Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Ipertensione non controllata potrebbe aumentare rischio di Alzheimer

Uno studio pubblicato sul Journal of American Medical Association Neurology suggerisce che il controllo o la prevenzione dei fattori di rischio, come l'ipertensione, precocemente nella vita, può limitare o ritardare i cambiamenti cerebrali associati all'Alzheimer e agli altri deterioramenti neurologici legati all'età.

La Dott.ssa Karen Rodrigue, professoressa assistente al Center for Vital Longevity (CVL) della University of Texas di Dallas, è l'autrice di uno studio che ha esaminato se le persone che hanno sia ipertensione che un gene comune, hanno maggiore formazione di una placca nel cervello chiamata proteina amiloide, che è associata all'Alzheimer.


Pressione arteriosa non trattata e genetica, insieme,
presentano dei rischi. Un gruppo di ricerca ha
scoperto che la combinazione della predisposizione
genetica e della pressione alta non curata può
portare ad un accumulo di proteina che alcuni
scienziati credono sia legata all'Alzheimer. (Credit:
Image courtesy of University of Texas at Dallas)

Gli scienziati ritengono che l'amiloide sia il primo sintomo dell'Alzheimer e appare dieci o più anni prima che inizino i sintomi dei disturbi della memoria e di altre difficoltà cognitive. The gene, known as APOE 4, is carried by 20 percent of the population. Il gene, noto come APOE 4, è portato da 20 per cento della popolazione.


Fino a poco tempo fa, la placca amiloide poteva essere vista solo durante l'autopsia, ma le nuove tecniche di scansione del cervello permettono agli scienziati di vedere la placca nel cervello degli adulti sani in vita. Sia i risultati dell'autopsia che quelli delle scansioni cerebrali dell'amiloide mostrano che almeno il 20 per cento degli anziani tipici hanno livelli elevati di amiloide, una sostanza composta principalmente da proteina che si deposita negli organi e nei tessuti.

"Mi interessava capire se l'ipertensione è collegata ad un maggiore rischio di placche amiloidi nel cervello di persone altrimenti sane", scrive la Rodrigue. "Identificare i fattori di rischio più significativi per la deposizione di amiloide negli adulti apparentemente sani è fondamentale per far avanzare gli sforzi medici per la prevenzione e la diagnosi precoce".


Sulla base delle prove che l'ipertensione è associata all'Alzheimer, la Rodrigue sospetta che la combinazione di ipertensione e presenza del gene APOE-e4 potrebbe portare a livelli particolarmente elevati di placca amiloide negli adulti sani. La ricerca della Rodrigue fa parte del Dallas Lifespan Brain Study, uno studio completo del cervello nell'invecchiamento per un grande gruppo di adulti di tutte le età finanziato dal National Institute on Aging.


Il gruppo della Rodrigue ha reclutato 147 partecipanti (da 30 a 89 anni) per sottoporsi a test cognitivi, risonanza magnetica (MRI) e imaging PET con Amyvid, un composto che, quando iniettato, viaggia nel cervello e si lega con le proteine amiloidi, permettendo agli scienziati di visualizzare la quantità di placca amiloide. Anche la pressione sanguigna è stata misurata ad ogni visita.


La Rodrigue ha classificato i partecipanti allo studio come ipertesi se avevano una diagnosi attuale di ipertensione dal medico o se la loro pressione sanguigna superava i criteri stabiliti per la diagnosi. I partecipanti sono stati suddivisi ulteriormente in gruppi in base al fatto che stessero assumendo farmaci anti-ipertensivi o se fossero stati non curati pur mostrando un aumento della pressione sanguigna compatibile con una diagnosi di ipertensione. Infine, i soggetti dello studio sono stati classificati nel gruppo di rischio genetico se erano compresi nel 20 per cento di adulti portatori di una o due copie dell'allele APOE ε4, una variante genetica legata alla demenza.


Il risultato più sorprendente dello studio è che gli adulti ipertesi non-curati e portatori del fattore di rischio genetico per l'Alzheimer hanno livelli di amiloide molto più elevati rispetto a tutti gli altri gruppi. Gli adulti con ipertensione controllata da farmaci, anche quelli con rischio genetico, avevano livelli di amiloide placca equivalente ai partecipanti senza ipertensione o rischio genetico.


Lo studio suggerisce che il controllo dell'ipertensione può ridurre significativamente il rischio di sviluppare depositi di amiloide, anche per quelli con rischio genetico. La Rodrigue osserva che sono necessari studi a lungo termine per essere certi che l'uso di farmaci antipertensivi diminuiscano i depositi di amiloide. Tuttavia questo risultato iniziale ci dà una finestra sui potenziali benefici del controllo dell'ipertensione, che va oltre il ridurre il rischio di ictus e altre complicazioni cardiovascolari.


Gli scienziati non riescono a spiegare completamente i meccanismi neurali alla base dell'effetto dell'ipertensione e dell'APOEε4 sull'accumulo di amiloide. Ma ricerca precedenti su modelli animali hanno dimostrato che l'ipertensione cronica può consentire una più facile penetrazione della barriera ematoencefalica, con conseguente maggiore deposizione di amiloide.

Lo studio della Rodrigue è significativo perché si concentra su un gruppo di adulti di mezza età e anziani sani e cognitivamente normali, consentendo l'esame dei fattori di rischio e del carico di amiloide prima dello sviluppo della demenza preclinica. Il team ha in programma un seguito longitudinale dello studio, a lungo termine, con i partecipanti per determinare la percentuale dei soggetti che alla fine svilupperà la malattia.


Tra i co-autori dello studio appare la Dott.ssa Denise Park, direttrice del Dallas Lifespan Brain Study e condirettrice del Center for Vital Longevity, la dott.ssa Kristen Kennedy, e la studentessa di dottorato Jennifer Rieck, tutte dell'Università del Texas di Dallas. Il team comprendeva anche il Dr. Michael Devous e il Dr. Ramon Diaz-Arrastia del Medical Center della UT Southwestern e dell'Uniformed Services University of the Health Sciences. Oltre al supporto del National Institute on Aging, l'Alzheimer's Association ha dato fondi per lo studio e la Avid Radiopharmaceutical ha fornito le dosi di Amyvid utilizzate nelle scansioni.

 

 

 

 


Cosa pensi di questo articolo? Ti è stato utile? Hai rilievi, riserve, integrazioni? Conosci casi o ti è successo qualcosa che lo conferma? o lo smentisce? Puoi usare il modulo dei commenti qui sotto per dire la tua opinione. Che è importante e unica.
The original English version EnFlag
of this article is here.

 

 

 

 

 


Fonte: University of Texas at Dallas.

Riferimento: Karen M. Rodrigue et al. Risk Factors for β-Amyloid Deposition in Healthy Aging. Vascular and Genetic Effects. JAMA Neurology, 2013; : 1 DOI: 10.1001/jamaneurol.2013.1342.

Pubblicato in Science Daily il 18 Marzo 2013 - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:




 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.