Ricerche

Lo zucchero può danneggiare la memoria, anche senza diabete

Lo zucchero potrebbe danneggiare la memoria, anche senza diabeteFoto: ThinkStockUna dieta scadente può erodere la salute del cervello; ora uno studio pubblicato in Neurology aiuta a chiarire il perché.


Esso suggerisce che assumere molto zucchero o altri carboidrati può essere pericoloso sia per la struttura che per la funzionalità del cervello.


Il diabete, che è caratterizzato da livelli cronicamente elevati di glucosio nel sangue, è stato collegato a un elevato rischio di demenza e ad un ippocampo più piccolo, una regione del cervello fondamentale per la memoria.


Il nuovo studio ha cercato di capire se il glucosio ha un effetto sulla memoria anche nelle persone senza il diabete perché avere la malattia potrebbe indurre altri cambiamenti cerebrali che confondono i dati.


Nell'esperimento, i ricercatori del Medical Center della Charité University di Berlino hanno valutato i marcatori del glucosio sia a breve che a lungo termine in 141 anziani sani, non diabetici. I partecipanti hanno eseguito un test di memoria e si sono sottoposti a scansioni per valutare la struttura del loro ippocampo.


Livelli più elevati su entrambe le misurazioni del glucosio sono stati associati ad una peggiore memoria, così come ad un ippocampo più piccolo e ad una sua struttura compromessa. I ricercatori hanno anche scoperto che i cambiamenti strutturali legittimano in parte il legame statistico tra il glucosio e la memoria.


Secondo Agnes Flöel, co-autrice dello studio e neurologo della Charité, i risultati "forniscono ulteriori prove che il glucosio può contribuire direttamente all'atrofia ippocampale", ma avverte che con questi dati non è possibile stabilire una relazione causale tra lo zucchero e la salute del cervello.


Questi risultati indicano che, anche in assenza di diabete o intolleranza al glucosio, una glicemia più alta può danneggiare il cervello e interrompere le funzioni della memoria. La ricerca futura dovrà caratterizzare come il glucosio esercita questi effetti e se gli interventi dietetici o di stile di vita potrebbero invertire tali cambiamenti patologici.

 

 

 

 

 


Fonte:  Emilie Reas in Scientific American   (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: