Ricerche

Estradiolo protegge cervello di donne in postmenopausa a rischio di demenza

Estradiolo protegge cervello di donne in postmenopausa a rischio di demenzaEsempio di confezione di EstradioloLa terapia ormonale con estradiolo, quando inizia subito dopo la menopausa, impedisce la degenerazione in regioni cruciali del cervello di donne ad alto rischio di demenza, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della School of Medicine alla Stanford University.


I ricercatori hanno anche scoperto che un altro tipo di terapia ormonale, commercializzato con il marchio Premarin, è molto meno protettivo. Il Premarin è una miscela di oltre 30 sostanze derivate dalle urine di cavalle gravide.


L'Estradiolo (l'ormone steroide-sessuale dominante nella donna) rappresenta circa il 17 per cento del contenuto totale del Premarin. Altri componenti del Premarin esercitano vari effetti endocrinologici su diversi tessuti.


Lo studio randomizzato cercava di capire gli effetti del proseguimento oppure della sospensione della terapia ormonale sul metabolismo cerebrale. E' stato pubblicato il 12 marzo su PLoS ONE. I risultati indicano che l'effetto neurologico della terapia ormonale nelle donne a rischio di demenza dipende in modo critico dal momento dell'inizio della terapia e dall'uso di estradiolo o Premarin, ha detto l'autore principale Natalie Rasgon, MD, PhD, professoressa di psichiatria e scienze comportamentali e direttrice dello «Stanford Center for Neuroscience in Women’s Health».


I ricercatori hanno osservato delle regioni del cervello, dentro e attorno all'ippocampo, associate alla memoria e alla funzione esecutiva. Queste regioni sono tra le prime a mostrare deterioramento dell'attività metabolica in molte forme di demenza, che vanno dal deterioramento cognitivo lieve all'Alzheimer.


Le donne che sono rimaste sul regime di estradiolo, iniziato entro un anno dall'inizio della menopausa, hanno conservato l'attività metabolica in un certo numero di queste regioni del cervello. La stessa è invece diminuita significativamente in quelle che hanno smesso di usare l'ormone.

 

Problemi progestinici

Rimanere sul Premarin invece, sembra che acceleri il declino metabolico in alcune di queste regioni del cervello. Se si prende un altro ormone, la progestina (essenzialmente un progesterone sintetico), insieme sia all'estradiolo che al Premarin, esso cancella il vantaggio neurologico dell'estradiolo e accentua il declino visto con il Premarin.


Lo studio, anche se troppo piccolo per delineare risultati significativi di test della cognizione, è abbastanza grande per acquisire un elevato livello di significatività statistica per i risultati di imaging. "I cambiamenti metabolici in queste aree del cervello fanno prevedere dei sintomi evidenti di declino cognitivo, a volte di decenni", ha detto la Rasgon. "Stiamo trovando cambiamenti significativi nelle donne che sono ancora cognitivamente intatte". Una delle implicazioni è che, se i segni di demenza imminente in una donna possono essere contrassegnati nella fase iniziale, l'intervento con l'estradiolo potrebbe forse evitarli.


"Questo è uno studio importante che affronta diversi elementi di incertezza, o addirittura di controversia, sulla terapia ormonale per le donne in postmenopausa", ha detto David Rubinow, MD, PhD, ex capo della divisione di endocrinologia comportamentale all'Istituto Nazionale di Salute Mentale e attualmente professore e cattedra di psichiatria alla University of North Carolina-Chapel Hill, non coinvolto nello studio, pur avendone famigliarità. Egli ha detto che i risultati sono "assolutamente coerenti con una grande quantità di prove da studi di base in laboratorio e sugli animali" riguardanti il ​​ruolo protettivo dell'estradiolo in molti tessuti.

 

Declino nella terapia ormonale

Più di 20 milioni di donne negli Stati Uniti hanno tra i 45 ed i 55 anni, una fascia di età in cui molte, una volta, erano considerate candidate al Premarin o altre forme di terapia ormonale. Anche se alcune donne oggi scelgono di andare in terapia ormonale per alleviare i sintomi della menopausa, il prodotto era ampiamente propagandato come protezione delle donne in post-menopausa dalle malattie cardiache, dall'osteoporosi e anche dal declino cognitivo.


Dal 1992 al 2001, il Premarin è stato il farmaco ormonale più prescritto negli Stati Uniti. Ma, dopo le notizie negative di circa dieci anni fa di alcuni grandi studi multicentrici, il suo uso è precipitato. Nel 2003, uno di quegli studi aveva concluso che l'incidenza della demenza nelle donne da 65 a 79 anni di età, che erano state assegnate in modo casuale al Prempro (Premarin più progestina), era doppia di quella delle donne su un placebo.


