Ricerche

Esperienze in ogni fase della vita determinano le capacità cognitive in vecchiaia

Esperienze in ogni fase della vita determinano le capacità cognitive in vecchiaiaLo studio contesta le ricerche precedenti che suggerivano associazioni tra razza e origine etnica, in particolare tra i «Latinos», e un maggiore rischio di deterioramento cognitivo e demenza in vecchiaia.Un ampio studio condotto da ricercatori con dell'Alzheimer Disease Center della University of California di Davis e dell'Università di Victoria in Canada, ha scoperto che le prime esperienze di vita (come lo status socio-economico e l'alfabetizzazione nell'infanzia) possono avere maggiore influenza sul rischio di deterioramento cognitivo in età avanzata rispetto alle caratteristiche demografiche come la razza e l'origine etnica.


"Il declino della funzione cognitiva degli anziani è un importante problema sanitario personale e pubblico", ha detto Bruce Reed, professore di neurologia e direttore associato dell'Alzheimer’s Disease Center della UC Davis. "Ma non tutte le persone perdono la funzione cognitiva, e comprendere la notevole variabilità delle traiettorie cognitive quando le persone invecchiano è di fondamentale importanza per la prevenzione, il trattamento e la pianificazione, per promuovere un invecchiamento cognitivo ben riuscito e minimizzare i problemi associati al declino cognitivo".


Lo studio è stato pubblicato online in Neuropsychology, una rivista della American Psychological Association. Si tratta di uno dei primi esami completi delle molteplici influenze dei vari fattori demografici all'inizio della vita e il loro rapporto con l'invecchiamento cognitivo.


La ricerca è stata condotta in un gruppo di oltre 300 uomini e donne diverse che parlavano inglese o spagnolo, reclutati dai centri sociali, ricreativi e residenziali per anziani, nonché nelle chiese e nelle strutture sanitarie. Al momento del reclutamento, tutti i partecipanti allo studio avevano 60 anni o di più, e non avevano avuto grandi malattie psichiatriche o malattie da pericolo di vita. I partecipanti erano caucasici, afro-americani o ispanici. I test approfonditi includevano valutazioni diagnostiche multidisciplinari all'Alzheimer's Disease Center della UC Davis in inglese o spagnolo, fatto che ha permesso il confronto su un gruppo eterogeneo di partecipanti.


Coerentemente con ricerche precedenti, lo studio ha trovato che i caucasici non-Latini hanno ottenuto risultati dal 20 al 25 per cento più alti nei test di memoria semantica (le conoscenze generali) e dal 13 al 15 per cento più alti nei test delle funzioni esecutive, rispetto agli altri gruppi etnici. Tuttavia, le differenze etniche nel funzionamento esecutivo sono scomparse e le differenze della memoria semantica si sono ridotte dal 20 al 30 per cento quando sono state considerate le differenze di gruppo nello status socio-economico infantile, nell'alfabetizzazione degli adulti e l'ammontare di attività fisica durante l'età adulta.


"Questo studio è insolito in quanto esamina l'influenza delle diverse esperienze di vita sul declino cognitivo in età avanzata", ha dichiarato Dan Mungas, professore di neurologia e direttore associato dell'Alzheimer's Disease Research Center della UC Davis. "Ciò dimostra che variabili come l'etnia e gli anni di istruzione, che influenzano i punteggi dei test cognitivi in ​​una singola valutazione, non sono associati al tasso di declino cognitivo, ma che specifiche esperienze di vita come il livello conseguito di lettura e le attività intellettualmente stimolanti sono predittive del tasso di declino cognitivo in vecchiaia. Ciò suggerisce che la stimolazione intellettuale per tutta la durata della vita può ridurre il declino cognitivo in età avanzata".


A parte le distinzioni di etnia, l'età avanzata e l'apolipoproteina-E (genotipo APOE) sono state associate ad un aumento del declino cognitivo sulla media di quattro anni che i partecipanti sono stati seguiti. L' APOE è il più grande fattore noto di rischio genetico per l'insorgenza tardiva dell'Alzheimer. E' stato sperimentato un minor declino dalle persone che hanno segnalato di avere più impegno in attività ricreative in tarda età e che hanno mantenuto il loro livello di coinvolgimento nell'attività dalla mezza età alla vecchiaia.


Anche la lettura di singole parole (la capacità di decodificare una parola a vista, che spesso è considerato un'indicazione della qualità dell'esperienza educativa) è stata associata ad un minore declino cognitivo, una scoperta valida sia per i lettori la lingua inglese e per quelli spagnoli, a prescindere dalla loro razza o etnia. Gli autori hanno detto che questi risultati suggeriscono che le prime esperienze di vita influenzano indirettamente la cognizione in vecchiaia, attraverso l'alfabetizzazione e le attività ricreative in vecchiaia.


"Questi risultati sono importanti", ha spiegato Paul Brewster, autore principale dello studio, studente di dottorato dell'Università di Victoria in Canada, e stagista di psicologia pre-dottorato nel Dipartimento di Psichiatria della UC San Diego, "perché sfida le precedenti ricerche che avevano suggerito associazioni tra razza e origine etnica, in particolare per i Latinos, e un maggiore rischio di deterioramento cognitivo e demenza in vecchiaia. I nostri risultati suggeriscono che le influenze dei fattori demografici sulla cognizione nella tarda età possono riflettere fattori socioeconomici più ampi, come le opportunità educative e le differenze correlate di attività fisica e mentale di tutta la durata della vita".

 

*******
Gli altri autori dello studio sono Rebecca J. Melrose dell'UCLA; Maria Marquine della UC San Diego; Julene K. Johnson e Anna Napoles della UC San Francisco; Anna McKay-Brandt del Nathan Kline Institute for Psychiatric Research, New York; e Sarah Farias, Bruce Reed e Dan Mungas della UC Davis. Lo studio è stato finanziato dal National Institute on Aging e dai Canadian Institutes for Health. È stato sviluppato nell'ambito di una conferenza sponsorizzata dal National Institute on Aging e organizzata dalla UC Davis per promuovere la scienza collaborativa nella ricerca sull'invecchiamento cognitivo.

 

 

 

 

 


FonteUniversity of California - Davis Health System  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti
:  Paul W. H. Brewster, Rebecca J. Melrose, María J. Marquine, Julene K. Johnson, Anna Napoles, Anna MacKay-Brandt, Sarah Farias, Bruce Reed, Dan Mungas. Life Experience and Demographic Influences on Cognitive Function in Older Adults.. Neuropsychology, 2014; DOI: 10.1037/neu0000098

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: