Associazione Alzheimer ONLUS logo

Ricerche

Demenza e ricerca: non è solo una questione di neuroni

Giovanna Lalli'Accettare l'Alzheimer' di Hokyoung Kim

La demenza è la più grande sfida del mondo in termini di costi sociali e sanitari. In Gran Bretagna, sono previsti 1 milione di casi nel 2020 ad un costo di 26 miliardi di sterline (28,2 miliardi di Euro); entro il 2040 i costi dovrebbero raggiungere £ 55 miliardi. A livello globale, 50 milioni di persone sono colpite da una demenza e questo numero aumenterà a 152 milioni entro il 2050.


Ma, al di là delle statistiche, quasi tutti conoscono una persona che soffre di demenza. L'UK Dementia Research Institute mira a unire ricercatori, medici e scienziati nella battaglia contro questa gamma di condizioni ancora poco comprese. L'UK Dementia Research Institute (UK DRI), fondato per lavorare sul futuro della cura e della ricerca della demenza, si è impegnato a guidare uno sviluppo significativo per capire l'area enormemente complessa delle malattie neurodegenerative.


La direttrice delle questioni scientifiche di UK DRI, la dott.ssa Giovanna Lalli, spiega di più cosa motiva lei e i suoi colleghi nella lotta continua per capire perché nasce la demenza, e per sviluppare misure terapeutiche e preventive.

 

Puoi dirci di più sul tuo viaggio all'UK DRI oggi?

Sono una biologa delle cellule neuronali per formazione. Mi sono addestrata in Italia, negli Stati Uniti e poi a Londra, dove ho ottenuto il dottorato di ricerca e ho continuato come postdottorato. Ho ottenuto la docenza al King's College di Londra, dove stavo studiando le cellule staminali neuronali nel cervello dei mammiferi. Poi mi sono trasferita al Wellcome Trust dove ho supervisionato il portafoglio della neuroscienza molecolare e cellulare. Ci sono stata tre anni, anche come capo ad interim della neuroscienza e della salute mentale per dieci mesi, ed è stata un'esperienza di apprendimento incredibile. Dal lavoro in laboratorio per studiare i miei percorsi di segnalazione preferiti, improvvisamente mi sono trovata di fronte l'intero portafoglio di progetti di ricerca sulle neuroscienze. Ho dovuto adottare una prospettiva più ampia e ‘allargarmi’ molto oltre la mia zona immediata di competenza.

 

Ci puoi spiegare la visione dell'UK DRI e come stai lavorando per realizzare questa visione?

La nostra missione è condurre ricerca multidisciplinare, non solo nel morbo di Alzheimer (MA), ma nello spettro delle malattie neurodegenerative che causano la demenza. Vogliamo guidare un cambiamento radicale nel modo in cui capiamo queste malattie; per accelerare la scoperta e la fornitura di interventi per diagnosticare, trattare ed infine prevenire la demenza.

Di recente abbiamo anche aperto un nuovo centro di ricerca sull'assistenza e la tecnologia per poter avere un impatto ancora più veloce su pazienti con demenza. Stiamo prendendo slancio e il fatto che siamo in grado di attrarre giovani talenti da tutto il mondo è entusiasmante; abbiamo bisogno di pensiero fresco e nuove prospettive per affrontare questo problema.

I nostri finanziatori fondatori sono il Medical Research Council e le due maggiori no-profit della GB, Alzheimer’s Research UK e Alzheimer’s Society, che insieme hanno fatto un investimento totale di £ 290 per i primi cinque anni. Stiamo riunendo una massa critica di ricercatori eccellenti che possono catalizzare e coinvolgere il resto della ricerca sulla demenza nel Regno Unito e portare collaborazioni con il settore biofarmaceutico.

 

Stai dicendo che la collaborazione è fondamentale per andare avanti?

La collaborazione è essenziale e noi lo vediamo chiaramente all'interno dell'UK DRI, perché abbiamo sette centri in sei istituzioni, tre a Londra, e altri a Cardiff, Cambridge ed Edimburgo. Promuoviamo fortemente la collaborazione all'interno e tra i centri, ma siamo consapevoli che UK DRI non può essere una comunità chiusa; dobbiamo basarci sulla forza della ricerca e della scienza già presente nel Regno Unito e costruire ponti attraverso i confini.

 

Puoi dirci di più sulla nuova partnership tra UK DRI e Eisai?

Abbiamo recentemente completato una partnership con Eisai, con la quale stiamo lanciando un programma cofinanziato post-dottorato per identificare nuovi biomarcatori o meccanismi biologici che possono portare a obiettivi di sviluppo terapeutico. Questa partnership offre un messaggio molto importante in questo campo, soprattutto nel momento in cui molte aziende si stanno tirando fuori dalla ricerca sulla neurodegenerazione dopo il fallimento di grandi studi clinici. Abbiamo bisogno di nuovo coinvolgimento con l'industria, e questo è solo la prima delle nostre collaborazioni.

 

Fino a che punto la ricerca di base, o di laboratorio, e la ricerca clinica, che lavora con pazienti e dati, si traducono in risultati medici?

È importante avere la libertà di fare ‘blue sky research’ (ricerca aperta, senza chiari obiettivi, ricerca di base) per far avanzare la conoscenza, ma è fondamentale avere un impatto reale sulla salute umana. Ci concentriamo su meccanismi fondamentali alla base della neurodegenerazione, ma abbiamo anche ricerca clinica in corso, e vogliamo promuovere le interazioni tra i flussi di base e clinici. Un risultato positivo per noi, non è solo fare pubblicazioni molto citate, ma anche il lavoro che può portare a nuovi approcci nelle terapie, perché questo è ciò che vogliamo ottenere: modi per diagnosticare presto e forse prevenire, e anche trattare, la demenza.

 

Dove credi che vada la ricerca sulla demenza, e credi che gli obiettivi stiano cambiando?

Abbiamo nuovi metodi e tecnologie per studiare come interagiscono i tipi diversi di cellule nel cervello, come la microscopia ad alta risoluzione, il sequenziamento a cella singola, la neuroscansione di avanguardia, e le sonde speciali in grado di registrare l'attività di centinaia di neuroni contemporaneamente. Sfruttando la potenza di tutte queste tecniche, insieme alle informazioni degli studi genetici sui pazienti, possiamo capire meglio non solo come funziona il cervello, ma anche come si sviluppa la demenza.

Gli studi genetici indicano un ruolo importante della microglia, le cellule immunitarie del cervello coinvolte nella risposta alle placche amiloidi che sono una caratteristica tipica del MA. Le microglia possono essere protettive, ma alcuni studi puntano chiaramente a queste cellule come coinvolte in modo cruciale nel MA. Il cervello comprende neuroni e altri tipi di cellule, come gli astrociti, le microglia, le cellule endoteliali, e nuove direzioni di ricerca sulla neurodegenerazione stanno studiando la comunicazione tra questi tipi diversi di cellule. Genetica, immunobiologia, biologia vascolare: mettere insieme tutto questo ci fa capire meglio cosa accade nella neurodegenerazione; non è solo una questione di neuroni!

 

La ricerca sulla demenza ha benefici per altre condizioni degenerative, come la sclerosi multipla?

È molto importante non pensare in silo; stiamo indagando diversi tipi di demenza, che sono caratterizzati da stati infiammatori, da errato ripiegamento o da aggregazione di proteine ​​tossiche. Questi principi e fenomeni si trovano anche in altre condizioni degenerative. Possiamo imparare molto; comprendendo come stanno funzionando male questi processi, possiamo anche capire meglio altri tipi di condizioni.

 

Il DRI sta aiutando l'avvio di quelle conversazioni tra i diversi ricercatori?

I nostri scienziati di base sono desiderosi di saperne di più sulle manifestazioni cliniche di diversi tipi di demenza. Abbiamo scienziati clinici distribuiti in tutta la rete, molti di loro sono inseriti nei laboratori di ricerca di base, quindi ci stiamo chiedendo, "Come possiamo promuovere queste interazioni, e come possiamo sfruttare al meglio le competenze disponibili?"

Ci dovrebbe essere più dialogo tra i medici (le persone che vedono realmente i pazienti e analizzano i loro sintomi) e i ricercatori di base, che a volte sono confinati nei propri laboratori, studiando le proprie proteine. Una visione più ampia di come differiscono i pazienti e i loro sintomi può fornire indizi importanti sui meccanismi fondamentali di queste malattie. Siamo ancora abbastanza indietro nel nostro sviluppo visto che abbiamo iniziato solo nel 2017, ma vogliamo impegnarci di più con i sistemi della rete sanitaria, quindi stiamo tentando ora di raggiungere i NIHR [la Rete di Ricerca Clinica] per cercare i modi di collaborare meglio e usare i dati medico-paziente. Inoltre, abbiamo creato un gruppo di pazienti coinvolti, così che i nostri ricercatori possano raccogliere riscontri di prima mano.

 

Puoi dirci di più sul nuovo centro UK DRI all'Imperial College e sulle tecnologie per creare 'case sane' amichevoli con la demenza?

Il Care Research & Technology Centre di UK DRI è stato aperto nel mese di giugno presso l'Imperial College di Londra (ICL). Sta creando tecnologie per monitorare misure chiave correlate alla demenza, come i disturbi del sonno, l'infezione, la diagnosi in casa; filoni di ricerca che richiedono dati sostanziali del paziente.

Il centro è guidato dal prof. David Sharp dell'ICL in collaborazione con i colleghi della University of Surrey. Essi ottimizzano una serie di tecnologie in un ambiente domestico modello per studiare il modo in cui la demenza progredisce a casa. Il punto è mantenere realmente il paziente a casa, invece di mandarlo in ospedale. Svilupperanno anche un sistema AI [intelligenza artificiale] di sicurezza che permetterà di migliorare l'autonomia sanitaria prevedendo gli eventi clinici e svilupperanno dispositivi robotici in grado di monitorare e gestire l'ambiente per migliorare la sicurezza del paziente e la qualità della vita, in modo che il team clinico possa formulare un piano di assistenza sanitaria altamente personalizzato.

 

Collabori con i ricercatori d'oltreoceano?

La maggior parte dei nostri ricercatori hanno già collaborazioni con ricercatori di tutto il mondo. La Brexit potrebbe avere un effetto importante sul modo in cui la GB è in grado di attrarre ricercatori provenienti da tutta l'UE e se i nostri ricercatori saranno in grado di accedere a finanziamenti dell'UE, come quelli del Consiglio Europeo della Ricerca; non è ancora chiaro.

Mi auguro che possano essere adottate misure per continuare a consentire la collaborazione efficace e il finanziamento attraverso le frontiere con l'UE, permettendo il movimento dei ricercatori e l'accesso ai finanziamenti, altrimenti questo potrebbe avere effetti enormi sulla nostra ricerca e sulla ricerca del Regno Unito in generale.

Ho avuto interazioni con l'Alzheimer's Association e i National Institutes of Health negli Stati Uniti, che stanno cercando di spingere veramente la ricerca sulla demenza. Quando parliamo a pazienti che, a causa di mutazioni genetiche, svilupperanno la demenza precoce nella loro vita, essi dicono, "Non voglio che questo accada ai miei figli". Il contatto diretto con i pazienti apre sempre una prospettiva diversa e ci ricorda perché siamo qui e perché dobbiamo affrontare questa malattia devastante. In tutti i paesi e le popolazioni dobbiamo lavorare insieme per sconfiggere la demenza.

 

 

 


Fonte: The Good Men Project (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Smetti di chiederti se sei un bravo caregiver

3.07.2020

Amare e prendersi cura di qualcuno con demenza può essere difficile. Forse, è una dell...

