Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Gli eventi sono 'trampolini di lancio' nel percorso del recupero dei ricordi

Stepping stones

"Accidenti, ho perso le chiavi!"


Una soluzione a questo comune scenario frustrante è ripercorrere i propri passi. Questo si può fare spostandosi fisicamente nello spazio in cui sospetti che si nasconda il tuo portachiavi inafferrabile o, come esaminato da una ricerca recente pubblicata su Psychological Science, scansionando la tua memoria per trovarlo.


Gli umani strutturano i ricordi di questo tipo di esperienze continue usando i confini degli eventi, secondo il primo autore Sebastian Michelmann, che ha condotto questa ricerca con Uri Hasson e Kenneth A. Norman (Università di Princeton). Come ha detto Michelmann in un'intervista:

“Intuitivamente, percepiamo la struttura sotto forma di eventi in una esperienza continua. Una 'visita al ristorante' e un 'giro in treno' sono esempi di tali eventi. Quando un evento termina e un altro inizia, le persone percepiscono un limite di un evento e gli osservatori umani concordano sostanzialmente nei momenti esatti in cui si verifica quel confine".


La ricerca di Michelmann e colleghi suggerisce che le persone usano questi confini degli eventi come 'trampolini di lancio' per scansionare i loro ricordi nel tentativo di ricordare determinati fatti o informazioni. Nel caso delle chiavi perdute, ha detto, questo potrebbe comportare il ritorno all'ultimo momento in cui ricordi chiaramente di avere avuto le chiavi - diciamo, mentre entravi dalla porta d'ingresso - prima di saltare davanti a un evento di 'telefonata' e poi all'evento 'guardare la TV'; a quel punto potresti ricordare di aver messo le chiavi accanto al telecomando.


"Quando le persone cercano tra ricordi continui, possono farlo lentamente e a fondo, ma possono anche saltare al limite dell'evento successivo quando decidono che la risposta che stanno cercando non è in quello attuale"
, ha detto Michelmann. "I confini degli eventi sono punti importanti di accesso per questo salto, motivo per cui ci riferiamo a loro come trampolini di lancio nel processo di ricerca della memoria".


Michelmann, Hasson e Norman hanno esaminato questo processo in una serie di tre studi online in cui i partecipanti avevano il compito di scansionare i loro ricordi sui dettagli di due versioni abbreviate di 7 minuti del film Gravity.


Nel primo studio, i ricercatori hanno stabilito i confini degli eventi all'interno di ciascun cortometraggio facendo in modo che 104 partecipanti premessero un pulsante ogni volta che percepivano che un evento era terminato. Come nelle ricerche precedenti, le percezioni dei confini degli eventi dei partecipanti erano altamente coerenti.


Nel secondo studio, 180 partecipanti hanno risposto alle domande sugli eventi di entrambi i cortometraggi. Ogni domanda iniziava identificando un evento di ancoraggio nel film prima di chiedere al partecipante di ricordare le informazioni presenti dopo questo punto, ad es.: “Nella stazione spaziale vediamo piccole fiamme divampare nel corridoio. Quando è la volta successiva che vediamo il fuoco?".


Le domande sono state progettate per coinvolgere un singolo evento isolato oppure un numero specifico di confini degli eventi con un tempo di esecuzione prestabilito. Dopo aver udito la domanda, ai partecipanti è stato chiesto di cliccare su un pulsante 'Rispondi' non appena ricordavano la risposta.


Confrontando il tempo di esecuzione effettivo di ciascun evento o gruppo di eventi con quanto tempo impiegavano i partecipanti a fare clic sul pulsante di risposta, Michelmann e colleghi hanno stabilito che le persone erano in grado di scansionare 1 secondo dell'evento in circa 48 millisecondi. I partecipanti hanno scansionato, in media, solo 1,9 secondi di un evento prima di saltare a quello successivo, quando non trovavano le informazioni che stavano cercando.


I ricercatori hanno trovato che il loro modello 'trampolino-di-lancio' di scansione della memoria, che rappresenta il tempo in cui le informazioni puntate appaiono all'interno di un evento e, di conseguenza, la distanza dell'obiettivo dai confini dell'evento, si adatta meglio alle risposte dei partecipanti rispetto a un modello basato solo sulla lunghezza di ogni evento scansionato.


"Il modello trampolino-di-lancio prevede che la distanza del bersaglio dal confine dell'evento precedente dà un contributo relativo elevato ai tempi di risposta, perché una soglia bassa di salto garantisce che trascorra poco tempo all'interno di ciascun evento; l'evento finale, tuttavia, è cercato senza salti”
, hanno scritto Michelmann e colleghi.


I ricercatori hanno ulteriormente testato questo modello con un terzo studio su 100 partecipanti. Questa volta, ai partecipanti è stato chiesto di simulare o 'riprodurre' mentalmente tutto ciò che accadeva tra due confini di eventi in ogni film. Sebbene i partecipanti si siano impegnati ancora in una certa compressione temporale, hanno impiegato più tempo a rivedere eventi completamente simulati, rispetto a quanto hanno fatto i partecipanti quando cercavano informazioni, suggerendo che ricordiamo eventi con una soglia di salto più alta quando si simulano, invece che scansionare, i nostri ricordi.


"Il tempo di ricerca può essere spiegato usando un modello in cui i partecipanti saltano tutti gli eventi tranne l'ultimo, che deve essere riprodotto nella sua interezza per trovare la memoria ricercata che contiene"
, hanno scritto Michelmann e colleghi.


Con il lavoro futuro, Michelmann vorrebbe esplorare come la conoscenza schematica delle informazioni nel nostro ambiente interagisce con la memoria episodica, per supportare il richiamo di esperienze specifiche rispetto a quelle tipiche.


Per esempio, ricordare come era stata una festa di compleanno tipica potrebbe aiutare il richiamo di dettagli specifici sulla celebrazione del 30° compleanno di un individuo, ma fare troppo affidamento su questi schemi potrebbe anche offuscare i nostri ricordi di dettagli unici, ha detto.

 

 

 


Fonte: Association for Psychological Science (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: S Michelmann, U Hasson, KA Norman. Evidence That Event Boundaries Are Access Points for Memory Retrieval. Psychological Science, 2023, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.