Ricerche

L'Alzheimer può essere trattato con un farmaco per psoriasi?

L'Alzheimer può essere trattato con un farmaco per psoriasi?Si stima che circa 35 milioni di persone in tutto il mondo attualmente soffrano di demenza e si prevede che il numero salirà a 135 milioni entro il 2050.


La malattia è già uno dei problemi di salute più comuni degli anziani, il motivo per cui gli esperti prevedono che il numero di persone colpite aumenterà nel corso del tempo.


I ricercatori del Dipartimento di Psichiatria e Psicoterapia della University Johannes Gutenberg di Magonza (JGU) hanno recentemente acquisito nuove informazioni su come possa in futuro essere possibile trattare i pazienti con la forma attualmente più comune di demenza: l'Alzheimer.


Sembra che un farmaco che è attualmente approvato per il trattamento del disordine cutaneo psoriasi, stimoli l'attività dell'enzima ADAM10 nel cervello dei pazienti di Alzheimer.


C'è già una buona evidenza dalla ricerca di base che questo enzima dovrebbe essere in grado di sopprimere gli effetti correlati all'Alzheimer, come la compromissione delle funzioni cerebrali, e che quindi potrebbe migliorare l'apprendimento e la capacità di memoria dei pazienti. I risultati dello studio relativo sono stati pubblicati recentemente sulla rivista Neurology.


Secondo le stime della German Alzheimer's Association (DAlzG), vivono attualmente in Germania circa 1,5 milioni di pazienti affetti da demenza. Circa 1-1.200.000 di questi soffrono di Alzheimer. La medicina è attualmente in grado di trattare solo i sintomi della malattia e di ritardarne il progresso, richiedendo quindi una maggiore assistenza infermieristica. Non è stato ancora messo a punto nessun trattamento curativo. Ciò significa che l'Alzheimer rimane una delle più grandi sfide per la medicina moderna ed è un campo importante per la ricerca.


Non c'è ancora consenso su ciò che scatena la forma più comune della malattia, l'Alzheimer ad insorgenza tardiva. Tuttavia, è generalmente accettato che l'attività di alcuni enzimi chiamati secretasi abbia qui un ruolo. Questi enzimi fendono le proteine sulle membrane cellulari, liberando i prodotti di questo processo di scissione nello spazio extracellulare.


Nell'Alzheimer succede che c'è una maggiore scisisone della proteina precursore dell'amiloide da parte della beta-secretasi, che porta alla formazione di peptidi amiloide-beta. Questi peptidi si aggregano, danneggiano le cellule nervose, e sono la componente principale delle cosiddette placche di Alzheimer che si accumulano nel cervello dei pazienti. L'alfa-secretasi ADAM10 è un concorrente della beta-secretasi. Essa fende la proteina precursore amiloide in modo tale da impedire la sintesi di peptidi amiloide-beta, mentre viene rilasciato il fattore di crescita APP-alfa, che protegge le cellule nervose.


Partendo da queste informazioni, il Dr. Kristina Endres e il professor Falk Fahrenholz del Dipartimento di Psichiatria e Psicoterapia del Medical Center dell'Università di Magonza hanno deciso di adottare un nuovo approccio per il trattamento del morbo di Alzheimer. Lavorando in collaborazione con il professor Klaus Lieb e il professor Andreas Fellgiebel, entrambi impegnati al Dipartimento di Psichiatria e Psicoterapia, e con la collaborazione del professor Stefan Teipel e del suo team al Centro Tedesco per le Malattie Neurodegenerative (DZNE) di Rostock, i ricercatori hanno dimostrato che la somministrazione orale di un farmaco anti psoriasi in un gruppo di pazienti di Alzheimer alza i livelli di APP-alfa nel loro liquido spinale.


Questo viene interpretato come una stimolazione dell'attività dell'alfa-secretasi ADAM10, che a sua volta riduce l'accumulo di placche di Alzheimer. In modelli animali dell'Alzheimer, è stato anche dimostrato che l'ADAM10 migliora l'apprendimento e la capacità di memoria.


Il farmaco è stato ben tollerato dai pazienti. Per approfondire gli effetti della sostanza testata sulle prestazioni cognitive, e per stabilire se può essere usato come un trattamento a lungo termine per i malati di Alzheimer, dovranno essere eseguiti studi clinici di maggiori dimensioni, in cui la sostanza sia somministrata per periodi più lunghi.

 

 

 

 

 


FonteJohannes Gutenberg Universitaet Mainz (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Kristina Endres, Falk Fahrenholz, Johannes Lotz, Christoph Hiemke, Stefan Teipel, Klaus Lieb, Oliver Tüscher, and Andreas Fellgiebel. Increased CSF APPs-α levels in patients with Alzheimer disease treated with acitretin. Neurology, December 2014 DOI: 10.1212/WNL.0000000000001017 1526-632X

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: