Associazione Alzheimer ONLUS logo

Rapporti e studi

Puntare ai metalli nell'Alzheimer e nelle altre neurodegenerazioni

Il cervelloMetalli di targeting nella malattia di Alzheimer e altre malattie neurodegenerativeAssieme all'aspettativa di vita, aumenta anche la prevalenza di malattie legate all'invecchiamento.

Gli sforzi per sviluppare terapie per le malattie neurodegenerative legate all'età devono ancora riuscire a impattare sulle patogenesi delle malattie; i trattamenti attuali mirano solo ai sintomi, non alle cause.


Per sviluppare agenti che modificano le malattie, alcuni ricercatori puntano ad identificare le caratteristiche comuni delle malattie neurodegenerative che potrebbero fornire indizi potenziali per bersagli farmacologici. Il 29 novembre 2012 alcuni ricercatori che studiano l'Alzheimer, il Parkinson e la corea di Huntington si sono incontrati presso la New York Academy of Sciences per discutere una di queste caratteristiche (l'effetto dei metalli nelle malattie neurodegenerative) ed evidenziare i risultati clinici ottenuti dall'uso di composti che legano i metalli per influenzare la progressione delle malattie.

Il simposio, Targeting Metals in Alzheimer's and Other Neurodegenerative Diseases, è stato presentato dal Brain Dysfunction Discussion Group dell'Accademia e i relatori sono stati: Robert A. Cherny, PhD (The Florey Institute of Neuroscience and Mental Health, Australia), Steven M. Hersch, MD, PhD (Massachusetts General Hospital; Harvard Medical School), Rudolph Tanzi, PhD (Massachusetts General Hospital; Harvard Medical School), Daniel Tardiff, PhD (Whitehead Institute for Biomedical Research) e il moderatore della tavola rotonda George Zavoico, PhD (MLV).

 

Introduzione

Le malattie neurodegenerative come l'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD), e l'Huntington (HD) colpiscono in modo sproporzionato la popolazione anziana, infliggendo un notevole onere fisico, emotivo ed economico. Circa 5,4 milioni di americani soffrono di AD, e un altro milione soffre di PD. Nel 2009, AD e PD sono state la 6a e 14a, rispettivamente, causa di morte negli Stati Uniti. Dal momento che il numero di persone di oltre 65 anni dovrebbe rappresentare il 20% della popolazione degli Stati Uniti entro il 2050, questi numeri sono destinati a crescere.

Infatti, dati recenti indicano che questo è già in corso. Dal 2000 al 2008, i decessi legati al virus HIV e a diversi tipi di cancro sono diminuiti di ben il 30%, ma le morti correlate all'AD sono aumentate del 66%. Aumenterà anche il costo associato alle malattie neurodegenerative, attualmente stimato in 200 miliardi di dollari per l'AD e 25 miliardi di dollari per il PD. E' chiaro che sono necessari nuovi approcci, che devono offrire non solo un sollievo sintomatico, ma anche indirizzare i meccanismi che stanno dietro la progressione della malattia.

Mentre la percentuale di decessi causati da molte altre malattie sono caduti, la percentuale di decessi dovuti all'Alzheimer è in aumento. (Per gentile concessione di Rudolph Tanzi)

Mentre la percentuale di decessi causati da molte altre malattie sono caduti, la percentuale di decessi dovuti all'Alzheimer è in aumento. (Per gentile concessione di Rudolph Tanzi)

Per sviluppare nuovi approcci, i ricercatori stanno esaminando i punti in comune tra le diverse malattie neurodegenerative. AD, PD e HD sono caratterizzate da un accumulo di proteine mal ripiegate nel cervello. Quando due o più di queste proteine si uniscono, formano oligomeri di ordine superiore, come i dimeri, i trimeri e i tetrameri, che possono causare la morte dei neuroni e una riduzione della funzionalità cerebrale. Gli oligomeri extracellulari del peptide amiloide-beta Aβ formano le famose placche per cui è così noto l'AD. La proteina α-sinucleina si accumula all'interno dei neuroni nel PD, portando infine alla morte cellulare. Le mutazioni della proteina huntingtina ne provocano la mal piegatura e l'oligomerizzazione nell'HD. Anche se una quantità considerevole di ricerca è stata diretta sul puntare gli oligomeri e prevenirne gli effetti tossici, i farmaci disponibili sono palliativi: alleviano i sintomi senza modificare il decorso della malattia.

Un approccio è colpire una caratteristica comune di tutte e tre le malattie. I ricercatori del simposio hanno esplorato questa possibilità in una discussione sulla "ipotesi metallo nelle malattie neurodegenerative". Ciò presuppone che i metalli come ferro, rame e zinco siano implicati nella patogenesi di alcune malattie neurodegenerative e che gli agenti che puntano questi metalli possano rallentare o potenzialmente invertire il corso della malattia.

Diverse malattie neurodegenerative sono il risultato dell'aggregazione di proteine anormali nel cervello. I metalli sono stati implicati nella patogenesi di AD, HD e PD e possono avere un ruolo in altre malattie neurodegenerative. (Image courtesy of Rudolph Tanzi)

Diverse malattie neurodegenerative sono il risultato dell'aggregazione di proteine anormali nel cervello. I metalli sono stati implicati nella patogenesi di AD, HD e PD e possono avere un ruolo in altre malattie neurodegenerative. (Image courtesy of Rudolph Tanzi)

La funzione cerebrale normale dipende molto dai metalli: durante la neurotrasmissione sono rilasciati nello spazio sinaptico rame e zinco, e sono essenziali per l'attività di numerosi enzimi, come il dismutasi superossido.

L'ipotesi "metallo" nelle malattie neurodegenerative si basa su due osservazioni. Primo, i metalli promuovono l'oligomerizzazione delle proteine. La presenza di zinco o rame è necessaria per l'oligomerizzazione dell'Aβ in AD, e il rame favorisce l'oligomerizzazione dell'huntingtina in HD. In secondo luogo, diversi studi dimostrano che nelle malattie neurodegenerative è interrotta l'omeostasi del metallo. Nei modelli di topo di AD, gli studi di visualizzazione cerebrale mostrano una maggiore concentrazione di zinco; nell'HD l'accumulazione di ferro è correlata alla progressione della malattia, e in PD, c'è un aumento della concentrazione di ferro nella substantia nigra, l'area del cervello più colpita dalla malattia.

I relatori del convegno hanno evidenziato il ruolo dei metalli nelle malattie neurodegenerative; hanno presentato dati preclinici e clinici su un agente che lega il metallo, il PBT2, in AD e HD, e hanno discusso gli studi in corso di un composto simile, il PBT434, nel Parkinson. Rudolph Tanzi del Massachusetts General Hospital e della Harvard Medical School ha descritto come il rame catalizza l'aggregazione di Aβ in AD e ha discusso i dati [dello studio] di fase IIa sul PBT2. Robert Cherny del Florey Institute of Neuroscience and Mental Health ha presentato i dati preclinici del PBT2 di studi in modelli murini di AD e HD, nonché i dati preclinici relativi al PBT434 in modelli murini di PD. Steven Hersch del Massachusetts General Hospital e della Harvard Medical School ha mostrato come rame e ferro abbiano un ruolo importante, ma distinto nella patogenesi di HD. Daniel Tardiff del Whitehead Institute for Biomedical Research ha dimostrato come si possono usare modelli di lievito delle malattie neurodegenerative per le scoperte di farmaci.

Metalli e agenti che legano i metalli nell'Alzheimer

Relatori: Rudolph Tanzi, del Massachusetts General Hospital e Harvard Medical School e Robert A. Cherny, The Florey Institute of Neuroscience and Mental Health, Australia


Il ruolo dei metalli nella patogenesi di Alzheimer

Il colpevole principale nella patogenesi dell'Alzheimer è il peptide Aβ. L'Aβ si formato come risultato dell'elaborazione difettosa della membrana plasmatica proteica della proteina precursore amiloide (APP). L'APP è normalmente scissa dalle proteasi α- e γ-secretasi per creare peptidi che eseguono delle funzioni come la regolazione della trascrizione nel nucleo. L'Aβ si forma, invece, quando l'APP è tagliata dalla β-secretasi. L'Aβ monomerico non è patogeno e di solito può essere rimosso dal cervello dall'apolipoproteina E. Tuttavia, quando questi processi non funzionano correttamente, l'Aβ può oligomerizzarsi in specie di ordine superiore che formano le fibrille amiloidi e le placche che caratterizzano l'AD.

