovo studio condotto da un gruppo internazionale di ricercatori guidati dagli scienziati della University of California di San Francisco e della Washington University di St. Louis.


La ricerca ha analizzato dati dell'intero genoma di oltre 1,5 milioni di individui, rendendola una delle più grandi mai fatta sulla genetica del MA. Gli autori sperano che i risultati portino a una migliore diagnosi precoce e potenzialmente a nuove strategie preventive per il MA, che attualmente colpisce 35 milioni di persone nel mondo e non ha cura.


Evidenze cliniche ed epidemiologiche montanti hanno evidenziato un legame tra cardiopatia e MA, ma una relazione biologica tra le due condizioni era finora controversa. Molti pazienti con diagnosi di MA mostrano anche segni di malattie cardiovascolari, e gli studi post mortem rivelano che il cervello di molti malati di MA ha segni di malattia vascolare, che alcuni scienziati ipotizzano potrebbe guidare l'insorgenza della demenza.


Queste osservazioni hanno portato alla speranza di prevenire il MA trattando i sintomi cardiovascolari, ma gli studi genetici iniziali e gli studi clinici falliti di farmaci cardiovascolari chiamati statine per il MA hanno messo in dubbio questa possibilità.


Il nuovo studio, pubblicato il 9 novembre 2018 in Acta Neuropathologica, mostra che il MA e le malattie cardiovascolari condividono la genetica comune in alcuni individui, sollevando nuove domande sul fatto che si possa puntare questa biologia condivisa per rallentare o prevenire entrambe le malattie.


"Questi risultati implicano che, indipendentemente da cosa causa una delle due, la patologia cardiovascolare e il MA insorgono perché sono collegati geneticamente. Cioè, se sei portatore di questa manciata di varianti genetiche potresti essere a rischio non solo per le malattie cardiache ma anche per il MA", ha detto il ricercatore sulle neurodegenerazioni Rahul Desikan MD/PhD dell'UCSF, scienziato clinico il cui laboratorio è noto per lo sviluppo del 'punteggio di rischio poligenico' per il MA, che predice l'età alla quale è probabile che un individuo inizi a manifestare sintomi di demenza, in base al suo patrimonio genetico.


Per identificare le varianti genetiche che conferiscono il rischio di malattie cardiovascolari e di MA, i ricercatori hanno usato tecniche statistiche sperimentate dal laboratorio di Desikan in collaborazione con Ole Andreassen MD/PhD, dell'Università di Oslo, e Anders Dale PhD, dell'UC San Diego, che ha permesso loro di combinare diversi studi di associazione sull'intero genoma su larga scala (GWAS), un tipo di studio genetico che crea legami statistici tra vari stati patologici e variazioni ampiamente condivise nel codice genetico.


Alla fine il team di Desikan è riuscito ad analizzare l'impatto combinato di tali marcatori genetici sul rischio di malattia cardiovascolare - in base a 5 studi GWAS su più di un milione di individui - e sul rischio di MA - in base a 3 studi GWAS su quasi 30.000 pazienti con MA e oltre 50.000 controlli in base all'età. "Il nostro approccio funziona combinando e sfruttando questi studi GWAS massicci, per fare scoperte che sarebbero altrimenti invisibili", ha detto Desikan. "Stiamo essenzialmente prendendo in prestito il potere statistico".


Questa analisi ha consentito ai ricercatori di identificare 90 punti nel genoma in cui specifiche varianti del DNA aumentano la probabilità combinata dei pazienti di sviluppare sia il MA che i livelli ematici di molecole lipidiche, compresi colesterolo HDL e LDL e trigliceridi, che sono fattori di rischio comuni per le malattie cardiovascolari.


I ricercatori hanno confermato che sei di queste 90 regioni avevano effetti 'genome-wide' (sull'intero genoma) molto forti sul MA e sui livelli elevati di lipidi nel sangue, compresi diversi geni che non erano mai stati collegati al rischio di demenza. Questi includevano diversi siti all'interno della regione CELF1 / MTCH2 / SPI1 sul cromosoma 11, che erano stati precedentemente collegati alla biologia del sistema immunitario.


Al contrario, sebbene i pazienti con diagnosi di MA presentino anche altri fattori di rischio cardiovascolare, come livelli di grasso della pancia, diabete di tipo 2 e dolore toracico o altri sintomi di coronaropatia, gli autori non hanno trovato alcuna chiara genetica sovrapposta tra il MA e questi fattori di rischio.

Iris Broce-Diaz PhD, ricercatrice postdottorato nel laboratorio di Desikan e prima autrice dello studio, ha detto:

"Questi risultati suggeriscono che il MA e le malattie cardiovascolari potrebbero essere entrambi influenzati da difetti genetici che compromettono la capacità del corpo di trattare correttamente i lipidi. Ma suggeriscono anche che il legame tra MA e altri fattori di rischio cardiovascolare non è probabile a causa della genetica comune, anche se potrebbero essere collegati da dieta o altri fattori di stile di vita".

