Ricerche

Milioni di caregiver a rischio di dolori cronici e lesioni per aiutare familiari disabili

Milioni di caregiver a rischio di dolori cronici e lesioni per aiutare familiari disabili

Per più di dieci volte al giorno, la 67enne Margie aiuta il marito ad alzarsi per andare in bagno, pranzare o entrare e uscire dal letto, e si sforza di spingere la sua sedia a rotelle sulla rampa che dà accesso alla loro casa.


Margie è uno dei circa 42,1 milioni di caregiver informali non pagati, che ogni anno forniscono supporto valutato oltre 450 miliardi di dollari a degli adulti, di solito famigliari, con disabilità fisiche e altre condizioni che impongono limitazioni nelle attività quotidiane. E come molti caregiver informali, lei soffre di dolori cronici alla schiena, alla spalla e al ginocchio per il lavoro fisicamente impegnativo, dolori che a volte le impediscono di prendersi cura di suo marito.


Secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della Ohio State University, l'esperienza di Margie è comune, soprattutto tra i circa 14 milioni di caregiver «ad alto onere» (definiti dalla National Alliance for Caregiving e dalla AARP come persone che trascorrono più di 21 ore alla settimana ad assistere destinatari di cura per le attività della vita quotidiana).


"Quasi tutti i caregiver che hanno partecipato al nostro studio dicono di sperimentare un rilevante disagio muscolo-scheletrico connesso alle attività di caregiving, e che questo disagio può interferire con la loro capacità di fornire assistenza, lavorare e partecipare alle attività della vita", ha detto Amy Darragh, PhD, terapeuta professionale alla School of Health and Rehabilitation Sciences della Ohio State, che ha vinto una borsa di studio pilota del Center for Clinical and Translational Science della Ohio State per studiare le lesioni dei caregiver.


La ricerca, basata su questionari e interviste a 46 caregiver informali, ha dimostrato che, su 4 settimane, il 94% ha riferito di provare dolore muscoloscheletrico almeno in una parte del corpo, e i punti più comuni del disagio sono la parte bassa della schiena (76%), il ginocchio, la spalla e il polso (43% ciascuno). Più del 78% dei caregiver ha dichiarato che il dolore impatta la loro capacità di fornire assistenza, e il 66% ha detto che il dolore impatta la qualità complessiva della loro vita.


La Darragh ha condotto lo studio con Carolyn Sommerich, PhD, e Steve Lavanda, PhD, dei Dipartimenti di Sistemi Integrati di Ingegneria e di Ortopedia della Ohio State e Marc Campo, PhD, del Dipartimento di Terapia Fisica del Mercy College di Dobbs Ferry/NY. Il team di ricerca ha chiesto ai caregiver di identificare i compiti che ritenevano più impegnativi fisicamente: i caregiver hanno riferito che gli spostamenti, il bagno, il lavaggio, salire e scendere le scale, e il recupero dalle cadute erano le attività più difficili da eseguire.


"È da notare che i caregiver professionali segnalano esperienze simili, ma hanno accesso sia alla formazione che alla tecnologia che li aiutano a ridurre il rischio di lesioni. I caregiver informali possono non ricevere una formazione su come gestire i pazienti senza lesionare se stessi o il loro caro", ha detto la Darragh. "La nostra ricerca offre un primo sguardo a quali compiti possono avere il rischio più alto di lesioni, e può indirizzare lo sviluppo di interventi per proteggere questi caregiver ad alto onere".


I risultati dello studio, pubblicati sul Journal of Applied Gerontology, stanno aiutando la Darragh e il suo team a fare proprio questo. Usando i risultati dello studio pilota, e con un finanziamento della Cummins Endowment, il gruppo sta sviluppando e testando un protocollo di intervento che sia efficiente, conveniente e flessibile, e che possa essere usato su diagnosi e ambienti di cura diversi. Il team sta attualmente convalidando il protocollo e spera di testarlo in una popolazione più ampia nel 2015.


"Il nostro protocollo considera molteplici fattori per ridurre il rischio di lesioni al caregiver (il compito stesso, la frequenza dei compiti, l'ambiente domestico, il rapporto tra il caregiver e la persona assistita, l'accesso alle risorse) tutti fattori importanti da considerare insieme", ha dichiarato la Darragh. Che, come esperto riconosciuto a livello nazionale sugli infortuni del caregiver e per la manipolazione sicura del paziente, dà i seguenti suggerimenti ai caregiver informali, in particolare a quelli che danno assistenza ad alta intensità, che richiede compiti fisicamente impegnativi:

  1. Allenarsi. Risorse locali, compresi gli ospedali, la Croce Rossa e la agenzie di zona sull'invecchiamento offrono corsi di formazione per i caregiver. La National Alliance for Caregiving ha una biblioteca online di risorse che possono aiutare.
  2. Organizzarsi. Documentare tutto ciò che si sta facendo e tenere un elenco delle proprie attività. Registrare bene, tenere traccia delle persone a cui si parla. Archiviare note su risorse e gruppi di sostegno.
  3. Ottenere aiuto. Non avere paura di chiedere aiuto a familiari e amici. Essere disposti ad accettare aiuto quando è offerto. "Tenere vicino al telefono un elenco di piccole e grandi cose che si potrebbero usare, può essere utile, così che quando la gente si offre, è proprio lì", suggerisce la Darragh. Se ci si sente di non riuscire più a tenere se stessi o il proprio caro sani e sicuri, la Darragh suggerisce che è il momento di cercare risorse aggiuntive. "Il caregiving è duro, e le esigenze cambiano assieme ai cambiamenti della malattia. Va bene anche se non si è più in grado di farlo da soli".
  4. Prendersi cura. Prendersi cura di se stessi! Mantenersi sani. "I caregiver hanno difficoltà a mettere se stessi in primo piano a volte", ha detto la Darragh. Mangiare bene, dormire bene, vedere il proprio medico regolarmente. Essere sicuri di prendere piccole pause per se stessi ogni giorno.
  5. Informarsi. Saperne di più sulle risorse comunitarie disponibili come i diurni per adulti, i programmi di sollievo, i gruppi di sostegno e di volontari che possono aiutare. Anche se non si ha bisogno di risorse oggi, si può averne bisogno in seguito.


"Milioni di persone e il nostro sistema sanitario si basano su questi caregiver. Molti di loro si occupano di un amico o di un familiare, ma possono anche avere un rischio di dolori, di disagio o di lesioni nello svolgere attività di caregiving", ha dichiarato la Darragh. "Più sappiamo di quello che passano, migliori sono gli interventi, le risorse e le tecnologie che possiamo sviluppare per mantenere loro ed i loro cari sicuri e sani".

 

 

 

 

 


FonteOhio State University  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  A. R. Darragh, C. M. Sommerich, S. A. Lavender, K. J. Tanner, K. Vogel, M. Campo. Musculoskeletal Discomfort, Physical Demand, and Caregiving Activities in Informal Caregivers. Journal of Applied Gerontology, 2013; DOI: 10.1177/0733464813496464

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017 DaNonPerdere

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta e ​...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

04.08.2017 DaNonPerdere

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017 DaNonPerdere

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 DaNonPerdere

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

07.10.2016 DaNonPerdere

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016 DaNonPerdere

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 DaNonPerdere

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016 DaNonPerdere

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015 DaNonPerdere

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015 DaNonPerdere

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 DaNonPerdere

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015 DaNonPerdere

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015 DaNonPerdere

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015 DaNonPerdere

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015 DaNonPerdere

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015 DaNonPerdere

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015 DaNonPerdere

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

05.12.2014 DaNonPerdere

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014 DaNonPerdere

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

02.11.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

06.10.2014 DaNonPerdere

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

01.10.2014 DaNonPerdere

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014 DaNonPerdere

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...