Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Dobbiamo ottenere il massimo dalla ricerca di Alzheimer

Dobbiamo trarre il massimo dalla ricerca di Alzheimer

Abbiamo scritto di recente a proposito della sfida per i servizi clinici della demenza, se l'immunoterapia per l'Alzheimer dimostrerà di avere successo. E' importante programmare il futuro, ma c'è da fare qualche pensiero e qualche piano prima di arrivare lì.


Il focus della ricerca si è spostato in modo significativo dall'Alzheimer consolidato e moderatamente grave alle fasi molto iniziali della malattia e in alcuni casi, ai momenti quando i sintomi sono molto lievi o addirittura assenti. Questa fase è chiamata Alzheimer "prodromico" o "asintomatico".


Per dei tecnocrati come noi, ovviamente, la demenza è definita come una sindrome clinica e per definizione deve avere dei sintomi. Quindi non si potrebbe parlare di demenza pre-sintomatica (che comprenderebbe tutti coloro che non hanno la demenza, tipo il club di cui siamo membri, vale a dire le persone che non si sono mai aggiudicate il ​​premio Nobel per la medicina).


Poiché l'Alzheimer è ampiamente definito in termini di deposizione cerebrale di placche amiloidi e grovigli anomali di fibre nervose (dovute alla deposizione di proteine ​​tau), questi possono certamente esserci anche in assenza di sintomi.


In alcune situazioni, probabilmente meno dell'1% del totale, l'Alzheimer è trasmesso da un gene famigliare (APP e presenilina) per i quali è disponibile il test. Dal momento che queste rare mutazioni genetiche portano alla malattia con età di insorgenza coerente all'interno della famiglia, c'è una opportunità unica di studiare lo sviluppo iniziale dei cambiamenti nel cervello, come la deposizione di amiloide. Inoltre c'è la possibilità di intervenire prima che si sviluppino i sintomi.


Ci sono due esempi principali di questo approccio. Lo studio Alzheimer’s Prevention Initiative, che si svolge a Medellin in Colombia, coinvolge circa 300 partecipanti provenienti da famiglie locali che possono essere ricondotte ad un discendente comune che aveva una rara mutazione genetica. Il secondo è lo studio DIAN TU, che sta cercando di determinare la sicurezza, la tollerabilità e l'efficacia di due terapie potenzialmente modificanti la malattia in individui portatori di una della mutazione genetiche che causano l'Alzheimer ereditato in modo dominante. Ci sono individui del Regno Unito che stanno partecipando allo studio DIAN TU al centro UCL.


E' probabile che i trattamenti modificanti la malattia saranno basati sulla loro capacità di contrastare la deposizione di amiloide nel cervello. L'amiloide viene rilevato con una tomografia ad emissione di positroni, che attualmente costa circa 1.400 £ (ndt: circa 1.640 €). Ci sono tre traccianti disponibili che utilizzano il fluoro 18 per legare le proteine, approvati dalla Food and Drug Administration nel 2012, 2013 e 2014: florbetapir (Amyvid della Eli Lilly), flutemetamol (Vizamyl della GE Healthcare) e florbetaben (Neuraceq della Piramal Imaging).


L'amiloide può essere rilevato prima che ci siano tutti i sintomi e si stanno sviluppando degli studi su persone che hanno scansioni amiloidi positive, ma non sintomi. Lo studio A4 è il primo esperimento progettato per prevenire la perdita di memoria, identificando le persone che hanno i primi cambiamenti dell'Alzheimer, ma sono asintomatici. La tau può essere rilevata con tecniche simili, ma la tecnologia è meno avanzata.


Contemporaneamente a tutta questa eccitazione nella demenza, è stato fondato nel NHS il progetto «100.000 genome». Facilitato da 13 centri medici genomici in tutta l'Inghilterra, ha obiettivi che includono l'aumento di scoperte di varianti patogene che portano a nuovi trattamenti, dispositivi e diagnostici, e l'avanzamento della pratica genomica del NHS.


Le opportunità per l'Alzheimer sono significative per identificare le persone potenzialmente a rischio, chiarire i meccanismi patologici, forse aiutare a predire chi può rispondere al trattamento, permettendoci di mirare gli interventi.


Quali sono le implicazioni per noi?

  1. Primo, abbiamo bisogno di una visione collettiva e condivisa sui diversi modi di indagare le persone nelle fasi iniziali dell'Alzheimer. Chi dovrebbe avere una scansione dell'amiloide e quando? Qui è fondamentale più lavoro, e lavoro più collaborativo tra le discipline cliniche coinvolte nelle valutazioni della memoria.
  2. Secondo, se e quando uno degli anticorpi monoclonali dimostrerà di avere effetto nel rallentare la progressione dell'Alzheimer, allora sarà uno degli eventi più significativi nella storia della demenza e dobbiamo essere pronti per questo. Per evitare sorprese dobbiamo preparare il terreno, lavorando con i colleghi di tutto il sistema e basarci sul lavoro svolto da organizzazioni come Alzheimer’s Research UK e Alzheimer’s Society. Siamo consapevoli che ci sono protocolli simili sviluppati per il funzionamento dell'anticorpo monoclonale in condizioni come l'artrite reumatoide.
  3. Terzo, dobbiamo sfruttare la potenza della genomica e in particolare il progetto «100.000 genome» per la demenza in generale, e per l'Alzheimer in particolare.


Il campo della demenza è sulla soglia del cambiamento che andrà a beneficio di persone con questa condizione, delle loro famiglie e dei caregiver. Tutti noi abbiamo la responsabilità di sfruttare al meglio le opportunità.

 

 

 


Scritto da:

  • Alistair Burns, professore di Psichiatria Geriatrica e Vice Preside della Facoltà di Medicina e Scienze Umane all'Università di Manchester. Direttore dell'International Journal of Geriatric Psychiatry e membro del comitato editoriale del British Journal of Psychiatry and International Psychogeriatrics. La sua ricerca e gli interessi clinici sono nei problemi di salute mentale degli anziani, in particolare la demenza e l'Alzheimer. Ha pubblicato oltre 300 articoli e 25 libri.
  • Professore Martin Rossor, che si è addestrato in Neurologia all'Ospedale Nazionale, Queen Square e si è impegnato nella ricerca sulla neurochimica della demenza degenerativa alla MRC Neurochemical Pharmacology Unit di Cambridge. E' direttore nazionale della ricerca nella demenza per NIHR, Direttore della NIHR Queen Square Dementia Biomedical Research Unit e Investigatore Senior di NIHR.


Pubblicato in NHS England (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.