Ricerche

Cervello di semplici animali marini potrebbe aiutare a curare neurodegenerazioni

Cervello di semplici animali marini potrebbe aiutare a curare neurodegenerazioniLeidy’s Comb Jelly (Mnemiopsis leidyi) Fonte: National Aquarium)Uno scienziato della Florida, che studia gli animali marini semplici chiamati Ctenophora (comb jellies in Inglese), ha scoperto il piano d'azione per una nuova forma di sviluppo del cervello che potrebbe portare a trattamenti per il Parkinson, l'Alzheimer e altre malattie neurodegenerative.


"C'è più di un modo per fare un cervello", ha detto alla Reuters il ricercatore Leonid Moroz della University of Florida, che ha guidato un team di ricerca internazionale.


Moroz ha detto che la sua ricerca, pubblicata Mercoledì scorso sulla rivista Nature, pone anche le creature del tipo Ctenophora sul primo ramo dell'«albero della vita» del regno animale, sostituendo e spingendo in sù le specie spugnose dal gradino più basso della progressione evolutiva.


Moroz ha detto che la ricerca dovrebbe portare ad una riclassificazione dell'«albero della vita» del regno animale e rimodellare due secoli di pensiero zoologico.


Le Ctenophora sono diverse dalle comuni meduse.

Moroz ha detto che il suo team ha scoperto che la composizione molecolare delle Ctenophore, e il modo in cui si sono sviluppate è radicalmente diverso - anche se ancora complesso - da tutti gli altri animali, coinvolgendo geni e trasmettitori neurali diversi.


Il ragionamento scientifico tradizionale ha sentenziato che semplici reti nervose si sono evolute fino al livello umano di complessità, lungo un unico percorso. Ma ora sembra che le Ctenophore abbiano preso una strada diversa, usando un linguaggio neurochimico che non esiste negli altri animali. "Tutti gli altri animali hanno lo stesso linguaggio chimico, ma questi ragazzi hanno un linguaggio completamente diverso. Non è solo una grammatica diversa. È un alfabeto diverso", ha detto Moroz.


Le Ctenophore, per esempio, non usano la dopamina, implicata nel Parkinson, per controllare l'attività cerebrale. Esse sono inoltre in grado di rigenerare il loro cervello in meno di quattro giorni. In un esperimento, una Ctenophora ha rigenerato il suo cervello quattro volte. "Ora sappiamo che possiamo costruire sistemi neurali in modo diverso", ha detto Moroz, secondo il quale le malattie degenerative del cervello di solito possono essere trattate per stallarne la progressione, ma non per invertirla.


Scoprire la chiave della rigenerazione, o appropriarsi del linguaggio chimico diverso delle Ctenophore, potrebbe portare a progressi della medicina sintetica e rigenerativa, ha detto.

 

 

 

 

 


Fonte:  Barbara Liston in Reuters.com (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: