Iscriviti alla newsletter

Il cibo è importante per evitare o ritardare demenza e Alzheimer



LizApplegate NutritionistLiz Applegate, professore di nutrizione alla University of California di DavisMetti giù quella forchetta. Allontanati dal tavolo del buffet.


L'esperta di nutrizione Liz Applegate della UC Davis vuole farci pensare due volte a quello con cui ci abbuffiamo. Non solo per perdere peso, ma per proteggere il nostro cervello.


"Il cibo per la mente esiste e conta davvero", ha detto la Applegate, scrittrice, professoressa e direttrice della nutrizione sportiva alla UC Davis. Lei è a favore della dieta MIND, una combinazione di due diete studiate a lungo che hanno dimostrato di ridurre il rischio di malattie cardiache e diabete di tipo 2.


Abbiamo parlato con lei di recente circa i cosiddetti "cibi per la mente", il loro impatto sui ventenni e sui figli del baby boom, perché è difficile seguire una dieta sana, così come i suoi cibi preferiti per la colazione. Ecco alcuni estratti:

 

D. Ci sono davvero "cibi per la mente" che aiutano a evitare l'Alzheimer o la demenza?

R. La dieta ha assolutamente un ruolo. Il cervello è come qualsiasi altro organo che è sensibile agli alimenti in grado di proteggere dai danni dell'ossidazione. ... Pensiamo all'ossidazione come a un principio d'incendio. Questi cibi buoni sono come piccoli estintori che aiutano a spegnere quel fuoco che altrimenti causerebbe un danno che porta alla perdita delle funzioni cerebrali. ...

Per me, la ricerca è molto convincente. Se si segue la dieta MIND (vedi box) c'è un rischio di Alzheimer del 53 per cento più basso. E' una dieta che fornisce una serie di composti antiossidanti (come le bacche) e di grassi omega-3 (dal pesce) e invita ad evitare alcuni alimenti che possono accelerare il declino cognitivo, come i fritti. I cibi fritti sembrano accelerare il danno ossidativo e promuovere l'infiammazione.

 

D. La dieta MIND prevede molte verdure a foglia verde, ortaggi, noci e frutti di bosco, ma limita carne rossa, burro, formaggio, dolci e cibi fritti. Come riduce il rischio di Alzheimer?

R. Sappiamo che le persone con Alzheimer e demenza hanno caratteristiche molto simili a quelle con diabete di tipo 2. Infatti, alcuni ricercatori vogliono chiamare l'Alzheimer 'diabete Tipo 3'. Anno dopo anno, se il tuo corpo diventa resistente all'insulina, questi alti livelli di zucchero nel sangue causano danni ai rivestimenti dei vasi sanguigni e li rendono più inclini alla formazione di amiloide appiccicosa, o placca, che vediamo nel cervello o nelle malattie cardiache. ...

Gli studi indicano quali alimenti specifici mostrano la migliore correlazione con la diminuzione del rischio di demenza. ... Non stiamo dicendo alle persone di fare alcunché di stravagante. Seguire questa dieta è un approccio molto conservativo. Ma l'evidenza è molto convincente. Questo modo di mangiare può rallentare il declino cognitivo inevitabile dell'invecchiamento. ... Non sappiamo come guarire l'Alzheimer. L'unica cosa che possiamo fare è modificare i rischi.

Cos'è la dieta MIND?

E' essenzialmente la combinazione di due piani alimentari salutari: la dieta mediterranea (molte verdure, carne magra e olio d'oliva) e la dieta DASH (simile con meno sale per prevenire l'ipertensione). La MIND, acronimo di Mediterranean-DASH Intervention for Neurodegenerative Delay (Intervento Mediterraneo-DASH per il ritardo neurodegenerativo), è basata su una ricerca che dimostra che può ridurre drasticamente il rischio di Alzheimer.

Origini: Per anni, le diete Mediterranea e DASH hanno dimostrato di ridurre il rischio di malattie croniche, come il diabete e le malattie cardiache. La dieta MIND, sviluppata nel 2015 da ricercatori della Rush University di Chicago, va oltre e identifica 10 categorie di alimenti, 5 buone e 5 cattive, che sembrano influenzare il declino cognitivo. In uno studio di quattro anni su 960 anziani, quelli che hanno seguito rigorosamente la dieta MIND hanno visto abbassare il loro rischio di Alzheimer fino al 53%. Anche coloro che l'hanno seguita solo "moderatamente bene" hanno tagliato il loro rischio del 35%.

In gennaio 2016, U.S. News & World Report hanno classificato la dieta MIND numero 1 per facilità da seguire e numero 2 come "migliore nel complesso" sulle 38 diete più conosciute.

Cibi buoni: insalata a foglia, altre verdure colorate, noci, frutti di bosco, legumi, cereali integrali, pesce, pollame, olio d'oliva e un bicchiere di vino al giorno.

Cibi cattivi: carne rossa, burro/margarina, formaggi, pasticceria/dolci, fritti/fast food.

Consigliato: Tre porzioni al giorno di cereali integrali (come farro o riso integrale); una porzione giornaliera (cruda o cotta) di insalata a foglia verde scuro (spinaci, broccoli, cavoli, kale, bok choy, ecc.) e di un altro ortaggio colorato; pesce (120-160g) almeno una volta alla settimana; pollame, almeno due volte a settimana; 1/2 tazza di bacche (fresche o congelate) almeno due volte alla settimana; fagioli o legumi ogni secondo giorno. Limitare la carne rossa e i dolci a meno di 5 porzioni alla settimana. Snack quotidiano con almeno 30g di noci. Non più di 1 cucchiaio al giorno di margarina o burro (usare l'olio d'oliva al suo posto). Limitare formaggio e cibi fritti a meno di una porzione alla settimana. Un bicchiere da 150g di vino rosso o succo d'uva nera non zuccherato. (Nota: Tutte le porzioni sono da 30g).

 

D. Questo vale sia per i ventenni che per i baby boomer che invecchiano?

R. Penso che le persone di tutte le età possono mangiare in modo più sano per scongiurare il declino cognitivo.

Le persone in qualsiasi fascia di età magari stanno assumendo zuccheri altamente raffinati oppure pochi frutti di bosco. O poco pesce. ... Magari la cena è fast food o un antipasto preparato ad alto contenuto di grassi, basso contenuto di fibre e non una singola verdura a foglia verde.

Vedo molto questo genere di cose, in tutte le età. ... Non è mai troppo tardi per cambiare. Speriamo che le persone tra i 20 e i 30 anni lo capiscano e ne prendano atto. Chiedi a te stesso: con quale qualità di vita vorrei invecchiare? ... Questo sarebbe un grande proponimento per il nuovo anno: voglio prendermi cura del mio cervello.

 

D. Dolci, formaggi: come vivere senza?

R. Se le persone mangiano solo alcune porzioni alla settimana di dolci, va bene. Ma incontro persone che mangiano dolci ogni giorno.

Una persona che mangia focaccine tostate con sciroppo sopra, a colazione, con caffè e un uovo. Questo è povero di fibre, nessun frutto. Il pranzo potrebbe essere un panino e biscotti. Più tardi un tè freddo zuccherato. Una bevanda alcolica o due cocktail alla sera. ...

Non voglio essere ossessionata dallo zucchero, ma basta essere consapevoli di ciò che si sta mangiando. ... Per il formaggio, è un punto dolente. Non sembra far bene al cervello. I grassi saturi tendono ad essere più infiammatori. I formaggi duri vanno meglio dei morbidi. ... Ma restare all'erta. Abbiamo ancora molto da imparare. Forse altre ricerche dimostreranno che più di 30g alla settimana di formaggio vanno bene.

 

D. Sei una nutrizionista; come sono le tue colazione e cena tipiche?

R. Sono contenta che me l'hai chiesto. Per colazione, di solito alterno cavolo, cipolla e due o tre uova strapazzate o muesli a basso contenuto di zucchero con noci e frutta secca, come mirtilli o uva passa. Una tazza di kefir (latte vegetale) e un frutto ... una banana, agrumi, un mandarino.

Per cena, di solito prendo una proteina magra o pesce alcune volte alla settimana, patate al forno, verdure come cavolfiore o cavolini di Bruxelles e una grande insalata verde: verdure a foglia verde, carote, cavolo rosso, ravanelli ... molti colori. Non prendo molti carboidrati raffinati, come il pane a lievitazione naturale, a pasto.

 

D. Rompere le cattive abitudini e passare a una dieta più sana non è sempre facile. Un suggerimento per il nuovo anno?

R. All'inizio dell'anno tutti esaltati giuriamo di seguire questa o quella dieta. Incoraggio la gente a fare solo un passo alla volta, piccoli passi. Scegliere una cosa su cui lavorare: voglio mangiare bacche due volte alla settimana. Fare un frullato di bacche il Martedì e il Venerdì o mettere bacche sulla farina d'avena. Un passo dopo l'altro per mangiare più sano.

 

 

 


Fonte: Claudia Buck in The Sacramento Bee (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.