Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


La tecnologia può alleviare l'onere dell'assistenza alle persone con demenza?

La tecnologia può alleviare l'onere dell'assistenza alle persone con demenza?

Un medico che ho intervistato per questo articolo mi ha detto una cosa che mi è rimasta impressa. Ha detto che per ogni persona con demenza che cura, si ritrova a curarne due. Ecco quanto è difficile essere il caregiver di una persona con demenza.


Il medico è Bruce Miller e dirige il Centro Memoria e Invecchiamento dell'Università della California di San Francisco (UCSF). Secondo Miller, il 50 per cento dei caregiver sviluppa una grave malattia depressiva a causa del caregiving. "Il caregiver è così sovraccarico che non sa cosa fare dopo", dice. "Questo aggiunge un enorme onere al sistema sanitario". Questo onere aumenterà notevolmente nel prossimo decennio. Entro il 2025, 7 milioni di americani avranno l'Alzheimer, secondo una recente stima. Altri milioni soffrono di altri tipi di demenza.


Insieme, queste malattie possono diventare il segmento più costoso del cosiddetto «tsunami d'argento»: 80 milioni di baby boomers che stanno invecchiando e che necessitano di più cure mediche. Il costo dell'assistenza ai malati di Alzheimer da solo è destinato a triplicare entro il 2050, a più di 1.000 miliardi di dollari all'anno.


Perciò la UCSF, insieme con il Medical Center dell'Università del Nebraska, sta iniziando uno studio da 10 milioni di dollari finanziato dai Centers for Medicare & Medicaid Innovation federale. I ricercatori hanno in programma di sviluppare un «ecosistema» della demenza, che mira a ridurre il costo dell'assistenza per il numero crescente di pazienti affetti da demenza e per alleviare la pressione sul caregiver.


Ciò interessa i caregivers come Maria Martinez, di 42 anni, che visita quasi ogni giorno i suoi genitori in un piccolo appartamento di San Rafael in California, per aiutare nell'assistenza di sua madre, Aurora Martinez, che ha l'Alzheimer. Maria Martinez è figlia unica con un partner e un lavoro a tempo pieno di terapeuta professionale. Ma quasi ogni giorno trascorre almeno un paio d'ore con i genitori, gestendo un lungo elenco di responsabilità che sono cruciali per la loro capacità di vivere in modo indipendente.


"Ha un appuntamento dal dottore? Ci sono abbastanza pannoloni? Vestiti? Lavanderia. Cose finanziarie, devo gestire anche quello". Fa il bagno alla madre, di 78 anni, gestisce la manutenzione dell'appartamento, fa la maggior parte dello shopping e gestisce le prescrizioni di farmaci per entrambi i genitori.


Soprattutto nelle prime fasi della malattia di Aurora, le preoccupazioni pratiche incombevano alla grande. A volte lei vagava nel mezzo della notte. Suo marito, Arturo Martinez, di 75 anni, ha iniziato a dormire sul pavimento di fronte alla porta, preoccupato che Aurora potesse finire per cadere in strada ed essere investita da un'auto. Infine la Martinez ha installato un chiavistello sopra la porta dove Aurora non poteva arrivare, e un campanello come allarme.


Anche se le Martinez non fanno parte dello studio, sono il tipo di famiglia che lo studio dell'ecosistema sulla demenza è progettato per aiutare. Lo studio arruolerà 2.100 pazienti nei due siti. Ogni paziente avrà un navigatore, una persona del personale non medico che coordinerà le chiamate di assistenza e di triage, così i problemi lievi non costringeranno i pazienti ad andare al pronto soccorso.


Alcuni pazienti riceveranno anche tracciatori e sensori dell'attività, che saranno collocati in giro per la casa o indossati al polso del paziente. Proprio come i campanelli della Martinez, l'idea è di vedere se i sensori possono rilevare quando un paziente sta vagabondando o se è inattivo per troppo tempo.


Qualche settimana fa, in una assolata sala per conferenze alla UCSF, amanti della tecnologia e medici, quasi tutti che hanno, o hanno avuto, familiari con demenza, seduti intorno a un tavolo, hanno fatto brainstorming su altri modi con cui la tecnologia potrebbe essere applicata alla cura della demenza. "Ci sono problemi di sicurezza come lasciare acceso il fuoco", suggerisce Katrin Schenk, che insegna fisica al Randolph College in Virginia. "Si potrebbe facilmente installare un sensore della temperatura che capisce che sono stati lì e hanno accesi il fuoco", dice la Schenk. "E' stato acceso per due ore ... qualcuno deve fare qualcosa".


Oppure, continua, per quanto riguarda il terzo circa di pazienti affetti da demenza che hanno anche il diabete? Un monitor della glicemia, attivato via bluetooth, potrebbe permettere ai familiari e al personale medico di controllarli da remoto?


Se tutto ciò suona invadente, dice Kate Possin, neuropsicologo della UCSF, considerare l'alternativa: figli adulti ansiosi, e genitori che finiscono in case di cura prima di quanto vorrebbero. "Questo può essere un compromesso per loro", dice la Possin. "«Se uso questo sistema, allora il mio figlio, che vive a tre ore da qui, si sentirà a suo agio e sicuro che io possa restare a casa un po' più a lungo»".


Una certo numero di start-up tecnologiche stanno facendo lo stesso ragionamento. A San Francisco, la Lively commercializza un sistema di sensori collegati in rete e un orologio in grado di rilevare l'attività nella casa e far sapere a famigliari o fornitori di servizi se c'è un cambiamento preoccupante. Questo tipo di prodotti, che consentono ai medici e caregivers di controllare i pazienti da remoto, hanno senso per alcuni casi, dice la Schenk.


Ma aiutano nel lungo periodo? Questa è la domanda alla quale vogliono rispondere i ricercatori. "So per certo che nessuno ha avuto i dati e ha dimostrato che [questa tecnologia] funziona", dice la Schenk. "Dimostrato che migliora la salute delle persone, migliora l'onere del caregiver". "Riduce i ricoveri", aggiunge Possin. "Ritarda l'ingresso in una casa di cura", conclude la Schenk.


I ricercatori vogliono anche vedere se i sensori e le altre tecnologie sono utili per le persone nelle fasi successive della demenza come Aurora Martinez o se semplicemente creano più problemi. La Possin dice che sperano di avere alcuni risultati preliminari entro il prossimo gennaio.

 

 

 


Fonte: KVLU FM (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.