Iscriviti alla newsletter

La depressione deriva da problemi di comunicazione tra cellule cerebrali; la serotonina fa altro

DepressioneUn nuovo studio della School of Medicine della University of Maryland suggerisce che la depressione è il risultato di un disturbo nella capacità delle cellule cerebrali di comunicare tra di loro.

Lo studio comporta un cambio importante nel modo di capire la causa della depressione e come deve essere trattata. Invece di concentrarsi sul livello delle sostanze chimiche di tipo ormonale nel cervello, come la serotonina, gli scienziati hanno scoperto che è la trasmissione dei segnali eccitatori tra le cellule che è anormale nella depressione.


La ricerca è stata pubblicata online sul numero del 17 Marzo di Nature Neuroscience ed è stata guidata da Scott M. Thompson, Ph.D., professore e preside ad interim del Dipartimento di Fisiologia della School of Medicine dell'Università del Maryland. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, tra il 2005 e il 2008 circa un americano su 10 è stato trattato per la depressione, e le donne hanno avuto più del doppio delle probabilità degli uomini di deprimersi.


I farmaci antidepressivi più comuni, come Prozac, Zoloft e Celexa, funzionano impedendo alle cellule cerebrali di assorbire serotonina, con un conseguente aumento della sua concentrazione nel cervello. Purtroppo, questi farmaci sono efficaci solo per circa la metà dei pazienti. Poichè l'innalzamento della serotonina induce alcuni pazienti depressi a sentirsi meglio, si è pensato per oltre 50 anni che, di conseguenza, la causa della depressione debba essere un livello insufficiente di serotonina.


Il nuovo studio dell'Università del Maryland contesta tale spiegazione consolidata. "La ricerca innovativa del Dr. Thompson potrebbe alterare il campo della medicina psichiatrica, cambiando il nostro modo di capire questo problema paralizzante di sanità pubblica che è la depressione e le altre malattie mentali", dice E. Albert Reece, MD, Ph.D., MBA, Vice Presidente delle Questioni Mediche dell'Università del Maryland, Professore Emerito "John Z. e Akiko K. Bowers" e preside della School of Medicine dell'Università del Maryland. "Questo è il tipo di scienza d'avanguardia verso cui tendiamo all'Università del Maryland, quelle scoperte fatte in laboratorio che possono avere un impatto nella pratica clinica della medicina".


La depressione colpisce più di un quarto di tutti gli adulti degli Stati Uniti ad un certo punto della vita, e l'Organizzazione Mondiale della Sanità prevede che entro il 2020 sarà la seconda causa di disabilità nel mondo. La depressione è anche il principale fattore di rischio per il suicidio, che provoca il doppio delle morti per omicidio, ed è la terza causa di morte a 15-24 anni.


Il primo dato importante dello studio è stata la scoperta che la serotonina ha una capacità precedentemente sconosciuta di rafforzare la comunicazione tra le cellule cerebrali. "Allo stesso modo in cui si parla più forte al compagno in un cocktail party rumoroso, la serotonina amplifica le interazioni eccitatorie nelle regioni del cervello importanti per la funzione emotiva e cognitiva e aiuta, a quanto pare, a fare in modo che siano udite le conversazioni cruciali tra i neuroni", dice il Dott. Thompson. "Poi ci siamo chiesti: questa azione della serotonina ha un qualche ruolo nell'azione terapeutica di farmaci come il Prozac?".


Per capire cosa potrebbe essere sbagliato nel cervello di pazienti affetti da depressione e come l'innalzamento della serotonina potrebbe alleviarne i sintomi, il gruppo di studio ha esaminato il cervello di ratti e topi esposti ripetutamente a varie condizioni moderatamente stressanti, paragonabili al tipo di stress psicologico che può innescare la depressione nelle persone.


I ricercatori hanno potuto dire che gli animali erano diventati depressi perché avevano perso interesse per le cose che ritenevano di solito piacevoli. Per esempio, gli animali normali, tra acqua e acqua zuccherata, preferiscono fortemente la soluzione zuccherina. Gli animali nello studio esposti a stress ripetuti, però, hanno perso la preferenza per l'acqua zuccherata, indicando che non la trovavano più gratificante. Questa comportamento simile alla depressione imita fortemente un segno distintivo della depressione umana, chiamato anedonia, per cui i pazienti non si sentono più gratificati dal piacere di un buon pasto o un buon film, dall'amore dei loro amici e familiari, e da innumerevoli altre interazioni quotidiane.


Un confronto tra l'attività delle cellule cerebrali dei ratti normali con quella di quelli stressati ha rivelato che lo stress non ha effetto sul livello di serotonina del cervello "depresso". Sono al contrario le connessioni eccitatorie a rispondere alla serotonina in modo sorprendentemente diverso. Questi cambiamenti sono stati invertiti trattando gli animali stressati con antidepressivi fino al ripristino del loro comportamento normale.


"Nel cervello depresso, la serotonina sembra sforzarsi di amplificare quella conversazione da cocktail party, ma il messaggio continua a non passare"
, dice il Dott. Thompson. Usando topi appositamente ingegnerizzati, creati dai collaboratori della Johns Hopkins University School of Medicine, lo studio ha anche rivelato deve esserci una capacità della serotonina di rafforzare le connessioni eccitatorie perchè possano funzionare i farmaci antidepressivi.


Il miglioramento sostanziale della comunicazione tra le cellule del cervello è considerato uno dei principali processi alla base della memoria e dell'apprendimento. L'osservazione del team che la funzione eccitatoria delle cellule cerebrali è alterata nei modelli di depressione, è una possibile spiegazione del motivo per cui le persone affette da depressione hanno spesso difficoltà a concentrarsi, ricordare i dettagli, o prendere decisioni. Inoltre, i risultati suggeriscono che la ricerca di nuovi e migliori composti antidepressivi andrebbe spostata dai farmaci che elevano la serotonina verso farmaci che rafforzano le connessioni eccitatorie.


"Anche se è necessario ulteriore lavoro, riteniamo che all'origine della depressione ci sia fondamentalmente un malfunzionamento delle connessioni eccitatorie e che il ripristino della normale comunicazione nel cervello, cosa che a quanto pare la serotonina è riuscita a fare nei pazienti trattati con successo, è fondamentale per alleviare i sintomi di questa devastante malattia", conclude il dottor Thompson.

 

 

 

 


Cosa pensi di questo articolo? Ti è stato utile? Hai rilievi, riserve, integrazioni? Conosci casi o ti è successo qualcosa che lo conferma? o lo smentisce? Puoi usare il modulo dei commenti qui sotto per dire la tua opinione. Che è importante e unica.
The original English version EnFlag
of this article is here.

 

 

 

 

 


Fonte: University of Maryland Medical Center, via EurekAlert!, a service of AAAS.

Riferimento: Xiang Cai, Angy J Kallarackal, Mark D Kvarta, Sasha Goluskin, Kaitlin Gaylor, Aileen M Bailey, Hey-Kyoung Lee, Richard L Huganir, Scott M Thompson. Local potentiation of excitatory synapses by serotonin and its alteration in rodent models of depression. Nature Neuroscience, 2013; DOI: 10.1038/nn.3355.

Pubblicato in Science Daily il 18 Marzo 2013 - Traduzione di Franco Pellizzari - Foto: © Artur Golbert / Fotolia

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

 

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:




Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.