Iscriviti alla newsletter

Dove è il 'senso del sé' nel cervello?

paul gauguin self portrait with halo and snakePaul Gauguin, autoritratto

Ti sei mai chiesto dove vive nel tuo cervello quel personaggio interessante chiamato 'io'? Josef Parvizi MD/PhD, medico-scienziato della Stanford Medicine, ha delle informazioni.


Anche se il suo teschio fosse trasparente, vedresti poco nel cervello di qualcun altro. Ma Parvizi ha il modo di sbirciare nella testa delle persone e scoprire cosa accade. I suoi esperimenti hanno individuato le regioni cerebrali cruciali specifiche per delle capacità che vanno dalla percezione dei volti al riconoscimento dei numeri.


L'osservazione più recente di Parvizi, descritta in uno studio pubblicato l'8 giugno su Neuron, svela il ruolo sorprendente di una piccola struttura inserita tra i due emisferi del cervello. La struttura, chiamata 'precuneo anteriore' (aPCu), è l'epicentro di un sistema di regioni cerebrali distribuite che si parlano in sincronizzazione: la loro attività aumenta e diminuisce con il coordinamento reciproco, segno di un lavoro di squadra.


Parvizi, con la studiosa post-dottorato Dian Lu PhD e i loro colleghi, hanno scoperto che questo arcipelago di regioni cerebrali collaboranti, guidate dall'aPCu, è cruciale per integrare le informazioni sulla tua posizione, sul movimento dei muscoli / articolazioni e sulle sensazioni, e per formare una mappa mentale del tuo sé corporeo o fisico.


Per spiegare il significato del sistema, Parvizi ha invocato quella strana coppia, 'io' e 'me':

"Per ogni azione che intraprendiamo, anche durante i sogni", ha detto, "c'è sempre un agente dietro di essa: chiamiamo quell'agente 'io'. 'Me' è tutto ciò che abbiamo archiviato nei nostri ricordi su 'io' ".

 

I due sé

In termini neuroanatomici, c'è un arcipelago separato di strutture cerebrali che regolano ciascuno dei due sé. Questi due sistemi interagiscono continuamente tra loro.


Il senso fisico/corporeo di sé ('io') contrasta con un altro aspetto narrativo di sé ('me') che ha a che fare con il pensare attivamente o passivamente alla tua vita passata o pianificare il tuo futuro: cose come memoria, abitudini, personalità, emozioni, sentimenti per gli altri, ciò che ci aspetta, ecc.


Il sé narrativo ('me') dimora in una rete ben studiata chiamata rete di modalità predefinita. (All'orecchio del non specialista, le tre parole 'predefinita', 'modalità' e 'rete' sembrano un trio di parole casuali stonate. Ma il termine ha davvero senso: designa una rete cerebrale attiva quando stiamo sognando a occhi aperti, richiamando eventi passati, e così via.)


Non esiste ancora un nome ufficiale per la rete del sé corporeo, sebbene sappiamo che esiste. Precedenti studi hanno messo in evidenza una serie di strutture che la compongono, ma non hanno detto molto sul suo capo apparente, l'aPCu.


Per delineare ulteriormente la rete cerebrale capitanata dall'aPCu, il team di Parvizi ha ottenuto i dati di scansione cerebrale di 5 dei suoi pazienti, e pure da quasi 1.000 partecipanti allo Human Connectome Project, lanciato nel 2010 per mappare le connessioni neurali del cervello umano.


"Abbiamo mostrato la posizione precisa delle cellule chiave nell'aPCu, e la mappa di Dian mostra chiaramente come si connettono con il resto del cervello", ha detto Parvizi.


L'aPCu si trova vicino a una struttura cerebrale che è considerata un nodo chiave nella rete di modalità predefinita, ma non fa parte di quella rete, anche se comunica intensamente con essa.


"Stimolare elettricamente la rete di modalità predefinita non fa nulla al senso di sé o coscienza", ha detto Parvizi. "Il tuo senso di sé fisico o corporeo rappresenta il tuo organismo nell'immediato qui e ora, con un punto di vista particolare che è solo tuo, la tua prospettiva in prima persona sul mondo che ti circonda. Nessuno lo condivide. Potresti non essere consapevole del tuo punto di vista. Ma lo sarai se interrompo la rete che lo genera. Il tuo posto nel mondo, intorno a te, sembrerà improvvisamente irreale".

 

Sondare il cervello

Parvizi fa queste osservazioni nei suoi pazienti che vengono valutati per un possibile trattamento chirurgico di convulsioni epilettiche ricorrenti e resistenti ai farmaci, che comporta l'inserimento di aghi sottili, che servono da elettrodi, nel cervello da parte di un neurochirurgo in anestesia. I pazienti rimangono collegati all'apparato di monitoraggio per diversi giorni, mentre gli elettrodi colgono l'attività elettrica all'interno del cervello e la riferiscono a un computer.


La procedura alla fine cattura le inevitabili convulsioni ripetute, consentendo ai neurologi di determinare il punto esatto nel cervello di ciascun paziente in cui originano le convulsioni. Un numero considerevole di pazienti si libera dalle convulsioni ricorrenti a seguito di questo approccio invasivo.


Con il consenso di questi pazienti, Parvizi passa piccoli impulsi di corrente attraverso una serie di singoli elettrodi, stimolando o interrompendo l'attività in piccole aree discrete della materia cerebrale e guardando cosa succede. (La procedura è sicura e il cervello non prova dolore). Un giorno un paziente gli disse: "Ogni volta che ho un attacco, ho un senso di depersonalizzazione e dissociazione. Tutto è irreale, non mi sta accadendo".


Si è capito che le convulsioni del paziente provengono all'aPCu. Volendo saperne di più su ciò che stava accadendo, Parvizi e i suoi colleghi hanno trovato altri otto pazienti con elettrodi impiantati che passavano attraverso il loro aPCu. I pazienti hanno accettato di permettergli di interrompere l'attività di questa struttura con gli impulsi elettrici.


"Quando lo ha fatto, tutti hanno riportato qualcosa di strano che stava accadendo al loro senso di sé fisico. In effetti, tre di loro hanno rferito un chiaro senso di depersonalizzazione, simile all'assunzione di psichedelici" ha detto Parvizi.


Ma questa sensazione di distacco non è stata un'esperienza esterna al corpo.

"In un'esperienza fuori dal corpo, ti vedi dall'alto", ha detto Parvizi. "I nostri soggetti non l'hanno riferito affatto, stavano galleggiando; se si stimolava il lato sinistro, si sentivano come se stessero cadendo. Mentre si guardavano intorno, non aveva senso. Non avrebbero dovuto fluttuare o sprofondare, ma sembrava che lo facessero. Il mondo intorno a loro sembrava irreale".


Stranamente, le segnalazioni dei pazienti di volare o fluttuare rispetto a cadere o tuffarsi erano accompagnate da emozioni relativamente positive invece che negative a seconda che fosse stato stimolato elettricamente l'aPCu destro o sinistro, rispettivamente. (Come molte strutture cerebrali, l'aPCu è presente su entrambi gli emisferi del cervello.)


"Non ho idea del perché ciò accade", ha detto Parvizi. "Sono assolutamente perplesso sul motivo per cui stimolare il lato sinistro o il lato destro susciti effetti opposti, ma lo capiremo".

 

 

 


Fonte: Bruce Goldman in Stanford Medicine (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: D Lyu, [+9], J Parvizi. Causal evidence for the processing of bodily self in the anterior precuneus. Neuron, 2023, DOI

Copyright:
Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.