Iscriviti alla newsletter

Ogni nostro singolo neurone può avere fino a mille mutazioni diverse

Ogni nostro singolo neurone può avere fino a mille mutazioni diverseA proposito di mutazioni genetiche ... Hugh Jackman nella serie X-Men.Ogni singolo neurone in un normale cervello adulto ha probabilmente più di mille mutazioni genetiche che non sono presenti nelle cellule che lo circondano, secondo una nuova ricerca di scienziati dello Howard Hughes Medical Institute (HHMI).


La maggior parte di queste mutazioni sembra sorgere mentre i geni sono in uso attivo, dopo che lo sviluppo del cervello è completo.


"Abbiamo scoperto che i geni che il cervello usa più di tutti sono i geni più fragili e con più probabilità di essere mutati", dice Christopher Walsh, ricercatore HHMI dell'Ospedale Pediatrico di Boston, che ha guidato la ricerca. Walsh, Peter Park, biologo computazionale della Harvard Medical School, ed i loro colleghi, hanno riferito i risultati il 2 ottobre 2015 sulla rivista Science.


Non è ancora chiaro come queste mutazioni naturali impattano la funzione di un cervello normale, o in che misura contribuiscono alle malattie. Ma tracciando la distribuzione delle mutazioni tra le cellule, Walsh e i suoi colleghi stanno già acquisendo nuove informazioni su come il cervello umano si sviluppa.


"Il genoma di ogni singolo neurone è come una testimonianza archeologica di quella cellula", spiega Walsh. "Possiamo leggere il suo lignaggio nel modello di mutazioni condivise. Ora sappiamo che se esaminassimo abbastanza cellule nel cervello, potremmo ricostruire l'intero modello di sviluppo del cervello umano".


Cellule di diverse forme, dimensioni e funzioni sono intimamente intrecciate all'interno del cervello, e gli scienziati si chiedono da secoli come si genera tale diversità. Gli scienziati sono inoltre interessati alla variabilità del genoma tra i neuroni a causa delle evidenze del laboratorio di Walsh e altri che le mutazioni che interessano solo una piccola frazione di cellule nel cervello possono causare gravi malattie neurologiche.


Fino a poco tempo fa, tuttavia, gli scienziati che volevano esplorare quella diversità sono stati ostacolati dalla quantità scarsa di DNA all'interno dei neuroni: anche se i ricercatori potessero isolare il materiale genetico di un singolo neurone, semplicemente non c'è abbastanza DNA per sequenziarlo, così che sono rimasti impossibili i confronti cellula-cellula.


Il team di Walsh ha intrapreso i suoi studi attuali grazie alla tecnologia degli ultimi anni per amplificare il genoma completo di cellule singole. Con l'abbondanza di DNA ora disponibile, gli scienziati hanno potuto sequenziare completamente il genoma di un singolo neurone e setacciarlo per trovare i siti dove il codice genetico di quella cellula diverge da quello delle altre.


Gli scienziati hanno isolato e sequenziato i genomi di 36 neuroni di cervelli sani donati da tre adulti dopo la morte. Per confronto, gli scienziati hanno sequenziato anche il DNA che hanno isolato dalle cellule del cuore di ogni individuo. Questo sforzo ha prodotto montagne di dati, e il gruppo di Walsh ha collaborato con Park e Semin Lee (borsista postdottorato del gruppo di Park) per dare un senso a tutto questo.


Essi hanno scoperto che il genoma di ogni neurone è unico. Ognuno ha più di 1.000 mutazioni puntiformi (che alterano una singola lettera del codice genetico), e solo poche mutazioni appaiono in più di una cellula. Ancora di più, la natura della variazione non era quella che avevano previsto gli scienziati.


"Ci aspettavamo che queste mutazioni fossero simili a quelle del cancro", dice Walsh, spiegando che le mutazioni tumorali tendono a sorgere quando il DNA è copiato in modo imperfetto, in vista della divisione cellulare, "ma in realtà hanno una firma unica tutta loro. Le mutazioni che insorgono nel cervello sembrano verificarsi principalmente quando le cellule stanno esprimendo i loro geni".


