Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Ricerche

Spiegato il legame tra sonno e Alzheimer

Spiegato il legame tra sonno e Alzheimer

Una buona notte di riposo rinfresca il corpo e la mente, ma una notte di sonno scadente può fare il contrario.


Uno studio eseguito alla Washington University di St. Louis, alla Radboud University nei Paesi Bassi e alla Stanford University, ha dimostrato che anche una sola notte di sonno disturbato in adulti sani di mezza età determina un aumento di amiloide-beta, una proteina del cervello associata all'Alzheimer. E una settimana di agitazioni e giramenti porta ad un aumento di un'altra proteina del cervello, la tau, che è stata collegata al danno cerebrale dell'Alzheimer e di altre malattie neurologiche.


"Abbiamo dimostrato che il sonno scadente è associato a livelli più alti di due proteine ​​associate all'Alzheimer", ha affermato David M. Holtzman MD, professore e responsabile del Dipartimento di Neurologia, nonché autore senior dello studio. "Pensiamo che il sonno scadente cronico in mezza età possa aumentare il rischio di Alzheimer più tardi nella vita".


Questi risultati, pubblicati il ​​10 luglio nella rivista Brain, possono aiutare a spiegare perché il sonno scadente è stato associato allo sviluppo delle demenze, come l'Alzheimer. Il cervello delle persone con Alzheimer è punteggiato da placche di proteine amiloide-​​beta e grovigli di proteine ​​tau, che insieme causano l'atrofia e la morte del tessuto cerebrale. Non ci sono terapie che si sono dimostrate capaci di prevenire, rallentare o invertire il corso della malattia.


Studi precedenti condotti da Holtzman, dal primo autore Yo-El Ju MD, assistente di neurologia, e altri, hanno dimostrato che il sonno scadente aumenta il rischio di problemi cognitivi. Le persone con apnea del sonno, per esempio, una condizione in cui le persone smettono ripetutamente di respirare durante la notte, hanno un rischio di insorgenza di «lieve deterioramento cognitivo» (MCI) circa 10 anni prima delle persone senza disturbi del sonno. L'MCI è un segnale precoce di avviso dell'Alzheimer.


Ma prima di questo studio non era ancora chiaro come il sonno scadente danneggia il cervello. Per scoprirlo, i ricercatori guidati da Holtzman hanno studiato 17 adulti sani da 35 a 65 anni senza problemi di sonno o compromissione cognitiva. Ogni partecipante ha portato, per un massimo di due settimane, un monitor di attività al polso che ha misurato quanto tempo ha dormito ogni notte.


Dopo cinque o più notti successive con il monitor, ogni partecipante è andato alla facoltà di medicina della Washington University per trascorrere una notte in una camera da letto appositamente progettata. La stanza era buia, insonorizzata, controllata nel clima e grande a sufficienza per una persona; un posto perfetto per dormire, anche se i partecipanti avevano cuffie alle orecchie e elettrodi sul cuoio capelluto per monitorare le onde cerebrali.


Metà dei partecipanti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo il cui sonno [profondo] veniva interrotto durante la notte trascorsa nella stanza del sonno. Ogni volta che i loro segnali cerebrali si stabilizzavano nel modello a onde lente (che caratterizza il ​​sonno profondo e senza sogni), i ricercatori trasmettevano una serie di segnali acustici attraverso le cuffie, che diventavano gradualmente più forti, finché non dissipavano i modelli di onde lente dei partecipanti e subentrava un sonno più leggero.


La mattina successiva, i partecipanti che erano stati tolti dal sonno a onde lente hanno riferito di sentirsi stanchi e non ristorati, anche se avevano dormito il numero solito di ore e raramente ricordavano di essersi svegliati durante la notte. Ciascuno ha avuto un prelievo spinale che permetteva ai ricercatori di misurare i livelli di amiloide-beta e tau nel fluido che circonda il cervello e il midollo spinale.


Circa un mese dopo, il processo è stato ripetuto, salvo che coloro che avevano il sonno interrotto la prima volta sono stati lasciati dormire per tutta la notte indisturbati, e coloro che avevano dormito ininterrottamente la prima volta sono stati disturbati da un segnale acustico quando hanno cominciato a entrare nel sonno a onda-lenta.


I ricercatori hanno confrontato i livelli di amiloide-beta e tau di ciascun partecipante dopo la notte disturbata con quelli rilevati dopo la notte non interrotta e hanno trovato un aumento del 10% dei livelli di amiloide-beta dopo una sola notte di sonno interrotto, ma non un corrispondente aumento dei livelli di tau. Tuttavia, per i partecipanti i cui monitor di attività hanno mostrato che avevano dormito male a casa la settimana prima, il prelievo spinale mostrava un picco nei livelli di tau.


"Non siamo stati sorpresi di scoprire che i livelli di tau non si sono spostati dopo una sola notte di sonno disturbato mentre i livelli amiloidi l'hanno fatto, perché i livelli amiloidi cambiano di norma più rapidamente dei livelli di tau", ha detto la Ju. "Ma, quando i partecipanti avevano avuto diverse brutte notti di fila a casa, i loro livelli di tau erano aumentati".


Il sonno ad onde lente è il sonno profondo di cui le persone hanno bisogno per svegliarsi riposati. L'apnea del sonno interrompe il sonno a onda lenta, così che le persone con il disturbo spesso si svegliano sentendosi non riposati, anche dopo otto ore di occhi chiusi. Il sonno ad onde lente è anche il momento in cui i neuroni si riposano e il cervello elimina i sottoprodotti molecolari dell'attività mentale che si accumulano durante il giorno, quando il cervello sta pensando e lavorando.


La Ju pensa che è improbabile che una sola notte o anche una settimana di sonno scadente, per quanto miserabile possa essere, abbia un effetto così grande sul rischio complessivo di Alzheimer. I livelli di amiloide-beta e tau probabilmente tornano indietro la volta successiva che la persona ha un buon sonno, ha detto.


"La preoccupazione principale è per le persone che hanno problemi cronici di sonno", ha detto la Ju. "Penso che possano arrivare a livelli cronicamente elevati di amiloide, che secondo gli studi sugli animali portano ad un aumento del rischio di placche amiloidi e di Alzheimer". La Ju ha sottolineato che il suo studio non è stato progettato per determinare se dormire di più o dormire meglio riduce il rischio di Alzheimer ma, ha detto, non può nemmeno fare male.


"Molti, molti americani hanno una privazione cronica del sonno e ciò influisce negativamente sulla loro salute in molti modi", ha detto Ju. "A questo punto non possiamo dire se migliorare il sonno può ridurre il rischio di Alzheimer. Tutto quello che possiamo dire è che il sonno cattivo aumenta i livelli di alcune proteine ​​associate alla malattia. Ma una buona notte di sonno è qualcosa a cui tendere comunque".

 

 

 


Fonte: Tamara Bhandari in Washington University School of Medicine (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:Ju Y-E, Ooms SJ, Sutphen C, Macauley SL, Zangrilli M, Jerome G, Fagan AM, Mignot E, Zempel JM, Claassen JAHR, Holtzman DM. Slow wave sleep disruption increases cerebrospinal fluid amyloid-beta levels. Brain. 10July 2017 DOI: https://doi.org/10.1093/brain/awx148

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.