Iscriviti alla newsletter

Le onde sonore migliorano la memoria e il sonno degli anziani

Le onde sonore migliorano la memoria e il sonno degli anziani

Una stimolazione sonora dolce (come ad esempio lo scroscio di una cascata), sincronizzata con il ritmo delle onde cerebrali, migliora significativamente il sonno profondo degli anziani e la loro capacità di ricordare le parole, secondo un nuovo studio eseguito alla Northwestern University.


Il sonno profondo è fondamentale per il consolidamento della memoria. Ma a partire dalla mezza età, il sonno profondo diminuisce progressivamente, fatto che gli scienziati ritengono possa contribuire alla perdita di memoria nell'invecchiamento.


La stimolazione sonora ha migliorato in modo significativo il sonno profondo dei partecipanti allo studio, reclutati al Cognitive Neurology and Alzheimer's Disease Center della Northwestern, e i loro punteggi su un test di memoria.


"Questo è un approccio innovativo, semplice, sicuro e non farmacologico che può aiutare a migliorare la salute del cervello", ha detto l'autore senior Dr. Phyllis Zee, professore di neurologia della Northwestern University e specialista del sonno. "E' uno strumento potenziale per migliorare la memoria nella popolazione di anziani e per attenuare il normale declino della memoria legato all'età".


Nello studio, pubblicato ieri 8 marzo in Frontiers in Human Neuroscience, 13 partecipanti over-60 hanno ricevuto una notte di stimolazione acustica e una notte di stimolazione simulata. La procedura della stimolazione simulata era identica a quella acustica, ma i partecipanti non sentivano alcun rumore durante il sonno. Sia per le sessioni di stimolazione simulata che per quelle con i suoni, gli individui si sono sottoposti a una test della memoria alla sera e di nuovo la mattina seguente.


La capacità di richiamo dopo la stimolazione simulata, in genere, è migliorata al test del mattino, ma solo di una piccola percentuale. Tuttavia, il miglioramento medio è stato tre volte più grande dopo la stimolazione con suoni leggeri. Il grado di miglioramento del sonno ad onde lente si correlava al grado di miglioramento della memoria, suggerendo che il sonno ad onde lente rimane importante per la memoria, anche in età avanzata.


Anche se gli scienziati della Northwestern non hanno ancora studiato l'effetto di notti ripetute di stimolazione, questo metodo potrebbe essere un intervento praticabile per l'uso a lungo termine in casa, ha detto Zee.


Precedenti ricerche hanno dimostrato che la simulazione acustica sentita durante il sonno profondo potrebbe migliorare il consolidamento della memoria nei giovani. Ma non era ancora stata testata negli anziani. Il nuovo studio ha puntato su individui più anziani - che hanno molto più da guadagnare in termini di memoria da un migliore sonno profondo - e ha usato un sistema audio innovativo che aumenta l'efficacia della stimolazione sonora per gli anziani.


Il nuovo approccio, che legge le onde cerebrali dell'individuo in tempo reale e blocca la stimolazione dolce sonora nel momento preciso della comunicazione dei neuroni durante il sonno profondo, che varia per ogni persona. Durante il sonno profondo, ciascuna delle onde cerebrali, o oscillazioni, rallenta a circa una al secondo, rispetto alle 10 al secondo durante la veglia.


Giovanni Santostasi, uno degli autori dello studio, ha sviluppato un algoritmo che produce il suono durante la parte crescente delle oscillazioni delle onde lente. Questa stimolazione migliora la sincronizzazione dell'attività dei neuroni. Dopo la stimolazione sonora, le onde lente dei partecipanti sono aumentate durante il sonno.


Sono necessari studi più grandi per confermare l'efficacia di questo metodo e poi "l'idea è riuscire a offrire questo metodo alle persone a casa loro", ha detto il primo autore Nelly Papalambros, studente di dottorato di ricerca in neuroscienze che lavora nel laboratorio di Zee. "Vogliamo che diventi uno studio a lungo termine a domicilio".


Gli scienziati della Northwestern, sotto la direzione del Dr. Roneil Malkani, assistente professore di neurologia e specialista del sonno, stanno attualmente testando la stimolazione acustica in studi del sonno notturno in pazienti con disturbi di memoria. L'obiettivo è determinare se la stimolazione acustica può migliorare la memoria degli adulti con decadimento cognitivo lieve (MCI).


Studi precedenti, condotti in soggetti con decadimento cognitivo lieve in collaborazione con Ken Paller, professore di psicologia della stessa università, hanno dimostrato un possibile legame tra il sonno e il deterioramento della memoria.

 

 

 


Fonte: Northwestern University via EurekAlert! (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Nelly A. Papalambros, Giovanni Santostasi, Roneil G. Malkani, Rosemary Braun, Sandra Weintraub, Ken A. Paller, Phyllis C. Zee. Acoustic Enhancement of Sleep Slow Oscillations and Concomitant Memory Improvement in Older Adults. Frontiers in Human Neuroscience, 2017; 11 DOI: 10.3389/fnhum.2017.00109

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

10 Consigli dei neurologi per ridurre il tuo rischio di demenza

28.02.2023

La demenza colpisce milioni di persone in tutto il mondo, quasi un over-65 su 10. Nonost...

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il rischio...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.