I neuroni non si dividono, e il più delle volte il loro DNA è strettamente legato e protetto da eventuali danni. Quando una cellula deve attivare un gene, essa apre il DNA, esponendo il gene in modo che possa essere copiato nell'RNA, il primo passo nella produzione di proteine. In base ai tipi e alle posizioni delle mutazioni che hanno trovato nei neuroni, gli scienziati hanno concluso che la maggior parte dei danni del DNA era avvenuto durante il processo di srotolamento e copia.


Anche se la maggior parte delle mutazioni nei neuroni erano uniche, una piccola percentuale si presentava in più di una cellula. Ciò indica che queste mutazioni si erano originate quando le cellule cerebrali future si stavano ancora dividendo, un processo che si completa prima della nascita. Quelle prime mutazioni sono state trasmesse quando le cellule si sono divise ed erano migrate, e gli scienziati hanno potuto usarle per ricostruire una storia parziale dello sviluppo del cervello.


"Sapevamo che le cellule che hanno condiviso una certa mutazione erano collegate, così abbiamo potuto osservare come le diverse cellule nell'adulto sono legate le une alle altre durante lo sviluppo", spiega Mollie Woodworth, ricercatrice post-dottorato del laboratorio di Walsh. La loro mappatura ha rivelato che cellule strettamente collegate potrebbero finire molto distanti le une dalle altre nel cervello adulto.


Un unico pezzo di tessuto cerebrale può contenere cellule provenienti da cinque diversi lignaggi che divergevano prima che il cervello in sviluppo si separasse da altri tessuti del feto. "Abbiamo identificato le mutazioni successe molto presto, prima che il cervello esistesse, e abbiamo trovato che le cellule che hanno avuto queste mutazioni erano annidate accanto a cellule con mutazioni totalmente differenti", dice la Woodworth.


Infatti, gli scienziati hanno scoperto che un particolare neurone potrebbe essere correlato più strettamente a una cellula nel cuore che non a un neurone adiacente.


Gli scienziati dicono che cellule mischiate con diverse origini di sviluppo potrebbero proteggere il cervello dagli effetti di mutazioni a insorgenza precoce, potenzialmente nocive. Sebbene la maggior parte delle mutazioni catalogate dagli scienziati fossero innocue, essi hanno incontrato mutazioni che hanno distrutto geni che, quando sono deteriorati in tutto il cervello, possono causare malattie.


"Avendo popolazioni molto miste, le cellule che sono una accanto all'altra e responsabili di un compito simile, non sono strettamente correlate tra loro, quindi hanno poche probabilità di condividere la stessa mutazione deleteria", dice Michael Lodato, anch'egli ricercatore post-dottorato del laboratorio di Walsh. Questo potrebbe ridurre il rischio che una particolare mutazione interferisca con una funzione cerebrale localizzata, spiega.


Tuttavia, secondo gli scienziati questa abbondanza di mutazioni potrebbe influenzare la funzione di un cervello normale. "In che misura queste mutazioni clonali plasmano di norma lo sviluppo del cervello, in modo negativo o positivo?", si chiede Walsh. "Fino a che punto abbiamo una parte di cervello che non funziona perfettamente bene, ma non così tanto da chiamarla malattia? Questa è una grande questione aperta".

 

 

 


Fonte: Howard Hughes Medical Institute (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: M. A. Lodato, M. B. Woodworth, S. Lee, G. D. Evrony, B. K. Mehta, A. Karger, S. Lee, T. W. Chittenden, A. M. D'Gama, X. Cai, L. J. Luquette, E. Lee, P. J. Park, C. A. Walsh. Somatic mutation in single human neurons tracks developmental and transcriptional history. Science, 2015; 350 (6256): 94 DOI: 10.1126/science.aab1785

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.