Ricerche

Un vocabolario ricco può proteggere dal decadimento cognitivo

Un vocabolario ricco può proteggere dal decadimento cognitivoImmagine: SINC

Alcune persone soffrono di demenza incipiente quando invecchiano. Per compensare questa perdita, viene messa alla prova la riserva cognitiva del cervello.


I ricercatori dell'Università di Santiago de Compostela hanno studiato i fattori che possono contribuire a migliorare questa capacità e concludono che avere un livello più alto di vocabolario è uno di tali fattori.


La «riserva cognitiva» è il nome dato alla capacità del cervello di compensare la perdita delle sue funzioni. Tale riserva non può essere misurata direttamente; si calcola piuttosto attraverso indicatori ritenuti in grado di aumentare questa capacità.


Un progetto di ricerca all'Università di Santiago de Compostela (USC) ha studiato come un ampio vocabolario influenzi la riserva cognitiva degli anziani.


Come ci spiega Cristina Lojo Seoane dalla USC, co-autrice dello studio pubblicato sulla rivista Anales de Psicología (Annali di Psicologia): "Ci siamo concentrati sul livello di vocabolario in quanto è considerato un indicatore di intelligenza cristallizzata (l'uso di capacità intellettuali acquisite in precedenza). Volevamo approfondire la nostra comprensione del suo rapporto con la riserva cognitiva".


Il team di ricerca ha scelto un campione di 326 soggetti over-50: 222 sani e 104 con decadimento cognitivo lieve (MCI). Ha poi misurato i loro livelli di vocabolario, insieme ad altre misure, come gli anni di scuola, la complessità del loro lavoro e le loro abitudini di lettura. E' stato inoltre analizzato il punteggio ottenuto in vari test, come ad esempio il subtest del vocabolario della «Wechsler Adult Intelligence Scale» (WAIS) e il «Peabody Picture Vocabulary Test».


"Con un'analisi di regressione abbiamo calcolato la probabilità di deterioramento dei livelli di vocabolario dei partecipanti", continua la Lojo Seoane. I risultati hanno rivelato una maggiore prevalenza di lieve deterioramento cognitivo nei partecipanti che hanno raggiunto un punteggio più basso di livello di vocabolario.


"Questo ci ha portato a concludere che un livello più alto di vocabolario, come misura della riserva cognitiva, può proteggere dal deficit cognitivo"
, conclude il ricercatore.

 

 

 

 

 


FontePlataforma SINC (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Cristina Lojo-Seoane, David Facal, Onésimo Juncos-Rabadán y Arturo X. Pereiro. El nivel de vocabulario como indicador de reserva cognitiva en la evaluación del deterioro cognitivo ligero. Anales de psicología, October 2014

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: