Ricerche

La teoria infettiva dell'Alzheimer attira nuovo interesse

La teoria infettiva dell'Alzheimer attira nuovo interesseGrafica: Ariel Davis per NPR Il dott. Leslie Norins è disposto a consegnare 1 milione di dollari del proprio denaro a chiunque possa chiarire una cosa: il morbo di Alzheimer (MA), la forma più comune di demenza in tutto il mondo, è causata da un germe?


Per "germe" lui intende microbi come batteri, virus, funghi e parassiti. In altre parole, Norins, medico diventato editore, vuole sapere se il MA è contagioso. È un'idea che solo pochi anni fa sarebbe sembrata a molti un modo semplice per drenare fondi per ricerca futile. Sono anni che si riversa denaro nella ricerca sul MA, ma fino a poco tempo fa non ne è stato speso granché per indagare sull'infezione come causa di demenza.


Ma questa "teoria dei germi" del MA, come la chiama Norins, sta fermentando nella letteratura scientifica da decenni. Anche all'inizio del XX secolo, il medico ceco Oskar Fischer - che, con il suo contemporaneo tedesco Dr. Alois Alzheimer ha contribuito a descrivere la condizione - ha notato una possibile connessione tra la demenza e la tubercolosi appena identificate.


Se la teoria dei germi avrà seguito, anche in alcuni pazienti di MA, potrebbe innescare un cambiamento sismico nel modo in cui i medici comprendono e trattano la malattia. Ad esempio, avremo un giorno in cui la demenza sarà prevenuta con un vaccino o trattata con antibiotici e farmaci antivirali? Norins pensa che valga la pena di esaminarlo.


Norins ha conseguito la laurea in medicina alla Duke University nei primi anni '60 e, dopo un periodo di lavoro presso i Centers for Disease Control and Prevention, ha iniziato una redditizia carriera nell'editoria medica. Alla fine si è stabilito in una comunità per anziani a Naples in Florida, dove si è interessato di demenza e ha iniziato a documentarsi sulla condizione.


Dopo aver setacciato la letteratura medica, ha notato uno schema: "È emerso che molte delle caratteristiche riferite per il MA erano compatibili con un processo infettivo", spiega Norins alla NPR [radio pubblica nazionale USA]. "Ho pensato che questo doveva essere già stato studiato, perché milioni e milioni di dollari sono stati spesi per la ricerca sul MA".


Ma a parte un interesse sparuto nei vari decenni, questo non era successo.


Nel 2017, Norins ha lanciato la Alzheimer's Germ Quest Inc., un ente di beneficienza che spera susciterà interesse per la teoria dei germi del MA e attraverso la quale sarà distribuito il suo contributo. Per il suo sito ha scritto: "Da una revisione biennale della letteratura scientifica, credo sia ora chiaro che solo un germe - con identità non ancora specificata, e forse non ancora scoperto - può causare la gran parte del MA. Lo chiamo «Germe di Alzheimer»".


Norins è pronto a citare fonti e studi a sostegno della sua affermazione, tra cui uno del 2010 pubblicato sul Journal of Neurosurgery che mostra come i neurochirurghi muoiano di MA con una frequenza sette volte superiore a quella di altri disordini. Un altro studio dello stesso anno, pubblicato su The Journal of American Geriatric Society, ha rilevato che i coniugi di persone con demenza hanno un rischio sei volte maggiore per la stessa condizione.


A venire in mente è il contagio. E Norins non è solo in questo modo di pensare. Nel 2016, 32 ricercatori provenienti da università di tutto il mondo hanno firmato un editoriale sul Journal of Alzheimer's Disease che chiedeva "ulteriori ricerche sul ruolo degli agenti infettivi nella causalità [del MA]". Sulla base di molte delle stesse prove riscontrate da Norins, gli autori hanno concluso che sono ora giustificati studi clinici con farmaci antimicrobici nel MA.


La NPR ha riportato uno studio interessante pubblicato in Neuron lo scorso mese di giugno che ha suggerito che l'infezione virale può influenzare la progressione del MA. Guidato da Joel Dudley, professore di genetica del Mt. Sinai, aveva lo scopo di confrontare i genomi del tessuto cerebrale sano con quello affetto da demenza.


Ma qualcosa continuava a essere intrigante: l'herpes. Il team di Dudley ha notato un livello stranamente elevato di DNA virale da due virus dell'herpes umano, HHV-6 e HHV-7. I virus sono comuni e causano un'eruzione cutanea chiamata roseola nei bambini piccoli (non la malattia trasmessa sessualmente, causata da altri ceppi).


Alcuni virus hanno la capacità di restare dormienti nei nostri neuroni per decenni incorporando i loro genomi nel nostro. L'esempio classico è la varicella: un'infezione virale dell'infanzia si risolve e si annida in silenzio, tornando solo anni dopo come 'fuoco di sant'Antonio', un'eruzione lancinante. Piaccia o no, quasi ognuno di noi è una chimera con DNA virale che macchia il genoma.


Ma avere i virus dell'herpes da solo non implica un inevitabile declino del cervello. Dopotutto, fino al 75% di noi potrebbe ospitare l'HHV-6.