Ma ci sono differenze significative tra le partecipanti a questo studio e quelle di quello nuovo: le donne nello studio precedente avevano iniziato la terapia ormonale molto tempo dopo che il loro corpo aveva smesso di produrre notevoli quantità di estrogeni. Un'altra importante distinzione: le donne nel braccio attivo di quell'esperimento precedente erano state messe sul Prempro, la cui componente progestinica, secondo il nuovo studio, in realtà accelera il deterioramento metabolico nel cervello delle donne, almeno di quelle inclini alla demenza.


Per il nuovo studio, gli scienziati di Stanford hanno reclutato diverse decine di donne dell'area della Baia di San Francisco, con buona istruzione, per lo più sotto i 60 e in ottima salute. Tutte avevano iniziato la terapia ormonale entro un anno dall'ultimo ciclo mestruale. E tutte avevano un rischio maggiore di demenza, perché avevano una storia personale di depressione grave, o avevano un parente di primo grado (padre, madre, fratello o sorella) che aveva sofferto di Alzheimer, o erano portatrici del genotipo positivo per l'infame allele Apo4, una variante del gene nota per aumentare notevolmente il rischio delle donne per l'Alzheimer.

Dopo la scansione cerebrale iniziale, con tomografia a emissione di positroni, le partecipanti allo studio sono state randomizzate sul loro abituale regime di terapia ormonale o sulla sua interruzione. Due anni più tardi, 45 donne (28 che erano rimaste nella terapia ormonale e 17 che l'avevano fermata) hanno avuto una nuova scansione cerebrale. Il confronto delle PET, tra l'iniziale e quella dopo due anni, ha rivelato che l'attività metabolica nella corteccia prefrontale mediale - essenziale per il processo decisionale - era meglio conservata nelle partecipanti che erano rimaste sulla terapia ormonale.


Ma in diverse altre regioni cerebrali predittive della demenza, i cambiamenti nell'attività metabolica erano diversi a seconda della formulazione ormonale. In particolare, in un punto particolare conosciuto come «regione del precuneo /cingolo posteriore» (dove il declino metabolico è molto documentato come predittivo, a volte di un decennio o più, della demenza esteriormente visibile, nelle donne a rischio), l'attività metabolica era danneggiata, piuttosto negativamente, dall'interruzione dell'estradiolo, ma estremamente ben conservata tra le donne che erano rimaste su tale regime.


Tuttavia, le donne che avevano continuato con il Premarin non hanno avuto rallentamenti nel deterioramento dell'attività metabolica in questa regione. Aggiungere progesterone a uno dei due regimi ha solo peggiorato le cose.

 

Restano dei rischi

"Non avevamo previsto che il tipo di terapia estrogenica avesse un effetto distinto sul cervello", ha detto la Rasgon. "Tuttavia, gli effetti dell'estradiolo sul corpo non sono del tutto benigni. Ad esempio, l'esposizione all'ormone aumenta il rischio di cancro al seno e dell'utero. Le donne in perimenopausa, con fattori di rischio per la demenza, dovrebbero parlare con il loro medico per capire se abbia un senso la terapia ormonale a base di estradiolo".


Se questi risultati saranno replicati in un campione più ampio di donne in postmenopausa non a rischio di demenza, la terapia ormonale a base di estradiolo potrebbe diventare un trattamento più scelto per mantenere ottimale l'invecchiamento del cervello, ha detto.


Lo studio, il cui autore senior è Daniel Silverman, MD, PhD, capo delle scansioni neuronucleari dell'«Ahmanson Translational Imaging Division» all'UCLA, è stato finanziato dal National Institute on Aging. Altri co-autori della Stanford sono Tonita Wroolie, PhD, assistente professore clinico di psichiatria e scienze comportamentali; Katherine Williams, MD, professore associato clinico di psichiatria e scienze comportamentali; Heather Kenna, direttrice della ricerca; e Cheri Geist, assistente di ricerca clinica.

 

 

 

 

 


Fonte: Bruce Goldman in Stanford University Medical Center  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Natalie L. Rasgon, Cheri L. Geist, Heather A. Kenna, Tonita E. Wroolie, Katherine E. Williams, Daniel H. S. Silverman. Prospective Randomized Trial to Assess Effects of Continuing Hormone Therapy on Cerebral Function in Postmenopausal Women at Risk for Dementia. PLoS ONE, 2014; 9 (3): e89095 DOI: 10.1371/journal.pone.0089095

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017 DaNonPerdere

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta e ​...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

04.08.2017 DaNonPerdere

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017 DaNonPerdere

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 DaNonPerdere

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

07.10.2016 DaNonPerdere

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016 DaNonPerdere

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 DaNonPerdere

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016 DaNonPerdere

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015 DaNonPerdere

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015 DaNonPerdere

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 DaNonPerdere

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015 DaNonPerdere

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015 DaNonPerdere

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015 DaNonPerdere

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015 DaNonPerdere

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015 DaNonPerdere

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015 DaNonPerdere

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

05.12.2014 DaNonPerdere

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014 DaNonPerdere

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

02.11.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

06.10.2014 DaNonPerdere

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

01.10.2014 DaNonPerdere

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014 DaNonPerdere

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...