Iscriviti alla newsletter

Annunciata una svolta per la cura dell'Alzheimer in forma di integratore

Annunciata una svolta per la cura dell'Alzheimer in forma di integratore

Una nuova e rivoluzionaria ricerca di un team di Waterford (Irlanda) ha identificato una combinazione unica di nutrienti per rallentare la progressione del morbo di Alzheimer (MA).


Lo studio di 18 mesi, pubblicato nell'edizione di giugno del Journal of Alzheimer's Disease, ha esaminato l'effetto di composti nutrizionali (presenti in alimenti comuni come trota, broccoli e peperoni) sulle persone con la condizione e ha acquisito un risultato "statisticamente significativo".


Lo studio, guidato dal dott. Alan Howard, autorevole accademico dell'Università di Cambridge, che ha inventato l'innovativa 'Dieta Cambridge', ha lavorato con persone che avevano la diagnosi di MA da lieve ad avanzato. Condotto da esperti del Nutrition Research Centre Ireland (NRCI) del Waterford Institute of Technology, in collaborazione con l'University Hospital Waterford, inizialmente si era proposto di esaminare la risposta biochimica dei pazienti affetti da MA a due diverse combinazioni di integratori alimentari.


La prima formula conteneva i carotenoidi maculari Luteina, Meso-Zeaxantina e Zeaxantina e la seconda combinava i carotenoidi maculari più un olio di pesce specificamente progettato [luteina, meso-zeaxantina, e zeaxantina a 10, 10, 2mg al giorno rispettivamente, più 1g giornaliero di olio di pesce con 430mg acido docoesaenoico (DHA) e 90mg di acido eicopentanenoico (EPA)].


Tuttavia, i ricercatori hanno fatto inaspettatamente una scoperta cruciale. Hanno visto che i pazienti che ricevevano la formula contenente olio di pesce mantenevano le capacità cognitive e la qualità della vita - ben oltre quelli che assumevano solo carotenoidi maculari. Sulla base delle segnalazioni dei caregiver, i partecipanti allo studio sono stati identificati in modo schiacciante per i loro esiti positivi, compresi i benefici funzionali nella memoria, nella vista e nell'umore.


Il dott. Howard, fondatore e presidente della Fondazione Howard, ha dichiarato:

"Questo rappresenta uno dei più importanti progressi medici del secolo. Il MA è la più grande crisi di sanità pubblica che abbiamo di fronte e le aziende farmaceutiche finora sono cadute ad ogni ostacolo nel trovare una soluzione. Questo studio ci dà quella svolta, in un unico composto naturale di sostanze nutritive".


Il professor John Nolan, fondatore del NRCI, che ha guidato lo studio, spiega:

"Il nostro lavoro precedente ha confermato che i carotenoidi si trovano negli occhi e che l'arricchimento di questi nutrienti essenziali con supplementi nutrizionali può migliorare la funzione visiva. Tuttavia, la loro alta concentrazione nel cervello umano sano suggerisce un ruolo di questi nutrienti anche nella cognizione.

"Sappiamo da diversi ampi studi basati sulla popolazione che la nutrizione è un fattore chiave nello sviluppo del MA, ma i tentativi di identificare una combinazione esatta di nutrienti che possono avere un impatto positivo sulla salute del cervello sono falliti - fino ad ora.

"Questo lavoro identifica un modo unico per migliorare i nutrienti localizzati nel cervello. Dato che la nostra popolazione cresce e invecchia e, soprattutto, che viviamo in un periodo in cui il valore nutrizionale degli alimenti continua a diminuire, ritengo che questa sia una scoperta preziosa che metterà alla prova le percezioni mondiali sul ruolo dell'alimentazione sulla funzione cerebrale".


La professoressa Riona Mulcahy dell'Ospedale Universitario Waterford è stata la consulente medica della ricerca. Ha aggiunto:

"Il miglior consiglio medico aggiornato suggerisce che è possibile ridurre il rischio di MA attraverso un consumo moderato di alcol, non fumare, essere fisicamente e mentalmente attivi e seguire una dieta ben bilanciata. Questo studio dimostra che le carenze dietetiche sono la chiave. La scienza ora ci sta aiutando a capire esattamente di quali nutrienti ha bisogno il nostro cervello. È uno sviluppo molto interessante".


Il Dr Howard ha aggiunto:

"La prossima domanda cruciale è come le persone con MA, o a rischio della condizione, possono ottenere una quantità sufficiente di questi nutrienti da una dieta sana ed equilibrata, per proteggere il cervello. La risposta è che non possono, a causa della quantità necessaria per effettuare tale cambiamento e il declino del valore nutritivo del cibo prima ancora che raggiunga il piatto. Un integratore, che sappiamo essere sicuro, economico ed efficace, potrebbe cambiare la vita ai milioni di persone con questa malattia.

"Credo che questa ricerca spiani la strada alla prevenzione potenziale dell'AD. A causa della piccola scala di questo studio iniziale, abbiamo ora finanziato un progetto più ampio per confermare questi risultati. Ma sarebbe negligente per noi ignorare questi risultati fino al prossimo studio, che richiederà diversi anni".


Il dott. George Perry, redattore capo del Journal of Alzheimer's Disease ha aggiunto:

"Lo studio di Nolan sull'Alzheimer è il primo studio controllato sulla biodisponibilità e sul beneficio clinico della terapia antiossidante combinata e dell'olio di pesce. Questo studio mette in evidenza il potere della ricerca precedente sugli occhi di questo Centro per guidare gli studi sul cervello".


È attualmente in corso la ricerca estesa, chiamata 're-Mind', che tiene traccia dell'impatto di questa nuova formula nutrizionale su 120 pazienti con MD da lieve a moderato. Sulla base di questa formula, è stato sviluppato un prodotto da banco, chiamato MemoryHealth, ora disponibile anche su www.memoryhealth.com.

 

 

 


Fonte: Waterford Institute of Technology (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: John M.Nolan, Riona Mulcahy, Rebecca Power, Rachel Moran, Alan N. Howard. Nutritional Intervention to Prevent Alzheimer’s Disease: Potential Benefits of Xanthophyll Carotenoids and Omega-3 Fatty Acids Combined. Journal of Alzheimer's Disease, vol. 64, no. 2, pp. 367-378, Published 19 June 2018 DOI: 10.3233/JAD-180160

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.