Rudolph Tanzi del Massachusetts General Hospital e della Harvard Medical School hanno mostrato che l'oligomerizzazione dell'Aβ dipende dalla presenza di zinco o di rame. Quando il rame si lega all'Aβ, forma legami ossidativi incrociati tra monomeri. Le specie incrociate risultanti sono molto difficili da eliminare per il cervello e alla fine causano la morte dei neuroni. Il rame che si vincola all'Aβ può inoltre generare radicali liberi, che causano danni ossidativi. Quando le placche amiloidi sequestrano zinco e rame, impedendo a questi metalli di svolgere le loro normali funzioni nel cervello, non è chiaro se la conseguente diminuzione nel gruppo di metalli biodisponibile sia abbastanza alta da causare un qualche effetto negativo. Tuttavia, si è osservata dyshomeostasis metallica in un modello murino di AD. Avere come obiettivo l'interazione tra Aβ e metalli, pertanto, sembra essere un meccanismo di intervento terapeutico che potrebbero sia normalizzare l'omeostasi del metallo che ridurre i livelli di oligomeri tossici di Aβ nel cervello.

L'ipotesi "metallo" nell'Alzheimer. Rame e zinco possono legarsi all'Aβ, promuovendo l'oligomerizzazione dell'Aβ, la formazione di fibrille, e stress ossidativo. (Image courtesy of Rudolph Tanzi)

L'ipotesi "metallo" nell'Alzheimer. Rame e zinco possono legarsi all'Aβ, promuovendo l'oligomerizzazione dell'Aβ, la formazione di fibrille, e stress ossidativo. (Image courtesy of Rudolph Tanzi)

Studi preclinici del PBT2 nell'Alzheimer

Robert A. Cherny del Florey Institute of Neuroscience and Mental Health ha presentato i risultati preclinici del PBT2, che punta all'interazione tra Aβ e metalli. Il PBT2 è un composto che si lega a rame e zinco con un'affinità intermedia; questo è essenziale per la sua funzione, in quanto ha un'affinità sufficiente per rimuovere il rame e lo zinco dagli oligomeri Aβ ma non può competere con le proteine fisiologiche che legano metalli. Quando il PBT2 si lega al metallo, subisce un cambiamento conformazionale che consente al complesso di attraversare la membrana plasmatica; quindi, il PBT2 trasporta il metallo dalle fibrille amiloidi e lo consegna ai neuroni. I risultati sono di due tipi: senza metallo, le fibrille amiloidi si dissolvono in monomeri che possono essere eliminati dal cervello attraverso processi normali e il metallo si rende disponibile a svolgere le sue normali funzioni, in modo da ripristinare l'omeostasi del metallo.

Il meccanismo di azione del PBT2 nell'Alzheimer. Il PBT2 rimuove zinco e rame dall'Aβ e lo consegna ai neuroni. Questo dissolve le fibrille di Aβ in monomeri, che possono poi essere rimosse dal cervello, e si ripristina l'omeostasi del metallo. Questi processi promuovono diversi effetti neuroprotettivi. (Image courtesy of Robert Cherny)

Il meccanismo di azione del PBT2 nell'Alzheimer. Il PBT2 rimuove zinco e rame dall'Aβ e lo consegna ai neuroni. Questo dissolve le fibrille di Aβ in monomeri, che possono poi essere rimosse dal cervello, e si ripristina l'omeostasi del metallo. Questi processi promuovono diversi effetti neuroprotettivi. (Image courtesy of Robert Cherny)

Cherny ha presentato alcuni promettenti risultati degli studi preclinici di PBT2 in un modello di topo transgenico di Alzheimer. Coerentemente con le sue proprietà di legare metalli, il PBT2 ha ridotto i livelli di placche Aβ solubili e insolubili. I topi trattati con PBT2 hanno anche mostrato un miglioramento della funzione cognitiva. In un test di memoria spaziale, i topi non trattati non sono stati in grado di trovare una piattaforma sommersa in una pozza d'acqua, mentre i topi trattati con PBT2 l'hanno fatto come i topi sani trovando la piattaforma abbastanza facilmente. Il trattamento PBT2 ha anche aumentato la sinaptofisina nel cervello, suggerendo che il farmaco promuove il rimodellamento neuronale. Sono inoltre aumentati numerosi marcatori coinvolti nella memoria e nella plasticità neuronale, compresa la proteina chinasi II (CAMKII) dipendente da calcio/calmodulina, il recettore N-metil-D-aspartato (NMDAR) 1 e 2a, e il chinasi B correlato alla tirosina (TrkB). Il trattamento PBT2 in topi selvaggi non ha comportato nessuna delle variazioni della funzione cognitiva o dei biomarcatori osservati nei topi transgenici, suggerendo che il PBT2 agisce su una malformazione specifica connessa all'AD.

 

Studi clinici di PBT2 nella malattia di Alzheimer

Tanzi ha presentato i dati di uno studio clinico di fase IIa di 12 settimane del PBT2 in 78 pazienti con AD lieve. I risultati rispecchiano gli studi sui tipi. I pazienti trattati con PBT2 avevano significativamente meno Aβ nel fluido cerebro-spinale e miglioramenti significativi nella funzione esecutiva (capacità cognitive come ragionamento, adattabilità, auto-monitoraggio e multitasking). La funzione esecutiva è spesso usata per valutare se i pazienti sono in grado di prendersi cura di se stessi o devono entrare in una casa di cura.

I risultati di uno studio di fase IIa del PBT2 nei pazienti con Alzheimer lieve. Il trattamento con PBT2 ha indotto riduzioni significative dell'Aβ (a sinistra) ed miglioramento della funzione esecutiva (a destra) rispetto al placebo. (Image courtesy of Rudolph Tanzi)

I risultati di uno studio di fase IIa del PBT2 nei pazienti con Alzheimer lieve. Il trattamento con PBT2 ha indotto riduzioni significative dell'Aβ (a sinistra) ed miglioramento della funzione esecutiva (a destra) rispetto al placebo. (Image courtesy of Rudolph Tanzi)

In precedenti studi di AD, il trattamento ha semplicemente rallentato il declino cognitivo; quindi, un miglioramento della funzione esecutiva è abbastanza unico. Tuttavia, molti studi valutano l'effetto dei farmaci sulla memoria, non la funzione esecutiva. Come ha sottolineato Tanzi, la perdita della funzione esecutiva, annunciata da sintomi come depressione, apatia, e cambiamenti di personalità, si verifica prima della perdita di memoria; nel momento che i pazienti evidenziano perdita di memoria potrebbe essere troppo tardi per modificare il corso della malattia. Pertanto, gli studi clinici possono avere più successo se i pazienti vengono trattati prima di vedere perdita di memoria, facendo della funzione esecutiva un punto di controllo clinico per valutare l'efficacia dei farmaci.

Un secondo studio di fase II è in corso per monitorare l'effetto del PBT2 sulle placche amiloidi e sulla cognizione. I risultati sono attesi nella seconda metà del 2013.

 

I metalli di transizione nell'Huntington

(vedi testo originale in Inglese)

 

Puntare i metalli nel Parkinson

(vedi testo originale in Inglese)

Il lievito come modello delle malattie neurodegenerative

Relatore: Daniel Tardiff, Whitehead Institute per la ricerca biomedica

Lievito come modello di malattie neurodegenerative

Come è possibile modellare le neurodegenerazioni nel lievito? A prima vista, il lievito può sembrare una replica scadente del cervello umano. Tuttavia, come ha spiegato Daniel Tardiff del Whitehead Institute for Biomedical Research, diversi attributi di lievito ne fanno un modello utile per schemi di farmaci innovativi.

Molti processi cellulari importanti sono conservati tra il lievito e l'uomo. In termini pratici è facile lavorare con il lievito. Cresce bene in laboratorio ed è poco costoso da mantenere. Inoltre, il genoma del lievito è molto ben conosciuto ed è suscettibile di molte tecniche di genetica; i geni possono essere facilmente eliminati o sovraespressi, e sono facilmente accessibili altre analisi, come la proteomica e lipidomica. Eseguire selezioni di farmaci nel lievito può spesso escludere farmaci che sono gravemente tossici per le cellule viventi, e pure selezionare composti che sono in grado di attraversare la membrana plasmatica, caratteristiche che non possono essere testate nei saggi in vitro. Dopo essere stati identificato nei modelli del lievito, i potenziali farmaci possono essere convalidati in modelli neuronali di ordine superiore, come il C.elegans e la Drosophila melanogaster, e in modelli di colture cellulari neuronali.

Tardiff utilizza modelli di lievito di malattie neurodegenerative per capire meglio come l'aggregazione di proteine porta alla tossicità cellulare. Ha descritto diversi modelli, tutti che esprimono una proteina coinvolta in una particolare malattia: TDP-43 (sclerosi laterale amiotrofica [SLA]), α-sinucleina (PD), huntingtina (HD), e Aβ (AD). L'espressione di queste proteine è tossica per il lievito. Tardiff ha selezionato una biblioteca di oltre 100.000 potenziali farmaci per trovare composti che sono in grado di assicurare la sopravvivenza del lievito. Alcuni dei risultati per i farmaci più forti in questa selezione sono analoghi della 8-idrossichinolina, con la stessa struttura di base del PBT2. Nonostante questa struttura di base comune, il composto ha attività distinte; mentre uno può essere attivo in modelli di lievito di SLA, HD, e PD, un'altro può essere attivo solo nella SLA.

Tardiff ha dato ulteriori dettagli su un possibile farmaco, identificato nel lievito che esprime Aβ. La tossicità di Aβ nel lievito risulta da un accumulo di oligomeri tra la membrana plasmatica e la parete cellulare. L'espressione di Aβ causa un difetto nell'endocitosi, anche se non è chiaro se questo difetto sia specifico del lievito o se imiti ogni aspetto della patologia AD nell'uomo.

Tardiff ha identificato una molecola che lega il metallo, nota come clioquinolo, che elimina la tossicità dell'Aβ nel lievito e nel C.elegans. Coerentemente con le proprietà di associazione al metallo del clioquinolo, aggiungendo rame al lievito si è abolita la possibilità del clioquinolo di eliminare la tossicità dell'Aβ. È interessante notare che gli effetti di ferro e zinco erano meno diretti: il ferro attenua l'effetto del cliochinolo, mentre lo zinco non ha avuto effetti. Tardiff ha scoperto che diversi geni coinvolti nel trasporto del ferro e del rame sono sovraregolati dal clioquinolo. Il profilo genetico del lievito esposto a cliochinolo era simile alla risposta alla carenza di rame/ferro.

Nel lievito che esprime Aβ, il clioquinolo inverte molti degli eventi cellulari associati all'Alzheimer precoce: destabilizza le fibrille Aβ, ripristina l'endocitosi, e altera l'omeostasi del metallo. (Image courtesy of Daniel Tardiff)

Nel lievito che esprime Aβ, il clioquinolo inverte molti degli eventi cellulari associati all'Alzheimer precoce: destabilizza le fibrille Aβ, ripristina l'endocitosi, e altera l'omeostasi del metallo. (Image courtesy of Daniel Tardiff)

Oltre ad allungare la sopravvivenza, il cliochinolo diminuisce anche il livello di Aβ nel lievito, presumibilmente asportando metallo dagli oligomeri Aβ e consentendo di degradare i monomeri. Il clioquinolo elimina anche il difetto dell'endocitosi osservato nel lievito che esprime Aβ e influenza l'omeostasi di rame/ferro, anche se il meccanismo di questi effetti non è chiaro.

 

Tavola rotonda

Moderatore: George Zavoico, MLV


Chi è arrivato prima ...

La tavola rotonda ha approfondito ulteriormente i due meccanismi attraverso i quali i farmaci, come il PTB2, sembrano funzionare nelle malattie neurodegenerative: normalizzando la dyshomeostasis del metallo e eliminado gli oligomeri della proteina. Quale di questi è il meccanismo principale è ancora in discussione. Molto resta ancora da capire sugli effetti della dyshomeostasis del metallo in AD e se ha un ruolo nella patologia. Tuttavia, è chiaro che le fibrille amiloidi hanno un effetto negativo sulla cognizione. I relatori hanno riconosciuto che l'aggregazione amiloide e la dyshomeostasis del metallo si può sviluppare in modo diverso a seconda della causa dell'AD. I pazienti con un rischio genetico per AD sono predisposti all'aggregazione amiloide e possono sviluppare la dyshomeostasis del metallo come evento secondario a causa dell'invecchiamento. Nell'AD ad insorgenza sporadica, tuttavia, la dyshomeostasis del metallo e l'aggregazione dell'amiloide possono svilupparsi contemporaneamente nel corso del tempo.

Ionoforo vs chelante

Diversi membri del pubblico hanno espresso il timore che agenti come il PBT2 potrebbero rimuovere i metalli dal corpo e causare sindromi da deficit di metallo come l'anemia. I relatori hanno chiaramente specificato che il PBT2 non è un chelante del metallo, un tipo di composto che si lega irreversibilmente e rimuove i metalli dal corpo, ma uno ionoforo, un tipo di composto che fornisce i metalli alle cellule. Anche se sono necessari risultati a lungo termine per comprendere appieno il profilo di sicurezza dei composti come il PBT2, le analisi pre-cliniche e cliniche non suggeriscono rimozione dei metalli.

