Associazione Alzheimer ONLUS

Ricerche

Il cervello ricostruisce le sue connessioni dopo danni o lesioni

CablaggiQuando il "centro di apprendimento" primario del cervello è danneggiato, nascono nuovi circuiti neurali complessi per compensare la funzione persa, secondo gli scienziati dell'Università della California di Los Angeles (UCLA) e dell'Australia che hanno individuato le regioni del cervello coinvolte nella creazione di quei percorsi alternativi, spesso lontane dal sito danneggiato.

Questa scoperta importante, la prima dimostrazione di una tale plasticità dei circuiti neurali, potrebbe potenzialmente aiutare gli scienziati a sviluppare nuovi trattamenti per l'Alzheimer, l'ictus e altre condizioni che comportano danni al cervello.


La ricerca, condotta da Michael Fanselow e Moriel Zelikowsky dell'UCLA, in collaborazione con Bryce Vissel, responsabile del programma di ricerca di neuroscienze al Garvan Institute of Medical Research di Sydney, e che appare questa settimana nella edizione anticipata online di Proceedings of National Academy of Sciences, ha appurato che parti della corteccia prefrontale subentrano quando è disabilitato l'ippocampo, centro chiave di apprendimento e formazione della memoria nel cervello.


Per lo studio, Fanselow e la Zelikowsky hanno condotto esperimenti di laboratorio con topi che hanno dimostrato di essere in grado di imparare nuovi compiti anche dopo aver subito danni all'ippocampo. Anche se i ratti hanno bisogno di più allenamento di quello che servirebbe normalmente, essi tuttavia imparano dalle loro esperienze: una scoperta sorprendente. "Mi aspetto che il cervello debba probabilmente essere addestrato attraverso l'esperienza", spiega Fanselow, professore di psicologia e componente del Brain Research Institute dell'UCLA, l'autore senior dello studio."In questo caso, abbiamo dato agli animali un problema da risolvere".


Dopo aver scoperto che i topi potevano, in realtà, imparare a risolvere i problemi, la Zelikowsky, studentessa laureata nel laboratorio di Fanselow, è andata in Australia, dove ha lavorato con Vissel per analizzare l'anatomia dei cambiamenti che avevano avuto luogo nel cervello dei ratti. La loro analisi ha individuato importanti cambiamenti funzionali in due regioni specifiche della corteccia prefrontale.


"È interessante notare che studi precedenti avevano dimostrato che queste regioni della corteccia prefrontale si attivano anche nel cervello dei malati di Alzheimer, suggerendo che nelle persone si sviluppano circuiti di compensazione simili", dichiara Vissel. "Anche se è probabile che il cervello dei malati di Alzheimer stia già compensando i danni, questa scoperta ha un potenziale significativo per estendere tale compensazione e migliorare la vita di molti".


L'ippocampo, una struttura a forma di cavalluccio marino dove si formano i ricordi nel cervello, ha un ruolo critico nell'elaborare, memorizzare e richiamare le informazioni. L'ippocampo è altamente suscettibile ai danni da ictus o mancanza di ossigeno ed è coinvolto in modo cruciale nell'Alzheimer, secondo Fanselow. "Fino ad ora, abbiamo cercato di capire come stimolare la riparazione all'interno dell'ippocampo", ha detto. "Ora vediamo apparire altre strutture, e vengono in vita interi nuovi circuiti cerebrali".


La Zelikowsky dice che ha trovato interessante che le sub-regioni della corteccia prefrontale compensino in modo diverso: una sub-regione - la corteccia infralimbica - silenzia la sua attività e un'altra sub-regione - la corteccia prelimbica - aumenta l'attività. "Se volessimo sfruttare questo tipo di plasticità per aiutare le vittime di ictus o di Alzheimer", dice, "dovremmo prima capire esattamente come migliorare e silenziare in modo differenziale la funzione, sia in modo comportamentale che farmacologico. E' chiaramente importante non potenziare tutte le aree. Il cervello funziona silenziando e attivando diverse popolazioni di neuroni. Per formare i ricordi, si deve filtrare ciò che è importante e ciò che non lo è".


Il comportamento complesso coinvolge sempre la comunicazione tra varie parti del cervello, e il messaggio di una regione influenza il modo in cui risponderà un'altra regione, osserva Fanselow. Questi cambiamenti molecolari producono i nostri ricordi, i sentimenti e le azioni. "Il cervello è fortemente interconnesso; si può andare da un qualsiasi neurone nel cervello a ogni altro neurone attraverso circa sei connessioni sinaptiche", spiega. "Quindi ci sono molte vie alternative che il cervello può usare, ma che di solito non usa, a meno che non sia costretto. Una volta che capiamo come il cervello prende queste decisioni, allora saremo in grado di favorire i percorsi da prendere quando è necessario, soprattutto nel caso di danno cerebrale".


"Il comportamento crea cambiamenti molecolari nel cervello; solo conoscendo i cambiamenti molecolari che vogliamo realizzare, possiamo cercare di facilitarne l'attuazione attraverso il comportamento e la terapia farmacologica", aggiunge. "Penso che sia la migliore alternativa che abbiamo. I trattamenti futuri non saranno tutti comportamentali o tutti farmacologici, ma una combinazione dei due tipi".


La ricerca è stata finanziata dal National Institute of Mental Health del National Institutes of Health e dalla National Science Foundation.

 

 

 

 

 


Fonte: University of California - Los Angeles. Articolo originale scritto da Alison Heather.

Riferimento: Moriel Zelikowsky, Stephanie Bissiere, Timothy A. Hast, Rebecca Z. Bennett, Andrea Abdipranoto, Bryce Vissel, and Michael S. Fanselow. Prefrontal microcircuit underlies contextual learning after hippocampal loss. PNAS, May 15, 2013 DOI: 10.1073/pnas.1301691110.

Pubblicato in Science Daily il 15 Maggio 2013 (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

10 Consigli dei neurologi per ridurre il tuo rischio di demenza

28.02.2023

La demenza colpisce milioni di persone in tutto il mondo, quasi un over-65 su 10. Nonost...

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.