Ricerche

Caregiver famigliari hanno bisogno di più sostegno nella gestione dei farmaci

Caregiver famigliari hanno bisogno di più sostegno nella gestione dei farmaciI caregiver familiari di persone con demenza possono avere bisogno di maggiore sostegno con la gestione dei farmaci, secondo un recente studio.


I ricercatori hanno intervistato i familiari che si prendono cura dei propri cari con demenza per capire i problemi che devono affrontare.


I punti preliminari individuati includono questioni pratiche, la necessità di una comunicazione chiara e che i caregiver trovano questa responsabilità un pesante fardello.


I risultati contribuiranno a definire la futura ricerca sulle difficoltà affrontate dai familiari assistenti. Il lavoro, pubblicato in BMC Research Notes, è stato guidato dal dottor Ian Maidment, docente Senior in Farmacia Clinica alla Aston University; i collaboratori chiave provenivano dalla University of East Anglia, dal NHS, dall'Alzheimer's Society, dall'Università di Edimburgo e dall'University College di Londra.


L'articolo descrive il coinvolgimento dei pazienti e pubblico nello sviluppo di un progetto di ricerca per capire le opinioni dei caregiver familiari, comprese le difficoltà e i pericoli, sul loro potenziale ruolo nel sostenere la gestione dei farmaci della persona con demenza che assistono.


Il Ministero della Salute della GB ha dichiarato che per sviluppare una ricerca appropriata, il pubblico in generale ed i pazienti devono essere coinvolti nello sviluppo della domanda di sovvenzione. Questo processo, come riportato in BMC Research Notes, è un esempio di collaborazione alla progettazione con un adeguato coinvolgimento del pubblico in generale nel settore chiave della demenza.


Il Dr Chris Fox, docente di Salute Mentale alla UEA e responsabile della demenza all'«East of England Comprehensive Research Network», ha dichiarato: "Accogliamo con favore questo studio, che mostra i benefici della collaborazione nello sviluppo di progetti per raggiungere scenari del mondo reale, così vitali per guidare gli studi di ricerca che affrontano l'assistenza nella demenza".


Barbara Woodward-Carlton, membro dell'Alzheimer’s Society Research Network e ex rappresentante dei caregiver al «DeNDRon (Demenza e Neurodegenerative Diseases) Research Network», ha dichiarato: "Molti di noi non hanno idea di quanto si deve fare e capire, e quanto è duro e spesso sconcertante perchè quelli che assistiamo mettano tutto insieme per ottenere i migliori risultati possibili dai farmaci".


Il Dott. Ian Maidment ha aggiunto: "Il sostegno della DeNDRon e dell'Alzheimer's Society è stato fondamentale nello sviluppo di questo programma di ricerca". Attualmente, il dottor Ian Maidment e gli altri membri del team, supportati dalla DeNDRon, stanno perseguendo i temi relativi a studi finanziati da vari enti tra cui l'NIHR (National Institute for Health Research), Pharmacy Research UK e l'Alzheimer's Society.


Il dottor Ian Maidment ha dichiarato: "I caregiver familiari hanno un ruolo chiave nel sostenere la gestione dei farmaci in particolare quando la demenza progredisce. Abbiamo bisogno di capire le sfide che essi devono affrontare e come gli operatori sanitari possono aiutarli".

 

 

 

 

 


FonteAston University  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Fiona Poland, Sarah Mapes, Hilary Pinnock, Cornelius Katona, Susanne Sorensen, Chris Fox, Ian D Maidment. Perspectives of carers on medication management in dementia: lessons from collaboratively developing a research proposal. BMC Research Notes, 2014; 7 (1): 463 DOI: 10.1186/1756-0500-7-463

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: