Iscriviti alla newsletter

Il microscopico 'toxoplasma gondii' ha un ruolo nell'Alzheimer?

Il microscopico 'toxoplasma gondii' ha un ruolo nell'Alzheimer?Il parassita T. gondii mentre si divide (Fonte: Wikipedia) Da bambina, invece di essere divertita da principesse e unicorni, ero una grande fan di qualsiasi film o serie che mostrava strane creature, come Visitors o Aliens, i film horror SciFi.


Ben presto mi sono resa conto che, sfortunatamente, gli alieni non esistono (per quanto ne sappiamo), ma ho imparato che non avevo bisogno di andare nello spazio per trovare creature ugualmente affascinanti (e mortali).


Questi organismi hanno dimostrato di essere egoisti, non fanno alcun bene a chi dà loro riparo e alcuni di essi mostrano un notevole gusto per il nostro sistema nervoso. Sono i parassiti.


Esiste una lunga lista di parassiti che possono potenzialmente accamparsi nel nostro cervello e/o nel midollo spinale, causando danni considerevoli, se non trattati. Alcuni di questi sono considerati dai CDC (Centers for Disease Control) responsabili di "Infezioni parassitarie trascurate" negli Stati Uniti, che hanno effetti noti sul sistema nervoso umano.


Il toxoplasma gondii (T. gondii) è uno di quei parassiti. Secondo i CDC, 60 milioni di persone, solo negli Stati Uniti, potrebbero essere infettate da questo parassita. Una persona con un sistema immunitario sano potrebbe non notare l'infezione, ma le pazienti in gravidanza o gli immunodepressi devono prestare particolare attenzione poiché gli effetti del T. gondii possono essere molto gravi.

 

Il manipolatore

Il T. gondii, è un parassita intracellulare responsabile della toxoplasmosi. Questo parassita è in grado di manipolare il comportamento dell'ospitante.


Ad esempio, i topi di norma sono respinti dall'urina del gatto, un meccanismo biologico di difesa; tuttavia, i ratti infettati da T. gondii sembrano diventare suicidi e sono invece attratti dal profumo delle urine di gatto. Questo fa vagare i topi infetti nel territorio di un gatto, mettendosi a rischio di essere divorati dal loro predatore. Questa manipolazione del comportamento del topo, un ospitante intermedio, è una strategia del T. gondii per arrivare al suo ospitante definitivo, il gatto. È lì, dentro il gatto, che il T. gondii può completare il suo ciclo vitale.


Ma come fa il T. gondii a operare questo tipo di manipolazione? Apparentemente, questo parassita microscopico produce una proteina che sintetizza il precursore della dopamina, aumentando così i livelli di questo neurotrasmettitore nel cervello e compromettendo i circuiti normali che terrebbero il ratto lontano dai gatti.


Il T. gondii è stato legato ai cambiamenti di personalità negli esseri umani, dal momento che alcuni studi mostrano che le persone infette diventano più estroverse, fino all'incoscienza; sembrano anche essere coinvolte in più incidenti stradali. Tuttavia, i modi in cui il T. gondii influenza i loro ospitanti sembrano dipendere dalla durata dell'infezione (più a lungo i parassiti vivono nel suo ospitante umano, più gravi sono i cambiamenti di personalità) e dal sesso dell'ospitante (donne e uomini mostrano cambiamenti di personalità quasi opposti se infetti dal parassita).


L'infezione da T. gondii è stata correlata alla schizofrenia, una malattia neurologica con molteplici fattori concomitanti: genetici, ambientali e infettivi. Sebbene siano state fatte molte ricerche, non è ancora chiaro se il T. gondii aumenta il ​​rischio di soffrire di schizofrenia, o se i pazienti schizofrenici siano più predisposti ad essere infettati dal T. gondii. Ad ogni modo, è molto probabile che il T. gondii non sia l'unica chiave per risolvere i meccanismi alla base della schizofrenia.


Tuttavia, la teoria secondo cui il T. gondii può manipolare il comportamento umano sembra essere controversa, poiché alcuni studi hanno messo in dubbio che questo parassita sia in grado di influenzare gli umani, come fa nei roditori.


Uno studio molto recente ha anche dimostrato che il T. gondii può indurre due segni distintivi dell'Alzheimer nei roditori: iperfosforilazione della proteina Tau e accumulo della proteina amiloide-beta. Questo potenzialmente predispone l'ospite a soffrire di questa malattia.

Anche questi risultati sono controversi, poiché molti altri gruppi di ricerca non hanno trovato alcuna correlazione tra l'infezione e una maggiore incidenza di Alzheimer.

 

Non tutto riguarda il comportamento

Il T. gondii infetta gli esseri umani che mangiano qualsiasi cosa contaminata dalle uova di T. gondii, o che semplicemente entrano in contatto con le feci di roditori o gatti che sono infetti. Non rappresenta una minaccia per le persone con un sistema immunitario sano, oltre ai sopra citati possibili effetti sul comportamento. Tuttavia, possono essere catastrofiche le conseguenze dell'infezione da T. gondii nei pazienti immunodepressi (ad esempio chi soffre di AIDS o è sottoposto a chemioterapia) o in gravidanza.


Dopo essere entrato nel corpo dell'ospitante (la fase acuta dell'infezione), se il tuo sistema immunitario è a punto, il parassita viene rapidamente eradicato. Se il parassita raggiunge il sistema nervoso centrale prima che possa essere distrutto, forma dei cisti nei neuroni.


Se l'ospitante è immunosoppresso, il suo sistema immunitario non è in grado di distruggere il parassita e la rottura della cisti causerà la riattivazione dell'infezione e il conseguente danno tissutale. Può causare microcefalia, un collasso del cervello dovuto alla perdita di liquido cerebrospinale, atrofia corticale (disfunzione dello strato esterno del cervello) e calcificazione amorfa (depositi di calcio nel cervello, che formano "calcoli cerebrali").


L'infezione in una donna incinta potrebbe finire con l'aborto, il parto morto o prematuro. Se si infetta il bambino, l'elenco delle condizioni passa da microcefalia a difetti respiratori, renali e dell'udito, oltre a molti altri che potrebbero interessare il cuore, il sistema nervoso, la pelle, gli occhi e persino il sangue.


In conclusione, cambiamenti comportamentali o meno, l'infezione da T. gondii può essere seria, quindi meglio essere a posto la prossima volta che cambi la lettiera del gatto.


Fonte: Elena Blanco-Suarez PhD, dottorato in biochimica, lavora nel campo delle neuroscienze dal 2010; collabora a diversi progetti di comunicazione ed educazione scientifica.

Pubblicato su Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:

  1. Pathology of CNS parasitic infections. Pittella JE. Handb Clin Neurol. 2013;114:65-88. doi: 10.1016/B978-0-444-53490-3.00005-4. Review.
  2. Fatal attraction in Toxoplasma-infected rats: a case of parasite manipulation of its mammalian host. Berdoy, M., Webster, J. P. and Macdonald, D. W. (2000). Proc. R. Soc. B 267, 1591-1594.
  3. The neurotropic parasite Toxoplasma gondii increases dopamine metabolism. Prandovszky E1, Gaskell E, Martin H, Dubey JP, Webster JP, McConkey GA. PLoS One. 2011;6(9):e23866. doi: 10.1371/journal.pone.0023866. Epub 2011 Sep 21.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.