Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Ricerche

Il gioco mentale 'Virtual Week' può aiutare gli anziani a rimanere indipendenti più a lungo

Il gioco per la mente Virtual week puo aiutare gli anziani a rimanere indipendenti piu a lungoUna schermata del gioco per la mente 'Virtual Week' (Fonte: Baycrest Health Sciences)Un team internazionale di scienziati ha dimostrato che un mese solo di allenamento al computer sul gioco per la mente «Virtual Week» aiuta gli anziani a rafforzare significativamente la memoria prospettica, un tipo di memoria che è di fondamentale importanza per la pianificazione, il funzionamento quotidiano e la vita indipendente.

Gli anziani che hanno partecipato al gioco di allenamento cognitivo, hanno "più che raddoppiato" il numero di compiti di memoria prospettica (che riguarda il futuro) svolti correttamente, rispetto ai gruppi di controllo che hanno eseguito altre attività, come corsi di musica.

I risultati promettenti sono segnalati dal Rotman Research Institute del Baycrest Health Sciences, che ha guidato lo studio, e sono stati pubblicati on-line ieri su Frontiers in Human Neuroscience.

La memoria prospettica si riferisce alla capacità di ricordare e realizzare con successo le intenzioni e le attività previste durante il giorno; essa tende anche ad indebolirsi con l'età. La memoria prospettica rappresenta tra il 50% e l'80% dei problemi di memoria quotidiani segnalati, ma pochi studi hanno cercato di formare o riabilitare la memoria prospettica degli anziani.

Questo studio unico è il primo ad incorporare un approccio «allenare per trasferire», essenzialmente un intervento formativo progettato perchè i partecipanti pratichino dei compiti reali di memoria prospettiva in contesti quotidiani simulati e valutino se i miglioramenti cognitivi si trasferiscono alle prestazioni realizzate nella vita a casa.

"Con l'invecchiamento della popolazione mondiale, sta diventando sempre più importante sviluppare dei modi per sostenere il buon funzionamento della memoria prospettica, in modo che gli anziani possano continuare a vivere autonomamente a casa senza la necessità di assistenza", ha detto Nathan Rose, primo sperimentatore dello studio e ora ricercatore alla Facoltà di Psicologia dell'Australian Catholic University di Melbourne.

L'autore senior della ricerca è il Dott. Fergus Craik, ricercatore della memoria di fama internazionale con sede alla Baycrest. "Anche se questi risultati sono incoraggianti, rappresentano un primo passo per esplorare l'efficacia dell'allenamento della memoria prospettica con il programma di formazione «Virtual Week»", ha detto il dottor Craik. "Forse l'aspetto più interessante è che la formazione in laboratorio ha ottenuto miglioramenti nei compiti di memoria della vita reale. Questo trasferimento dal laboratorio alla vita è stato difficile da raggiungere negli studi precedenti".

Nello studio, gli scienziati hanno sviluppato una variante di un gioco da tavolo computerizzato chiamato «Virtual Week» (Settimana virtuale), in cui i giocatori simulano di trascorrere una giornata su un percorso che assomiglia al gioco dell'Oca. I giocatori tirano un dado virtuale (uno di una coppia di dadi) per spostare la propria pedina nella giornata virtuale. Lungo la strada, i giocatori devono ricordarsi di eseguire diverse operazioni di memoria prospettica, come prendere farmaci o togliere la cena dal forno al momento opportuno.

Si sono allenati 59 adulti sani, da 60 a 79 anni di età, giocando sui 24 livelli del gioco per un mese (3 sedute alla settimana, due livelli per sessione). La difficoltà del gioco è aumentata nel corso della formazione, in termini di numero di operazioni da completare al giorno, di complessità dei compiti, e/o di interferenze con compiti precedenti. La difficoltà è stata adattata al livello di prestazione di ciascun individuo del giorno precedente. Sono state prese le misurazioni della prestazione della memoria prospettica, prima e dopo l'allenamento, e confrontate con due gruppi di controllo, uno dei quali ha eseguito un programma di formazione cognitiva basato sulla musica e l'altro non ha avuto alcun intervento.

Gli scienziati hanno scoperto grandi guadagni dalla formazione nelle prestazioni della memoria prospettica del gruppo che ha giocato la partita «Virtual Week» (rispetto ai gruppi di controllo). Inoltre, questi guadagni si sono trasformati in miglioramenti significativi nella memoria prospettica del mondo reale, comprese le prestazioni delle attività simulate della vita quotidiana a seguito della formazione. Tali attività comprendevano contare il resto dei pagamenti e seguire le istruzioni per i farmaci.

I ricercatori hanno anche messo a punto un compito «richiama», in cui i partecipanti dovevano ricordarsi di telefonare al laboratorio da casa durante le loro attività quotidiane.

Le scansioni cerebrali (EEG) su un sottoinsieme dei gruppi hanno mostrato alcune evidenze di neuroplasticità (cioè cambiamenti del cervello), che si correlavano a prestazioni corrette della memoria prospettica, in particolare con la possibilità di fermarsi dal fare l'attività in corso e passare a un'azione prevista, al momento opportuno.

I primi risultati sono così promettenti che i ricercatori hanno ottenuto un finanziamento dall'Australian Research Council, in collaborazione con Villa Maria Catholic Homes, per dare seguito allo studio con uno di controllo più ampio e randomizzato. Il team di ricerca ha avuto anche una borsa di studio con i colleghi del Centro Cuore e Mente al Mary MacKillop Institute for Health Research dell'Australian Catholic University, per implementare il programma di formazione cognitivo basato sul gioco nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica, un gruppo che dimostra gravi problemi di memoria prospettica associati alla cura di sé.

 

**********
Lo studio è stato finanziato in parte dal Natural Sciences and Engineering Research Council of Canada, dal Baycrest's Centre for Brain Fitness, dall'Australian Research Council, e dalla Roland Ernst Foundation.

Oltre a Rose e Craik, il team di ricerca includeva Peter Rendell (Australian Catholic University, Melbourne), Alexandra Hering e Matthias Kliegel (Università di Ginevra), e Gavin Bidelman (Università di Memphis).

 

 

 


Fonte: Baycrest Centre for Geriatric Care via EurekAlert! (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Nathan S. Rose, Peter G. Rendell, Alexandra Hering, Matthias Kliegel, Gavin M. Bidelman, Fergus I. M. Craik. Cognitive and neural plasticity in older adults’ prospective memory following training with the Virtual Week computer game. Frontiers in Human Neuroscience, 2015; 9 DOI: 10.3389/fnhum.2015.00592

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.