Ricerche

Finche' la malattia non ci separi: più donne lasciate sole in caso di malattia grave

Finche la malattia non ci separi: più donne lasciate sole in caso di malattia graveNella dichiarazione classica durante il matrimonio, le coppie promettono di stare insieme in salute e in malattia.


Ma un nuovo studio trova che, quando si ammala gravemente la moglie (ma non il marito), aumenta il rischio di divorzio tra i coniugi anziani.


"Le donne sposate con la diagnosi di una grave condizione di salute possono trovarsi alle prese con l'impatto della loro malattia, e allo stesso tempo dover affrontare lo stress del divorzio", dice Amelia Karraker, ricercatrice dell'«Institute for Social Research» (ISR) dell'Università del Michigan. La Karraker ha presentato questi risultati ieri, 1° maggio, alla riunione annuale della Population Association of America.


Per lo studio, lei e il co-autore Kenzie Latham della Indiana University-Purdue University di Indianapolis, hanno analizzato 20 anni di dati su 2.717 matrimoni dell'«Health Study and Retirement», condotto dall'ISR dal 1992. Al momento del primo colloquio, almeno uno dei partner aveva più di 50 anni.


I ricercatori hanno esaminato come colpisce il matrimonio l'insorgenza di quattro gravi malattie fisiche: cancro, problemi cardiaci, malattie polmonari e ictus. Essi hanno scoperto che nel complesso, il 31 per cento dei matrimoni sono finiti con un divorzio nel periodo studiato. Anche l'incidenza dell'insorgenza di nuove malattie croniche aumenta nel corso del tempo, e più mariti che mogli sviluppano i gravi problemi di salute esaminati. "Abbiamo scoperto che le donne sono doppiamente vulnerabili alla dissoluzione coniugale di fronte alla malattia", dice la Karraker. "Hanno più probabilità di essere vedove, e se sono loro ad ammalarsi, hanno più probabilità di divorziare".


Anche se lo studio non ha valutato perché il divorzio è più probabile quando ad ammalarsi gravemente è la moglie (e non il marito), la Karraker offre alcune possibili spegazioni. "Le norme di genere e le aspettative sociali sul caregiving possono rendere più difficile per gli uomini fornire assistenza al coniuge malato", ipotizza la Karraker. "E a causa dello squilibrio nel mercato del matrimonio, soprattutto in età più avanzata, gli uomini divorziati hanno più scelte di partner potenziali rispetto alle donne divorziate". "In questo studio non abbiamo avuto informazioni su chi ha avviato il divorzio. Ma è importante tenere a mente che nella maggior parte dei casi, sono le donne che lo fanno. Quindi potrebbe essere che quando le donne si ammalano e il marito non fa un buon lavoro nel prendersi cura di loro, esse preferiscono che se ne vada e affidarsi agli amici e alla famiglia che si prenderà cura di loro".


Data la crescente preoccupazione per i costi sanitari per la popolazione, la Karraker ritiene che i politici dovrebbero essere consapevoli del rapporto tra la malattia e il rischio di divorzio. "Offrire servizi di supporto ai coniugi caregiver può ridurre la tensione coniugale e evitare il divorzio in età avanzata", dice. "Ma è anche importante riconoscere che l'impulso per il divorzio può dipendere dalla malattia e che le divorziate ammalate possono avere bisogno di assistenza e servizi aggiuntivi per prevenire il peggioramento della salute e l'aumento delle spese sanitarie".

 

 

 

 

 


FonteUniversity of Michigan  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: