Iscriviti alla newsletter

La ricerca dei benefici che l'arte ha sulla demenza

Perchè l'arte ha benefici nella demenza?Rebecca Froehlich, a sinistra, lavora con una paziente del Sanford Arts Vermillion. Il programma usa l'impegno nelle arti per trattare la demenza, una condizione degenerativa del cervello che causa la perdita della memoria. Foto: La Volante

Grazie ad una borsa di studio pre-laurea, una studente della University of South Dakota ha avuto l'opportunità di esaminare i benefici che l'impegno nelle arti può dare alle persone con demenza, una condizione del cervello che causa la perdita della memoria.


Rebecca Froehlich, senior di specializzazione nell'arte, ha condotto una ricerca di 'analisi del contenuto' su un soggetto durante l'estate e l'autunno del 2015, quando ha ricevuto una U Discover, una borsa di studio per finanziare progetti di ricerca universitari e creativi.


La Froehlich ha detto che si era interessata all'impegno nelle arti per diversi anni prima di effettuare la ricerca, lavorando in precedenza al Sanford Arts Vermillion, un programma locale della Special Care Unit del Sanford Health che propone l'impegno nelle arti ai pazienti con demenza o con esigenze particolari.


Il Sanford Arts Vermillion è stato lanciato quattro anni fa nell'ambito di uno sforzo per ridurre l'uso dei farmaci antipsicotici nei pazienti con demenza, usati per controllare i sintomi della demenza, ma che ora sono sotto esame e sono prescritti meno frequentemente ai pazienti con demenza. "I farmaci antipsicotici non sono consigliati dalla FDA per gli anziani, ci sono molti problemi per i pazienti con demenza", ha detto la Froehlich. "Spesso sono sovra-prescritti solo per controllare il comportamento".


Alla ricerca di nuovi modi per migliorare la salute mentale dei pazienti di demenza, l'impegno nelle arti è visto come un modo potenzialmente promettente per dare aiuto. L'impegno nelle arti dà ai pazienti la possibilità di partecipare alla realizzazione di opere d'arte, di solito visive o musicali. Le sessioni possono coinvolgere pittura, disegno, suonare strumenti o cantare in coro.


Secondo la Froehlich però, ci sono poche prove forti sul possibile aiuto delle arti ai pazienti con demenza, perché le registrazioni della salute psicologica dei pazienti di demenza sono di tipo qualitativo, o non numerici e aneddotici in natura. Poiché molta ricerca accademica richiede statistiche quantitative, queste registrazioni devono essere sottoposte all'analisi del contenuto. Tale analisi implica revisione e interpretazione dei materiali di qualità, come ad esempio registrazioni degli stati emotivi dei pazienti, e 'codificare' le informazioni in modo che possano essere interpretate in forma quantitativa, basata sui numeri.


La mancanza di dati quantitativi sul modo in cui le arti possono influire sulla demenza è un problema quando si cerca di determinare il successo dell'impegno nelle arti per i pazienti di demenza. La Froehlich ha detto che quando ha lavorato con pazienti di demenza, ha visto personalmente gli effetti positivi dell'impegno nelle arti, ma nessuno di essi è facile da quantificare.


"Ho visto accadere ogni giorno cose positive", ha detto la Froehlich. "Ma uno dei problemi nel campo delle arti e della salute è che ci sono pochissimi dati quantitativi. Ci sono tutti i tipi di dati qualitativi sulle trasformazioni incredibili che accadono ogni giorno, ma pochi numeri".


Con questo in mente, la Froehlich è entrata nei dati del Sanford sul benessere di 120 pazienti di demenza in quanto legati al coinvolgimento nelle arti, ha codificato i risultati e li ha compilati in un rapporto intitolato «L'impatto dell'impegno nelle Arti sul comportamento e sui sintomi psicologici della demenza». Niente di questa ricerca ha coinvolto l'interazione reale con i pazienti di demenza, anche se la Froehlich l'aveva fatto regolarmente nello stage al Sanford Arts Vermillion. Al contrario questa ricerca è stata semplicemente la compilazione dei dati su come i pazienti hanno reagito al coinvolgimento nelle arti.


È interessante notare che l'impegno nelle arti può dimostrare il modo in cui la demenza impatta diverse parti del cervello a velocità diverse, ha detto. Per esempio, qualcuno potrebbe perdere la capacità di leggere gli spartiti molto tempo prima di dimenticare come suonare uno strumento, e così mantiene la capacità di cantare o suonare una canzone a memoria. "Ho visto molto spesso pazienti che erano considerati non-verbali o non particolarmente socievoli, che, appena hanno sentito una canzone, o cantato una canzone che essi associano a ricordi positivi, si sono completamente illuminati e hanno avuto un grande cambiamento", ha detto la Froehlich.


I pazienti nello studio esibivano anche meno «sintomi comportamentali e psicologici della demenza» (BPSD) negativi, quando hanno partecipato all'impegno nelle arti. "Abbiamo visto una differenza dall'inizio alla fine, le persone esibivano meno BPSD, oltre a mostrare fattori di impegno più positivi", ha detto la Froehlich. "Cose come sorridere e dire che sono orgogliosi di loro stessi".


Oltre ai benefici derivanti dal trascorrere una o due ore occupati e a socializzare, la ricerca ha trovato alcune prove che i pazienti possono andare meglio nella vita, in generale. "Abbiamo visto alcuni esiti statisticamente significativi", ha detto la Froehlich. "Uno di loro, abbastanza notevole, era il miglioramento auto-riferito dell'umore per le persone che hanno partecipato all'impegno nelle arti".

[...]

Uno dei punti salienti dell'impegno nelle arti per i pazienti di demenza, secondo la Froehlich, è che i pazienti trascorrono meno tempo a non fare nulla, peggiorando la malattia. "Una delle cose principali che abbiamo visto, che è positiva, era che l'ozio è diminuito in modo significativo", ha detto Froehlich. "Essere inattivi significa essenzialmente non fare niente, stare seduti in poltrona, senza impegno con un'altra persona, ed fa davvero male, perché la demenza progredisce più velocemente se si è isolati e inattivi".

 

 

 


Fonte: University of South Dakota/The Volante (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.