Ma Dudley ha anche notato che l'herpes sembra interagire con i geni umani noti per aumentare il rischio di MA. Forse, dice, esiste una combinazione tossica di influenza genetica e infettiva che provoca la malattia; una combinazione che scatena ciò che alcuni credono sia il principale contributore della malattia, un sistema immunitario iperattivo.


La patologia tipica del MA è l'accumulo di una proteina chiamata amiloide nel cervello. Molti ricercatori hanno ipotizzato che questi aggregati, o placche, siano semplicemente un sottoprodotto di qualche altro processo al centro della malattia. Altri scienziati ritengono che la proteina stessa contribuisca in qualche modo alla condizione. La teoria che l'amiloide sia la causa principale del MA sta perdendo forza. Ma la proteina può ancora contribuire alla malattia, anche se finisce per essere considerata infettiva.


Il lavoro di Rudolph Tanzi, neuroscienziato di Harvard, suggerisce che potrebbe essere colpa un po' di entrambi. Insieme al collega Robert Moir, Tanzi ha dimostrato che l'amiloide è letale per virus e batteri in provetta e anche nei topi. Ora crede che la proteina faccia parte del nostro antico sistema immunitario che, come gli anticorpi, aumenta la sua attività per difendersi dagli insetti indesiderati.


Questo significa che il microbo è la causa del MA e l'amiloide è una reazione innocua? Secondo Tanzi non è così semplice. Egli crede che in molti casi di MA, i microbi siano probabilmente il seme iniziale che scatena una caduta tossica di domini molecolari.


All'inizio della malattia la proteina amiloide si accumula per combattere l'infezione, tuttavia troppe proteine ​​iniziano a compromettere la funzione dei neuroni nel cervello. L'eccesso di amiloide induce quindi un'altra proteina, chiamata tau, a formare grovigli, che danneggiano ulteriormente le cellule cerebrali.


Ma come spiega Tanzi, l'ultimo insulto neurologico del MA è la reazione del corpo a questo pasticcio neurotossico. Tutte le proteine ​​in eccesso mandano su di giri il sistema immunitario, causando infiammazione, ed è quest'ultima che causa il maggior danno al cervello afflitto dal MA.


Che cosa dice questo sul futuro del trattamento? Forse molto. Tanzi immagina un giorno in cui le persone hanno un esame, diciamo, a 50 anni. "Se nel loro cervello c'è troppa amiloide", dice, "la riduciamo un po' con i farmaci antivirali: è proprio come ti vengono prescritti farmaci preventivi se il tuo colesterolo è troppo alto".


Tanzi ritiene che i microbi siano solo un possibile seme della complessa patologia che sta dietro il MA. Anche la genetica può avere un ruolo, dal momento che alcuni geni producono un tipo di amiloide più incline ad aggregarsi. Sente inoltre che fattori ambientali come l'inquinamento potrebbero contribuire.


Il dott. James Burke, professore di medicina e psichiatria all'Alzheimer's Disease Research Center della Duke University, non è disposto ad abbandonare del tutto la teoria dell'amiloide, ma è d'accordo che è tempo che il campo vada avanti. "Ci possono essere molte strade per lo sviluppo del MA e sarebbe miope restare concentrati solo su amiloide e tau", dice. "Un premio da un milione di dollari attira l'attenzione, ma la ricompensa per identificare un obiettivo curabile per ritardare o prevenire il MA è inestimabile".


Qualsiasi trattamento che sconvolge la cascata che porta all'amiloide, alla tau e all'infiammazione potrebbe teoricamente avvantaggiare un cervello a rischio. La stragrande maggioranza degli studi sul trattamento del MA è fallita, tra cui i molti che puntavano l'amiloide. Ma potrebbe essere che i pazienti inclusi fossero troppo avanti nella loro malattia per trarne un beneficio terapeutico.


Se un microbo è responsabile di tutti o alcuni casi di MA, forse trattamenti futuri o approcci preventivi possono prevenire l'inizio dell'accumulo di proteine ​tossiche. Tanzi e la Norins ritengono che i vaccini del MA contro il virus, come l'herpes, potrebbero un giorno diventare una pratica comune.


A luglio di quest'anno, in collaborazione con Norins, la Infectious Diseases Society of America ha annunciato che intende offrire due sovvenzioni da $ 50.000 a sostegno della ricerca su un'associazione microbica con il MA. Secondo Norins, questo è il primo riconoscimento da parte di un importante gruppo per le malattie infettive che il MA può essere di natura microbica - o almeno che vale la pena approfondire.


"La cosa importante non è la quantità di denaro, che è una miseria rispetto al $ 2 miliardi che i NIH spendono per la ricerca sull'amiloide e sulla tau", dice Norins, "ma piuttosto la rispettabilità e lo status più tradizionale che le sovvenzioni conferiscono allo studio sulla possibile infettività. Ricordi quando pensavamo che le ulcere fossero causate dallo stress?". Le ulcere, ora sappiamo, sono causate da un germe.

 

 

 


Fonte: Bret Stetka in NPR.org (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Prev Next

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...