Un singolo trattamento genera nuovi neuroni, elimina neurodegenerazione nei to…

1.07.2020

Xiang-Dong Fu PhD, non è mai stato così entusiasta di qualcosa in tutta la sua carrier...

Relazioni personali ricche migliorano il funzionamento del cervello

22.06.2020

Come interagiscono gli individui, come si percepiscono uno con l'altro, e i pensieri e i...

Identificata nuova forma di Alzheimer ad esordio molto precoce

16.06.2020

Ricercatori della Mayo Clinic hanno definito una forma di morbo di Alzheimer (MA) che co...

Scoperta importante sull'Alzheimer: neuroni che inducono rumore 'coprono' i ri…

11.06.2020

I neuroni che sono responsabili di nuove esperienze interferiscono con i segnali dei neu...

Falsi miti: perché le persone sono così pessimiste sulla vecchiaia?

4.06.2020

Non smettiamo di giocare perché invecchiamo, ma invecchiamo perché smettiamo di gi...

Microglia: ‘cellule immunitarie’ che proteggono il cervello dalle malattie…

28.05.2020

Sappiamo che il sistema immunitario del corpo è importante per tenere tutto sotto controllo e pe...

'Tau, disfunzione sinaptica e lesioni neuroassonali si associano di più con l…

26.05.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) comporta il deperimento caratteristico di alcune regioni del ...

Il nuovo collegamento tra Alzheimer e inquinamento dell'aria

13.05.2020

Il mio primo giorno a Città del Messico è stato duro. Lo smog era così fitto che, men...

Perché vivere in un mondo ‘incredibilmente tossico’ aumenta il rischio di…

6.05.2020

Sei preoccupato per la minaccia del morbo di Alzheimer (MA), e ti stai chiedendo che cos...

Sempre più giovani con Alzheimer e demenza: colpa delle tossine ambientali, m…

6.05.2020

È abbastanza straziante quando le persone anziane sviluppano condizioni di perdita di m...

5 tipi di ricerca, sottostudiati al momento, potrebbero darci trattamenti per …

27.04.2020

Nessun ostacolo fondamentale ci impedisce di sviluppare un trattamento efficace per il m...

'Scioccante': dopo un danno, i neuroni si auto-riparano ripartendo da zero

17.04.2020

Quando le cellule cerebrali adulte sono ferite, ritornano ad uno stato embrionale, secon...

Cosa rimane del sé dopo che la memoria se n'è andata?

7.04.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) è caratterizzato da una progressiva perdita di memoria. Nell...

Convalidare il sentimento aiuta meglio di criticare o sminuire

30.03.2020

Sostenere i tuoi amici e la famiglia può aiutarli a superare questi tempi di incertezza...

Acetil-L-carnitina può aiutare la memoria, anche insieme a Vinpocetina e Hupe…

27.03.2020

Demenza grave, neuropatie (nervi dolorosi), disturbi dell'umore, deficit di attenzione e...

Cosa accade nel cervello che invecchia

11.03.2020

Il deterioramento del cervello si insinua sulla maggior parte di noi. Il primo indizio p...

L'Alzheimer è in realtà un disturbo del sonno? Cosa sappiamo del legame tra …

28.02.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) è una forma di demenza che insorge quando c'è un accumulo d...

Il girovita può predire il rischio di demenza?

6.11.2019

Il primo studio di coorte su larga scala di questo tipo ha esaminato il legame tra il girovita in...

Pressione bassa potrebbe essere uno dei colpevoli della demenza

2.10.2019

Invecchiando, le persone spesso hanno un declino della funzione cerebrale e spesso si pr...

Ricetta per una vita felice: ingredienti ordinari possono creare lo straordina…

9.09.2019

Se potessi porre ad ogni essere umano sulla Terra una domanda - qual è la ricetta per u...

I dieci psicobiotici di cui hai bisogno per un cervello felice

9.09.2019

Psicobiotici? Cosa sono gli psicobiotici?? Bene, cosa penseresti se io dicessi che la tu...

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

Tutti gli articoli da non perdere