Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Dimenticare un nome o una parola significa che ho la demenza?

3dementia0818

Il numero di casi di demenza negli Stati Uniti è in aumento con l'invecchiamento dei baby boomer, sollevando dubbi nei boomers stessi e anche nelle loro famiglie, nei caregiver e nella società. La demenza, che non è tecnicamente una malattia, ma un termine che indica la compromissione della capacità di pensare, ricordare o prendere decisioni, è uno dei disturbi più temuti della vecchiaia.


L'incidenza aumenta drasticamente quando le persone passano i 90 anni: circa il 5% delle persone da 71 a 79 anni ha la demenza, e circa il 37% degli over-90 vivono con essa.


Le persone anziane possono preoccuparsi per la propria perdita di funzione, così come del costo e dell'onere del caregiving per una persona con demenza. Uno studio del 2018 ha stimato che il costo dell'intera vita dell'assistenza di una persona con il morbo di Alzheimer (MA), la forma più comune di demenza, è di 329.360 dollari (€ 276.000 circa). Tale cifra non farà che crescere, senza dubbio, mettendo ancora più oneri a carico della famiglia e della sanità pubblica.


Negli ultimi mesi ci sono stati diversi discorsi e rapporti sulla demenza, a causa delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti. Alcuni elettori si sono chiesti se uno o entrambi i candidati possono avere la demenza. Ma questa è la domanda giusta da fare? Quando si pongono questi tipi di domande, si aggiunge ulteriore stigma alle persone con demenza, col pericolo di isolare ulteriormente e ingiustamente loro e quelli che li assistono. Dobbiamo capire la demenza e l'impatto che ha su più di 5 milioni di americani che ora vivono con demenza e i loro caregiver. Questo numero è destinato a triplicare entro il 2060.


Primo, è importante sapere che la demenza non può essere diagnosticata da lontano o da qualcuno che non è medico. Una persona ha bisogno di un esame dettagliato di un medico per la diagnosi. A volte, è necessaria la scansione cerebrale. E, dimenticare qualche parola occasionalmente, o dove hai messo le chiavi, non significa che tu abbia la demenza. Ci sono diversi tipi di perdita di memoria e possono avere diverse cause, come altre condizioni mediche, cadute o anche i farmaci, compresi i prodotti di erboristeria, integratori e gli altri prodotti da banco.


Le persone anziane si chiedono e si preoccupano dei momenti di defaillance e della perdita di memoria che percepiscono in se stessi e negli altri. Vedo pazienti come questi ogni settimana nella mia clinica geriatrica, dove mi raccontano le loro storie. Dimenticano una parola, si perdono in una storia, perdono le chiavi o non ricordano un nome. I dettagli variano, ma la preoccupazione alla base è la stessa: questa è demenza?

 

Perdita normale di memoria

Con l'avanzare dell'età, sperimentiamo molti cambiamenti fisici e cognitivi. Le persone anziane hanno spesso un calo del richiamo dei ricordi. È normale. Hai mai avuto problemi a recuperare un fatto dalla parte posteriore profonda del tuo 'Rolodex mentale'? Supponiamo che al supermercato vedi qualcuno che non vedevi da anni. Forse riconosci il volto, ma non ricordi il nome fino a tardi quella notte. Questo è normale, fa parte dei cambiamenti previsti con l'età.


Quello che è più che un potenziale problema è dimenticare il nome di qualcuno che vedi tutti i giorni; dimenticare come raggiungere un luogo dove vai di frequente; o avere problemi con le attività della vita quotidiana, come mangiare, vestirsi e l'igiene personale.


Quando si hanno problemi con la memoria, ma non interferiscono con le attività quotidiane, questo è chiamato lieve decadimento cognitivo. Il medico di assistenza primaria può diagnosticarlo. Ma a volte peggiora, per cui il medico dovrebbe seguirti da vicino se hai un lieve decadimento cognitivo.


Dovresti annotare la tempistica di eventuali deterioramenti. C'è stato un declino graduale? O è accaduto tutto ad un tratto? Anche questo dovresti discutere con il medico, che potrebbe consigliare il MoCA (Montreal Cognitive Assessment), che individua i problemi di memoria e aiuta a determinare se è necessario una valutazione ulteriore.


Inoltre, i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie elencano i problemi in questi settori come possibili segni di demenza:

  • memoria,
  • attenzione,
  • comunicazione,
  • ragionamento, giudizio e soluzione dei problemi,
  • percezione visiva al di là dei cambiamenti tipici nella visione legati all'età.

 

Problemi più gravi

Quando la perdita di memoria interferisce con le attività quotidiane, consulta il medico su cosa fare e come fare in modo di essere al sicuro in casa.


Ci sono numerosi tipi di perdita grave di memoria. La demenza tende ad essere una progressione lenta che avviene nel corso di mesi o anni. Il delirium è più improvviso e può insorgere nel giro di ore o giorni, di solito quando c'è una malattia acuta. La depressione può causare anche cambiamenti di memoria, soprattutto quando si invecchia.

 

Demenza e altri problemi cerebrali

La demenza di Alzheimer è il tipo più comune di demenza, seguita dalla demenza vascolare. Queste malattie hanno sintomi simili: confusione, perdersi, dimenticare amici intimi o familiari, o l'incapacità di fare calcoli come far quadrare il libretto degli assegni. Alcune condizioni mediche (disturbi della tiroide, sifilide) possono portare a sintomi di demenza, e tipi meno comuni di demenza possono avere tipi diversi di sintomi. L'Alzheimer ha una serie distinta di sintomi spesso associati a determinati cambiamenti nel cervello.


Concentrarsi sulla sicurezza e su una supervisione adeguata, soprattutto in casa, è fondamentale per tutte le persone con demenza. Il medico o un assistente sociale possono aiutare a trovare supporto. È anche importante essere a conoscenza di altre due cose che possono portare a un calo del funzionamento mentale: delirium e depressione.


Il delirium, un cambiamento rapido nella cognizione o nel funzionamento mentale, può insorgere nelle persone con una malattia acuta, come la polmonite o anche con l'infezione da COVID-19. Il delirium può verificarsi nei pazienti in ospedale o in casa. Il rischio di delirium aumenta con l'età o con lesioni cerebrali precedenti; i sintomi includono calo di attenzione e problemi di memoria.


La depressione può accadere in qualsiasi momento, ma è più comune con l'invecchiamento. Come puoi sapere se sei depresso? Ecco una semplice definizione: quando il tuo umore rimane basso e perdi interesse o gioia per le attività che una volta gradivi.


A volte le persone hanno episodi ricorrenti di depressione; a volte, il lutto prolungato diventa depressione. I sintomi includono ansia, disperazione, basso consumo energetico e problemi di memoria. Se noti segni di depressione in te stesso o in una persona cara, consulta il medico. Se hai pensieri di farti del male, chiama il 118 per ottenere un aiuto immediato.


Tutte queste condizioni possono essere spaventose. Ma ancora più spaventosa è la demenza non riconosciuta o non accettata. È necessario discutere apertamente e sinceramente i cambiamenti che noti nella tua memoria o nel pensiero con il tuo medico. È il primo passo per capire che cosa sta accadendo e per mettere al sicuro la tua salute al meglio.


E, come con qualsiasi malattia o gruppo di malattie, la demenza non è un 'difetto di carattere', e il termine non dovrebbe essere usato per criticare una persona. La demenza è una diagnosi medica seria, chiedilo a chi ce l'ha, a quelli che si prendono cura di loro o a chiunque di noi che li tratta. Avere la demenza è impegnativo. Scopri cosa puoi fare per sostenere le persone con demenza nella tua comunità.

 

 

 


Fonte: Laurie Archbald-Pannone, professoressa associata di medicina e geriatria all'Università della Virginia

Pubblicato su The Conversation (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.