Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Capire l'Alzheimer: come ​​sono selezionate le proteine da smaltire?

Capire l'Alzheimer: come sono selezionate le proteine da smaltire?E' quasi un assioma che le proteine mal ripiegate compromettono il funzionamento normale delle cellule e che causano malattie umane debilitanti, ma finora non si capiva bene come queste proteine sono rilevate e degradate all'interno del corpo.


Le malattie neurodegenerative (che comprendono l'Alzheimer, il Parkinson, la sclerosi laterale amiotrofica o morbo di Lou Gehrig, l'Huntington e le atassie spino-cerebellari) esigono un pedaggio devastante dalla popolazione che invecchia in tutto il mondo.


"Eppure, non c'è praticamente nessuna cura per una qualsiasi di tali malattie e gli studi clinici hanno dato risultati per lo più deludenti, indicando che gli investigatori stanno ignorando qualcosa di fondamentale su queste malattie", dice Xiaolu Yang, PhD, professore di Biologia del Cancro alla Perelman School of Medicine dell'Università della Pennsylvania. Tutte queste malattie sono causate da un accumulo di proteine ​​tossiche mal ripiegate in tipi diversi di neuroni. "Tuttavia, la nostra conoscenza è molto limitata circa il modo in cui le cellule normalmente rimuovono queste proteine, una questione fondamentale per capire cosa va storto nelle malattie neurodegenerative".


Yang e il primo autore Lili Guo, PhD, studente di dottorato nel laboratorio di Yang, hanno identificato un percorso di riciclaggio delle proteine nelle cellule di mammifero che rimuovono le proteine mal ripiegate. I risultati del loro studio compaiono oggi online su Molecular Cell in anticipo sull'edizione cartacea. Hanno anche dimostrato il ruolo di questo percorso nella protezione dalle malattie neurodegenerative in un modello animale. Guo è ora borsista postdottorato in un altro laboratorio della Perelman School.


Le proteine sono i cavalli da lavoro delle cellule. Sono le macromolecole più abbondanti, estremamente versatili nelle loro funzioni e criticamente importanti per quasi tutti i processi biologici. Tuttavia, le proteine sono anche molto inclini al misfolding [errata piegatura] a causa di mutazioni genetiche, imprecisioni sintetiche e danni irreparabili. Inoltre, l'emivita di molte proteine è relativamente breve, da pochi minuti ad alcune ore, necessitando di una sintesi continuata. Tale situazione pone un onere alla cellula per mantenere il controllo di qualità nel ripiegamento corretto delle proteine.


"Questo documento risolve una questione di lunga data nel controllo di qualità delle proteine; come vengono selezionate con precisione le proteine mal ripiegate per essere degradate", osserva Yang. "Questo sistema appena descritto potrebbe essere un obiettivo importante per il trattamento delle malattie neurodegenerative".

 

Riciclaggio in due fasi

In qualsiasi cellula che funziona normalmente, la qualità delle proteine è mantenuta da due sistemi:

  1. Il primo è costituito dalle proteine chaperone [=cicerone, guida], come dita che piegano la carta in forma di origami esse guidano le catene di aminoacidi a piegarsi nella forma corretta finale della proteina.
  2. Il secondo è il sistema di riciclaggio che elimina le proteine mal ripiegate e, infine, le scompone nei singoli aminoacidi. Questo sistema coinvolge il proteasoma, un complesso proteico presente in tutto il citoplasma e nel nucleo delle cellule. "Ma non è chiaro come sono riconosciute le proteine deformi e trasportate al proteasoma per essere degradate. Questo studio sposta il campo in avanti, perché abbiamo dimostrato che il sistema è comune a molti tipi di proteine mal ripiegate", osserva Yang.


Oltre a identificare passo-passo i giocatori molecolari del sistema che elimina le proteine mal ripiegate, i ricercatori hanno anche definito il metodo di azione del sistema: il meccanismo d'azione è un sistema di relè con due proteine.

 

  1. La prima proteina (PML/TRIM19) riconosce le caratteristiche delle proteine mal ripiegate, come i nuclei interni esposti acqua-fobici, che emergono e aumentano la formazione di grumi proteici tossici. La PML interagisce selettivamente con le proteine mal ripiegate, riconoscendo questa, ed altre funzioni distinte, e marcano le proteine mal ripiegate con catene di una piccola proteina chiamata SUMO (small ubiquitin-like modifier, piccolo modificatore simil-ubiquitina).
  2. Le proteine mal ripiegate modificate con la SUMO vengono poi riconosciute dalla seconda proteina (RNF4) che le etichetta con catene di un'altra piccola proteina chiamata ubiquitina. La catena ubiquitina è un segnale che può essere riconosciuto da parte del proteasoma con forma a botte, che porta alla degradazione delle proteine mal ripiegate.


Il team ha poi continuato dimostrando l'importanza fisiologica del sistema di eliminazione, usando un modello di topo di atassia spinocerebellare 1 (SCA1), una malattia neurologica letale che causa problemi con il movimento e l'equilibrio. Causa della SCA1 sono delle mutazioni nel gene ATXN1, che coinvolgono segmenti ripetuti dei blocchi di costruzione del DNA citosina (C), adenina (A), e guanina (G) che compaiono più volte di fila nel gene, che codifica un tratto contiguo di aminoacidi glutammina.


Di norma il segmento CAG viene ripetuto da 4 a 39 volte all'interno del gene. Nella SCA1, il segmento CAG si ripete da 40 a più di 80 volte, il che porta ad un livello anomalmente lungo della proteina ataxina-1, che si ripiega in una forma tridimensionale sbagliata e forma grumi all'interno del nucleo. Il gruppo ha indicato che una carenza di PML aggrava sia i difetti comportamentali che quelli neuropatologici causati dalla ripetizione CAG espansa nel topo con SCA1, indicando che la PML funziona di norma per proteggere dalla neurodegenerazione.


La proteina PML è coinvolta anche nella formazione di tumori, ed è così che Yang, un biologo del cancro, è stato coinvolto in questo tipo di ricerca. "Le conoscenze acquisite da questo progetto ci forniscono ora la disponibilità di nuovi bersagli terapeutici per le malattie neurodegenerative. Forse nuovi farmaci potrebbero migliorare il sistema di eliminazione, aumentando l'azione della PML o della RNF4, o potrebbero bloccare gli inibitori del processo di codifica SUMO e dell'ubiquitina", dice Yang.


Hanno collaborato Alex Glavis-Bloom, Michael D. Brewer, James Shorter, Aaron D. Gitler, ora al Stanford Medical Center, e Benoit I. Giasson, ora all'Università della Florida. La ricerca è stata sostenuta in parte dal National Cancer Institute e dall'Istituto Nazionale delle Scienze Mediche Generali.

 

 

 

 

 


FontePerelman School of Medicine at the University of Pennsylvania  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Lili Guo, Benoit I. Giasson, Alex Glavis-Bloom, Michael D. Brewer, James Shorter, Aaron D. Gitler, Xiaolu Yang. A Cellular System that Degrades Misfolded Proteins and Protects against Neurodegeneration. Molecular Cell, 2014; DOI: 10.1016/j.molcel.2014.04.030

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.