Associazione Alzheimer ONLUS logo

Esperienze e opinioni

Psicologia e filosofia della memoria ... e 10 modi per migliorarla

Archmaester Ebrose and Samwell Tarly games of throneArchmaester Ebrose e Samwell Tarly in Games of Thrones

In Game of Thrones, Archmaester Ebrose dice a Samwell:

Nella Cittadella, conduciamo vite diverse per diversi motivi. Siamo la memoria di questo mondo, Samwell Tarly. Senza di noi, gli uomini sarebbero poco più che cani. Non ricordano alcun pasto, se non l'ultimo, non possono vedere nel futuro se non a quello prossimo. E ogni volta che esci da casa e chiudi la porta, ululano come se te ne fossi andato per sempre.


Più tardi, durante un consiglio di guerra, Bran rivela che il Re della Notte lo insegue perché è il Corvo a Tre Occhi che incarna la memoria collettiva dell'umanità: "Una notte senza fine. Lui vuole cancellare questo mondo. E io sono la sua memoria". "Questa è la morte, non credi?", risponde Samwell, "Dimenticare, essere dimenticati. La gente dimentica dove siamo stati e cosa abbiamo fatto, non siamo più uomini, solo animali ...".


La memoria fa riferimento al sistema, o ai sistemi, attraverso i quali la mente registra, archivia e recupera le informazioni con lo scopo di ottimizzare le azioni future. La memoria può essere suddivisa in memoria a breve e a lungo termine, e quella a lungo termine ulteriormente suddivisa in memoria episodica e semantica.


La memoria episodica registra esperienze sensoriali, mentre quella semantica registra fatti e concetti astratti. La distinzione tra memoria episodica e semantica è già implicita in un certo numero di linguaggi in cui il verbo 'conoscere' ha due forme, per esempio in francese, connaître e savoir, dove connaître implica un tipo diretto e privilegiato di conoscenza acquisita attraverso l'esperienza dei sensi.


Esiste, naturalmente, una stretta connessione tra memoria e conoscenza. La dicotomia connaître e savoir è pertinente anche alla teoria della conoscenza, che distingue tra conoscenza di prima mano e conoscenza testimoniale, che è quella acquisita attraverso la parola degli altri, spesso insegnanti, giornalisti e scrittori. In assenza di conoscenza di prima mano, l'accuratezza di una testimonianza può essere verificata solo rispetto ad altre fonti di testimonianza. Allo stesso modo, la precisione della maggior parte dei ricordi può essere verificata solo rispetto ad altri ricordi. Per la maggior parte se non tutti i ricordi, non esiste uno standard indipendente.


La memoria episodica e quella semantica sono considerate esplicite o 'dichiarative', ma esiste anche un terzo tipo di memoria, la procedurale, che è implicita o inconscia, per abilità come leggere, tagliare verdure e andare in bicicletta. Anche se ritenute esplicite, le memorie episodica e semantica possono influenzare l'azione senza alcun bisogno di recupero consapevole, ed è, naturalmente, l'obiettivo di pratiche come la pubblicità e il lavaggio del cervello.


In effetti, è probabilmente giusto dire che la maggior parte delle nostre memorie giace al di là del recupero consapevole, e quindi quella memoria opera principalmente a livello inconscio. "L'istruzione", ha detto BF Skinner, "è ciò che sopravvive quando ciò che è stato appreso è stato dimenticato".


Un tipo misterioso di memoria, o ancora più misterioso, è la memoria prospettica: 'ricordare di ricordare'. Per inviare a mia madre un biglietto d'auguri, non solo devo ricordare il suo compleanno, ma anche ricordarmi di ricordarlo. Ogni volta che ometto di impostare la sveglia, mi ritrovo a svegliarmi appena in tempo per il primo appuntamento, anche quando ho dormito solo tre o quattro ore. Ciò suggerisce che, anche nel sonno, la mente è in grado di ricordare di ricordare, mentre continua a tenere traccia del passare del tempo.


La memoria è codificata in diverse aree del cervello, il che significa che un danno o una malattia cerebrale possono influenzare un tipo di memoria più di altri. Ad esempio, la sindrome di Korsakov, che deriva dalla grave carenza di tiamina e dal conseguente danno ai corpi mammillari e al nucleo dorsomediale del talamo, incide sulla memoria episodica più della memoria semantica, e sulla memoria anterograda (nuovi ricordi) più della memoria retrograda (magazzino di vecchi ricordi), mentre risparmia la memoria a breve termine e quella procedurale. Il morbo di Alzheimer (MA), d'altra parte, influisce sulla memoria a breve termine più della memoria a lungo termine, almeno nelle fasi iniziali.


Come psichiatra, mi viene spesso chiesto di valutare persone con MA avanzato e altre forme di demenza, e sono fin troppo consapevole dell'importanza della memoria nella nostra vita quotidiana. Senza alcun ricordo, sarebbe impossibile parlare, leggere, imparare, trovare la propria strada, prendere decisioni, identificare o usare oggetti, cucinare, lavare, vestire, o sviluppare e mantenere relazioni.


Vivere senza memoria è vivere in un presente perenne, senza passato e senza futuro, passando attraverso gli stessi pensieri, le stesse domande, le stesse paure, ancora e ancora e ancora. Senza memoria, sarebbe impossibile costruire su qualsiasi cosa o impegnarsi in qualsiasi forma di attività sostenuta dall'obiettivo.


Nel mito greco, la dea della memoria, Mnemosine, è giaciuta con Zeus per nove notti consecutive, generando quindi le nove Muse. Senza memoria, non ci sarebbe né arte né scienza, né artigianato né cultura, e gli uomini, nelle parole di Archmaester Ebrose, "sarebbero poco più che cani".


E nemmeno significato. La nostalgia, il sentimentalismo per il passato, è spesso provocata da sentimenti di solitudine, sconnessione o mancanza di significato. Rivisitare il passato può darci contesto, prospettiva e direzione così necessari, ricordandoci e rassicurandoci che la nostra vita non è così banale come potrebbe sembrare, che è radicata in una narrazione, e che ci sono stati - e ci saranno ancora una volta - momenti e ricordi sgradevoli. A giudicare dal costo e dalla logistica del matrimonio e dalle fotografie del matrimonio, siamo pronti a fare di tutto per produrre momenti e ricordi significativi.


Ma le persone con una grave perdita di memoria non possono più rivisitare il passato e possono invece ricorrere alla confabulazione (la creazione di ricordi) per creare il significato e l'identità che bramano. Una volta ho visitato una casa di cura nel sud dell'Inghilterra per valutare una donna di 85 anni con MA avanzato. Insisteva che eravamo in un hotel a Marbella: stava pianificando il suo matrimonio e non aveva il tempo di parlare con me. Quando le chiesi: "Che cosa hai fatto ieri?", lei rispose con un luccichio negli occhi, "sono stata in città per il mio addio al nubilato e i miei amici mi hanno riempito di champagne e cocktail fantasiosi da star male".


La ricerca del significato è profondamente radicata nella natura umana, tanto che, quando pressato a definire l'uomo, Platone ha risposto semplicemente, "un essere in cerca di significato".


Si potrebbe sostenere che, come la confabulazione, la nostalgia è una forma di autoinganno, in quanto implica distorsione e idealizzazione del passato. I romani avevano un'etichetta per il fenomeno che gli psicologi hanno chiamato 'retrospezione rosea': memoria praeteritorum bonorum (il passato è sempre ben ricordato). E la memoria è inaffidabile anche in altri modi.


"Ognuno di noi" disse John Barth, "è necessariamente l'eroe della sua storia personale". Noi curiamo i nostri ricordi consolidando quelli che confermano o si conformano alla nostra idea del sé, mentre scartiamo o distorciamo qualli che sono in conflitto con essa. È molto probabile che ricordiamo eventi di importanza esistenziale, come il nostro primo bacio o il primo giorno di scuola e, naturalmente, aiuta ripetere spesso quei ricordi.


Anche allora, ricordiamo solo una o due scene, e solo gli elementi principali, e riempiamo gli spazi vuoti e lo sfondo con memorie ricostruite o 'medie'. Il déjà-vu, la sensazione che una situazione attuale sia già stata sperimentata, potrebbe derivare da una corrispondenza ravvicinata tra la situazione in atto e un ricordo medio di quel tipo di situazione. I nostri ricordi sono filtrati e distorti dai nostri interessi ed emozioni. Due sostenitori di due partiti politici o squadre di calcio opposti registreranno e ricorderanno cose molto diverse e probabilmente non saranno d'accordo sui 'fatti'.


In generale, è più probabile che si ricordino eventi emotivamente carichi, e si è riscontrato che le iniezioni di cortisolo o di epinefrina (adrenalina) possono migliorare i tassi di ritenzione. Ma se una situazione è altamente stressante, la memoria può essere compromessa quando le risorse cognitive vengono dirottate verso il trattamento della situazione, ad esempio per scappare dall'assassino piuttosto che registrare i suoi vestiti o le sue caratteristiche facciali. Inoltre, qualsiasi attenzione prestata al bandito è probabile che si concentri sulla pistola stessa, portando a una specie di cecità periferica.


Ciò, ovviamente, ha implicazioni importanti anche per l'accuratezza delle testimonianze oculari, che potrebbero essere distorte dall'uso di questioni principali o caricate. Nel famoso studio Reconstruction of Automobile Destruction (sic), Loftus e Palmer hanno chiesto alle persone di stimare la velocità dei veicoli a motore al loro punto di impatto e hanno scoperto che il verbo usato nella domanda ('fracassato', 'colliso', 'urtato', 'colpito' o 'contattato') alterava le percezioni della velocità. Inoltre, quelli a cui era stata fatta la domanda con 'fracassato' sono stati successivamente più propensi a riferire di aver visto vetri rotti.


Dopo un evento traumatico, per far fronte a uno stress insopportabile, una persona potrebbe arrivare al punto di dissociarsi dall'evento, ad esempio, perdendo tutta il ricordo dell'evento (amnesia dissociativa) o persino, come ha fatto notoriamente Agatha Christie, assumendo un'altra identità e partendo per un viaggio improvviso e inaspettato (fuga dissociativa). Un'emozione così intensa migliora la memoria, ma lo stress e il trauma la ostacolano.


Si ritiene generalmente che, tra tutti i sensi, sia l'olfatto che fa scattare i ricordi più vividi. Il bulbo olfattivo ha collegamenti diretti con l'amigdala e l'ippocampo, che sono pesantemente coinvolti nella memoria e nelle emozioni. Queste tre strutture - il bulbo olfattivo, l'amigdala e l'ippocampo - fanno parte del sistema limbico, un anello di corteccia filogeneticamente primitivo, 'paleomammaliano', che è la sede della memoria, dell'emozione e della motivazione.


In un famoso passaggio ora definito 'momento madeleine', Marcel Proust descrive la misteriosa capacità di certi odori di riconquistare l'«essenza del passato»:

Appena il liquido tiepido mescolato con le briciole mi ha toccato il palato, un brivido mi ha attraversato e mi sono fermato, fisso sulla straordinaria cosa che mi stava succedendo. Un piacere squisito aveva invaso i miei sensi, qualcosa di isolato, staccato, senza alcuna indicazione della sua origine.

E nello stesso tempo le vicissitudini della vita erano diventate indifferenti per me, i suoi disastri innocui, la sua brevità illusoria - questa nuova sensazione aveva avuto su di me l'effetto che ha l'amore di riempirmi di una preziosa essenza; o piuttosto questa essenza non era in me, ero io. ... Da dove veniva? Cosa significava? Come ero riuscito ad afferrarlo e catturarlo? ... E improvvisamente il ricordo si è rivelato.

Il sapore era quello del piccolo pezzo di madeleine che mi dava mia zia Léonie la domenica mattina a Combray (perché in quelle mattine non uscivo prima della messa), quando andavo a salutarla nella sua camera da letto,  immergendolo prima nella sua tazza di tè o tisana. La vista della piccola madeleine non mi aveva richiamato nulla alla mente prima di assaggiarlo. E tutto, dalla mia tazza di tè.


Per prendere due piccioni con una fava, ecco 10 modi che migliorano la tua memoria e fanno luce sul suo funzionamento:

  1. Dormi molto. Se leggi un libro o un articolo quando sei molto stanco, dimenticherai la maggior parte di ciò che hai letto. Il sonno migliora l'attenzione e la concentrazione, e quindi la registrazione delle informazioni. E il sonno è richiesto anche per il consolidamento della memoria.
  2. Presta attenzione. Non puoi apprendere informazioni a meno che tu non stia prestando attenzione e non puoi memorizzare le informazioni a meno che tu non stia partecipando. Aiuta essere realmente interessato al materiale, quindi cerca di sviluppare interesse per tutto! Come disse Einstein, "Ci sono solo due modi per vivere la vita. Uno è come se nulla fosse un miracolo. L'altro è come se tutto fosse un miracolo".
  3. Coinvolgi quanti più sensi puoi. Ad esempio, se sei seduto in una conferenza, prendi alcuni appunti. Se stai leggendo un capitolo o un articolo, leggilo ad alta voce per te stesso e inietta del dramma nella tua recitazione.
  4. Struttura le informazioni. Se hai bisogno di ricordare un elenco di ingredienti, pensa a questi sotto i sottotitoli di antipasto, piatto principale e dessert e visualizza il numero di ingredienti in ogni sottotitolo. Se hai bisogno di ricordare un numero di telefono, pensalo in termini delle prime cinque cifre, delle tre cifre centrali e delle ultime tre cifre, o qualsiasi altra cosa funzioni meglio.
  5. Elabora le informazioni. Se possibile, riassumi il materiale con parole tue. Oppure riorganizzalo in modo che sia più facile da imparare. Con materiale più complesso, cerca di capirne il significato e l'importanza. Gli attori shakespeariani trovano molto più facile ricordare le loro battute se riescono a comprenderle e a sentirle. Se necessario, concentrati sulle cose importanti o sul quadro più ampio. Non caricarti di meschinità e banalità come fanno tante persone. Nelle parole di Oscar Wilde, "Uno dovrebbe assorbire il colore della vita, ma non dovrebbe mai ricordare i suoi dettagli. I dettagli sono sempre volgari".
  6. Collega le informazioni con ciò che già sai. Le nuove informazioni sono molto più facili da ricordare se possono essere contestualizzate. Uno studio recente che ha esaminato il ruolo dei processi di alto livello ha scoperto che la conoscenza degli scacchi predice la memoria degli scacchi (memoria della disposizione di un particolare gioco) anche dopo aver controllato l'esperienza degli scacchi.
  7. Usa i mnemonici. Legare informazioni a immagini visive, frasi e acronimi. Ad esempio, potresti ricordare che il tuo parrucchiere si chiama Sharon immaginando una rosa di Sharon o un frutto Sharon. Oppure potresti ricordare i colori dell'arcobaleno e il loro ordine con la frase ‘Richard Of York Gave Battle In Vain’. Molti medici ricordano i sintomi delle vene varicose con l'acronimo 'AEIOU': Aching, Eczema, Itching, Oedema, and Ulceration = dolorante, eczema, prurito, edema e ulcerazione (ndt: servono alternative in italiano).
  8. Provare e riprovare. Dormi sulle informazioni e rivedile il giorno seguente. Quindi esaminale a intervalli crescenti finché non ti senti a tuo agio con esse. I ricordi svaniscono se non vengono riconfermati, o sono ricoperti da altri ricordi e non sono più accessibili.
  9. Sii consapevole del contesto. È più facile recuperare un ricordo se ti trovi in ​​una situazione simile, o in uno stato mentale simile, a quello in cui si è formato. Le persone con umore basso tendono a ricordare le loro perdite e fallimenti mentre trascurano i loro punti di forza e risultati. Se un giorno passi davanti al formaggiaio in strada, non puoi riconoscerlo immediatamente, senza il suo solito grembiule e la sua varietà di formaggi, anche se lo conosci per qualche altro motivo. Se ti stai preparando per un esame, prova a ricreare le condizioni dell'esame: ad esempio, siediti a una scrivania simile, a un'ora del giorno simile, e usa inchiostro su carta.
  10. Sii creativo. Esperienze, fatti e associazioni bizzarri o inusuali sono più facili da ricordare. Poiché le esperienze non familiari rimangano nella mente, viaggi e vacanze danno l'impressione di 'vivere' e, per estensione, di aver vissuto più a lungo. La nostra vita è lunga o breve come il nostro ricordare: ricca come la nostra immaginazione, vibrante come il nostro sentimento e profonda come il nostro pensiero.

 

 

 


Fonte: Neel Burton MD (psichiatra, filosofo e scrittore) in Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Referenze:

  • Loftus EF & Palmer JC (1974). Reconstruction of automobile destruction: An example of the interaction between language and memory. Journal of Verbal Learning and Verbal Behavior 13(5):585-589.
  • Lane DM & Chang YA (2018). Chess knowledge predicts chess memory even after controlling for chess experience: Evidence for the role of high-level processes. Memory & Cognition 46(3):337-348.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Ricetta per una vita felice: ingredienti ordinari possono creare lo straordina…

9.09.2019

Se potessi porre ad ogni essere umano sulla Terra una domanda - qual è la ricetta per u...

I dieci psicobiotici di cui hai bisogno per un cervello felice

9.09.2019

Psicobiotici? Cosa sono gli psicobiotici?? Bene, cosa penseresti se io dicessi che la tu...

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...