"Questo è eccitante perché sappiamo che i livelli di colesterolo e di altri lipidi nel sangue sono altamente modificabili attraverso i cambiamenti nella dieta o con i farmaci. Ciò solleva la possibilità che potremmo essere in grado di ritardare o addirittura prevenire l'insorgenza del MA in questi pazienti, anche se avremo bisogno di più dati prima di poterlo dire con certezza".


Il team di Desikan ha quindi esaminato se le persone attualmente in buona salute con una storia familiare di MA avevano maggiori probabilità di essere portatori di queste nuove varianti genetiche, un metodo relativamente nuovo per studiare i fattori di rischio precoci del MA chiamato 'Alzheimer's by proxy'.


Approfittando di una grande coorte inglese di ricerca chiamata UK Biobank, i ricercatori hanno scoperto che queste varianti avevano molto più probabilità di essere presenti nei genomi di 50.000 individui che avevano uno o più genitori con diagnosi di MA che in quasi 330.000 individui senza una storia familiare della malattia.


"È straordinario che tra questi adulti sani con una storia familiare di MA, un sottogruppo di geni di rischio cardiovascolare sembri influenzare fortemente il rischio di sviluppare infine il MA", ha detto Desikan. "Questa è esattamente la popolazione che dovremmo studiare per vedere se ridurre il rischio di malattie cardiovascolari attraverso lo stile di vita o i farmaci possa ritardare o prevenire l'insorgenza della demenza più tardi nella vita".


I ricercatori hanno inoltre confermato le loro scoperte in collaborazione con Celeste M. Karch PhD, esperta di MA della Washington University di St. Louis e autrice corrispondente del nuovo studio. Il team della Karch ha dimostrato che i nuovi geni legati più strettamente al rischio di MA / cardiovascolare del nuovo studio erano espressi in modo diverso nel cervello dei malati di MA rispetto ai cervelli di controllo.


"Questo studio sottolinea che dovremmo pensare al MA in modo olistico", ha detto la Karch. "C'è molto da imparare su come i geni che stanno guidando il rischio di MA stanno guidando anche cambiamenti in tutto il corpo. Questa è anche un'opportunità entusiasmante perché sappiamo già molto su questi tratti cardiovascolari e su come affrontarli".


Desikan e la Broce-Diaz stanno ora integrando questi risultati nel 'punteggio di rischio poligenico' sviluppato in laboratorio, che consentirà ai medici di calcolare, sulla base del genoma di un paziente, il suo rischio combinato per le malattie cardiovascolari e il MA. I ricercatori sperano che il loro lavoro contribuisca a lanciare un approccio di medicina di precisione per verificare se il controllo dei livelli lipidici nei soggetti con i fattori di rischio appena scoperti, attraverso la dieta o farmaci consolidati (come le statine), possa ritardare o prevenire l'insorgenza del MA.


"Questo è davvero l'obiettivo", ha detto la Broce-Diaz. "Se saremo in grado di identificare il sottoinsieme di individui la cui salute cardiovascolare e cerebrale è collegata geneticamente, pensiamo che ci sia la possibilità che la riduzione dei livelli lipidici nel sangue possa ridurre il rischio di sviluppare demenza in età avanzata. Tali trattamenti non hanno funzionato finora negli studi clinici, ma questo potrebbe essere perché non c'era un buon metodo di selezionare chi è più propenso a beneficiare in base alla sua genetica".

 

 

 


Fonte: Nicholas Weiler in University of California San Francisco (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Iris J. Broce, Chin Hong Tan, Chun Chieh Fan, Iris Jansen, Jeanne E. Savage, Aree Witoelar, Natalie Wen, Christopher P. Hess, William P. Dillon, Christine M. Glastonbury, Maria Glymour, Jennifer S. Yokoyama, Fanny M. Elahi, Gil D. Rabinovici, Bruce L. Miller, Elizabeth C. Mormino, Reisa A. Sperling, David A. Bennett, Linda K. McEvoy, James B. Brewer, Howard H. Feldman, Bradley T. Hyman, Margaret Pericak-Vance, Jonathan L. Haines, Lindsay A. Farrer, Richard Mayeux, Gerard D. Schellenberg, Kristine Yaffe, Leo P. Sugrue, Anders M. Dale, Danielle Posthuma, Ole A. Andreassen, Celeste M. Karch, Rahul S. Desikan. Dissecting the genetic relationship between cardiovascular risk factors and Alzheimer’s disease. Acta Neuropathologica, 2018; DOI: 10.1007/s00401-018-1928-6

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.