Poiché il PBT2 ha una affinità di legare metalli intermedia, è in grado di rimuovere i metalli dagli aggregati di proteine e consegnarli ai neuroni. Questo meccanismo non dovrebbe eliminare le concentrazioni di metalli nel corpo, ma sono necessari dati di lungo termine per la sicurezza. (Image courtesy of Rudolph Tanzi)

Poiché il PBT2 ha una affinità di legare metalli intermedia, è in grado di rimuovere i metalli dagli aggregati di proteine e consegnarli ai neuroni. Questo meccanismo non dovrebbe eliminare le concentrazioni di metalli nel corpo, ma sono necessari dati di lungo termine per la sicurezza. (Image courtesy of Rudolph Tanzi)



Come può essere misurata la cognizione?

Lo studio di fase IIa del PBT2 ha valutato la cognizione misurando la funzione esecutiva. Al contrario, molti studi di fase III sull'AD usano strumenti, come l'Alzheimer's Disease Assessment Scale-Cognitive Subscale e il Clinical Dementia Rating Sum of Boxes, che misurano la memoria, l'orientamento, il linguaggio e le altre funzioni cognitive. Dal pubblico qualcuno ha chiesto se le metriche utilizzate negli studi di fase III dovrebbero invece monitorare i sintomi precoci. La funzione esecutiva e i biomarcatori di progressione della malattia possono essere candidati per diventare in futuro endpoint [punti di controllo] di fase III, ma questo devono essere validato e approvato dalla FDA.

 

Domande rimaste aperte


Il ruolo dei metalli nel morbo di Alzheimer

  • Il sequestro dei metalli da parte delle fibrille amiloidi contribuisce alla patogenesi della malattia?
  • Gli effetti degli ionofori metallici, come il PBT2, dipendono principalmente dal rilascio di metalli dall'Aβ o anche l'omeostasi del metallo ha un ruolo?
  • Quali sono i migliori endpoint per monitorare i cambiamenti cognitivi negli studi clinici?


Il ruolo dei metalli nell'Huntington

  • C'è qualche interazione tra l'oligomerizzazionedella huntingtina mediata dal rame e la regione poli-glutammina?
  • Il PBT2 ha un effetto diretto sul ferro nell'Huntington o i suoi effetti sono principalmente mediati dal legame del rame?
  • Gli studi clinici sul PBT2 potranno rafforzare i promettenti risultati visti nelle analisi precliniche?


Il ruolo dei metalli nel morbo di Parkinson

  • Qual è il meccanismo che sta dietro la dyshomeostasis del metallo nel Parkinson?
  • Gli agenti che legano i metalli, come il PBT434, si dimostreranno sicuri ed efficaci negli studi clinici del Parkinson?

 

 

 

 

***********************
Cosa pensi di questo articolo? Ti è stato utile? Hai rilievi, riserve, integrazioni? Conosci casi o ti è successo qualcosa che lo conferma? o lo smentisce? Puoi usare il modulo dei commenti qui sotto per dire la tua opinione. Che è importante e unica.

 

***********************
Pubblicato da Jennifer Cable in NewYork Academy of Sciences il 17 Gennaio 2013 - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:



Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Acetil-L-carnitina può aiutare la memoria, anche insieme a Vinpocetina e Hupe…

27.03.2020

Demenza grave, neuropatie (nervi dolorosi), disturbi dell'umore, deficit di attenzione e...

Cosa accade nel cervello che invecchia

11.03.2020

Il deterioramento del cervello si insinua sulla maggior parte di noi. Il primo indizio p...

L'Alzheimer è in realtà un disturbo del sonno? Cosa sappiamo del legame tra …

28.02.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) è una forma di demenza che insorge quando c'è un accumulo d...

Il girovita può predire il rischio di demenza?

6.11.2019

Il primo studio di coorte su larga scala di questo tipo ha esaminato il legame tra il girovita in...

Pressione bassa potrebbe essere uno dei colpevoli della demenza

2.10.2019

Invecchiando, le persone spesso hanno un declino della funzione cerebrale e spesso si pr...

Ricetta per una vita felice: ingredienti ordinari possono creare lo straordina…

9.09.2019

Se potessi porre ad ogni essere umano sulla Terra una domanda - qual è la ricetta per u...

I dieci psicobiotici di cui hai bisogno per un cervello felice

9.09.2019

Psicobiotici? Cosa sono gli psicobiotici?? Bene, cosa penseresti se io dicessi che la tu...

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...